Trama

Tina, una guardia di frontiera con un sesto senso particolare nell'identificare i contrabbandieri, si trova faccia a faccia con una persona che non riesce bene a inquadrare e a capire se sia colpevole o no. Si ritroverà così costretta a fare i conti con terrificanti rivelazioni su se stessa e sull'umanità in generale.

Approfondimento

BORDER: IL CONFINE TRA REALE E FANTASTICO

Diretto da Ali Abbasi e sceneggiato dallo stesso con Isabella Eklöf e John Ajvide Lindqvist, Border racconta la storia di Tina, una doganiera nota per il suo straordinario olfatto. Per certi versi, è come se Tina riuscisse ad annusare da lontano il senso di colpa di chiunque nasconda qualcosa. Eppure, quando Vore, un uomo che sin dall'aspetto non sembra nascondere nulla di buono, le passa accanto, le sue abilità vengono messe alla prova come non mai. Il sesto senso le dice che Vore nasconde qualcosa che non riesce a identificare e, ancor peggio, inizia a provare nei suoi confronti una strana attrazione.

Entrando pian piano in confidenza con Vore, Tina ne scopre la vera identità e realizza anche molte cose sul suo stesso conto. Come Vore, anche Tina non appartiene a questo mondo. Tutta la sua esistenza si basa su una grande bugia ed è chiamata a scegliere tra il continuare a vivere nella menzogna o l'abbracciare le terrificanti rivelazioni avute da Vore.

Con la direzione della fotografia di Nadim Carlsen, le scenografie di Frida Hoas, i costumi di Elsa Fischer e le musiche di Christoffer Berg e Martin Dirkov, Border si basa sull'omonimo racconto di John Ajvide Lindqvist. A raccontare il progetto cinematografico è lo stesso regista in occasione della partecipazione del film nella sezione Un certain regard del Festival di Cannes 2018: "Dare una definizione di genere oggi è complicato. Si tratta di trovare una cornice per un'opera e allo stesso tempo venderla. Quando ascoltiamo Wagner, non ci chiediamo a che genere appartiene. Sappiamo che all'ascolto percepiamo diverse sensazioni, brutalità, romanticismo, umorismo, elementi grotteschi... e non cerchiamo di inquadrarlo: Wagner è uno degli artisti che più ha amato la commistione di generi creando qualcosa di speciale e unico. Tutto ciò per dire che non ho mai pensato a Border come una commistione di generi, dalla commedia alla fantascienza, anche se buona parte del mio lavoro di regista consiste nell'essere un buon mixer, in grado di bilanciare tutti i diversi elementi a disposizione per realizzare un unicum coerente. Per Border, più che di generi preferisco parlare di film molto europeo: se fosse stata una produzione giapponese o americana, probabilmente sarebbe stata più etichettabile.

Provengo da una formazione letteraria e il mio cervello continua a lavorare come quello di uno scrittore: ho imparato a raccontare storie e c'è voluto molto tempo prima che mi interessarsi ai film, che nella mia mente erano soltanto un prodotto destinato alle masse, un passatempo per gente che non aveva di meglio da fare. Poi ho scoperto che il cinema, al di là della trama, può essere uno strumento stimolante per analizzare un mondo diverso dal mio e creare arte tagliando ogni connessione con la propria storia personale. Amo adesso Luis Buñuel e mio figlio si chiama Luis in suo onore. Chantal Akerman è colei a cui ho dedicato il mio primo cortometraggio (mi piace come porti la banalità della vita a un livello assurdo e surreale). Federico Fellini è uno dei maestri che più ammiro e che può essere considerato il Wagner del cinema per la sua capacità di mescolare diversi generi e farli funzionare.

La prima volta che sono entrato in contatto con il mondo di Lindqvist è stato vedendo Lasciami entrare. Subito dopo ne ho letto il libro. La storia ha inventato qualcosa di inedito, quello che oggi viene definito realismo scandinavo. Ammetto che mai avrei immaginato che un genere così innovativo potesse venire fuori dalla Svezia. Mi sono allora immerso nell'universo di Lindqvist e delle sue narrazioni dalle molteplici letture. Lasciami entrare offre una versione distorta della società svedese o è semplicemente una versione alternativa del mito dei vampiri? Non abbiamo una risposta ma sappiamo che una delle qualità peculiari dello scrittore è quella di saper costruire un ponte ideale tra il reale e il fantastico. La passione per i suoi universi mi ha portato a Border, un racconto a prima vista impossibile da trasporre perché si svolge tutto nella testa di Tina. In fase di sceneggiatura, ovviamente, sono stati fatti dei cambiamenti e si è aggiunta tutta la parte secondaria relativa all'investigazione. Da figlio della cultura iraniana, non potevo poi non inserire elementi di realismo magico e misticismo".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Border è Ali Abbasi, regista e sceneggiatore di origine iraniana. Nato nel 1981, ha alle spalle una carriera da scrittore che lo ha portato a pubblicare diversi racconti brevi in persiano. Nel 2002 ha lasciato i suoi studi al Politecnico di Teheran per viaggiare in Europa, stabilirsi in ultimo a Stoccolma… Vedi tutto

Commenti (4) vedi tutti

  • Straordinario e originalissimo viaggio nella diversità. Angoscia, depressione, senso di inadeguatezza e colpa dominano un'opera inquietante ed ipnotica, magistralmente scritta e diretta, mai banale, mai scontata. Dopo l'altrettanto riuscito "Shelley" Ali Abbasi si conferma e si migliora.

    commento di LKA
  • Il confine di cui ci parla Ali Abbasi non è di tipo territoriale e non è neanche quello tra chi è avvertito come diverso e chi ritiene di stare dalla parte corretta del mondo. Ma tra chi conserva il senso dell' umano e chi sceglie la disumanità come sedicente arma di giustizia. Conosciute le sue origini, Tina non pensa al male per farsi del bene.

    commento di Peppe Comune
  • Come il precedente tratto da Lindqvist, quest'ultimo film sottolinea le sue riflessioni allegoriche sulle implicazioni sociali che sottendono la vera natura della diversità, intesa come deviazione dai caratteri somatici della normalità quanto quella assai più subdola che ne qualifica una mostruosità etica tanto più pericolosa quanto meno evidente

    leggi la recensione completa di maurizio73
  • oggetto misterioso e cupo, qusto film riesce nel non facile compito di parlare del tema dell'alieno con personalità, senza mai cadere nel ridicolo, pericolo sempre nell'aria in questi casi. al termine della visione è soprendente andare a scoprire i volti dei due attori principali.

    commento di giovenosta
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

maurizio73 di maurizio73
7 stelle

Ispettrice doganale dal fiuto infallibile, Tina è una donna dall'aspetto ferino che vive con un addestratore di cani perdigiorno in una baita al confine dei boschi. Il suo incontro con un essere deforme simile a lei, le farà scoprire la sua vera natura e le sue reali origini, ma al contempo la renderà testimone di un abbrutimento morale che accomuna i due mondi di cui sente… leggi tutto

5 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

ethan di ethan
5 stelle

Tina (Eva Melander), donna corpulenta e piuttosto brutta, lavora come agente della dogana in un aeroporto in Svezia e ha un olfatto talmente sviluppato da percepire non solo determinati odori ma perfino lo stato d'animo dei passeggeri che transitano: quando al controllo però irrompe Vore (Eero Milonoff), anch'egli dall'apparenza sgradevole, la donna si sente irrimediabilmente attratta e… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

pappolo di pappolo
1 stelle

Non capisco come non abbia ancora una recensione negativa, la mia sarà la prima...  ma sono impazziti tutti? La bruttezza è il filo conduttore dell'opera, da quella fisica a quella morale a quella della trama, dei personaggi e di tutto..  poteva intitolarsi "elogio della bruttezza.". Mah, io non sono riuscito a finirlo, il disgusto ha preso il sopravvento, e sopratutto mi… leggi tutto

1 recensioni negative

2019
2019

Recensione

ethan di ethan
5 stelle

Tina (Eva Melander), donna corpulenta e piuttosto brutta, lavora come agente della dogana in un aeroporto in Svezia e ha un olfatto talmente sviluppato da percepire non solo determinati odori ma perfino lo stato d'animo dei passeggeri che transitano: quando al controllo però irrompe Vore (Eero Milonoff), anch'egli dall'apparenza sgradevole, la donna si sente irrimediabilmente attratta e…

leggi tutto
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 15 voti
vedi tutti

Recensione

GoonieAle di GoonieAle
7 stelle

Bellissimo film del regista Abbisi iraniano trapiantato in Svezia, che già aveva colpito con il gioiello Lasciami entrare. Storia di una "diversa", emarginata, alla prese con un "dono" che usa lavorando alla dogana della sua città per cercare (annusando come un cane da caccia) le malefatte degli uomini che oltrepassano il confine. Quando arriverà un suo simile, capirà…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

pappolo di pappolo
1 stelle

Non capisco come non abbia ancora una recensione negativa, la mia sarà la prima...  ma sono impazziti tutti? La bruttezza è il filo conduttore dell'opera, da quella fisica a quella morale a quella della trama, dei personaggi e di tutto..  poteva intitolarsi "elogio della bruttezza.". Mah, io non sono riuscito a finirlo, il disgusto ha preso il sopravvento, e sopratutto mi…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 22 voti
vedi tutti

Recensione

maghella di maghella
7 stelle

Tina è una donna brutta, molto brutta. Una bruttezza che ha invaso ogni millimetro del suo corpo come una pianta infestante. La pelle, gli occhi, i capelli, perfino la postura sono brutti, tanto che le persone che Tina avvicina abbassano lo sguardo per non dover mostrare in modo evidente il proprio ribrezzo. Tina vive in una casa isolata, con lei c'è Roland un giovane addestratore…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

diomede917 di diomede917
7 stelle

Negli ultimi anni il cinema scandinavo ha dato segni di grande vitalità creativa sopratutto nella sezione collaterale di Cannes del Certain Regard. Il 2014 ci ha fatto conoscere Ruben Ostlund e il suo Forza Maggiore preludio della futura Palma d'oro con The Square, quest'anno la giuria presieduta da Benicio Del Toro ha voluto premiare Border, film tratto da un romanzo di John Lindqvist…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti

Recensione

maurizio73 di maurizio73
7 stelle

Ispettrice doganale dal fiuto infallibile, Tina è una donna dall'aspetto ferino che vive con un addestratore di cani perdigiorno in una baita al confine dei boschi. Il suo incontro con un essere deforme simile a lei, le farà scoprire la sua vera natura e le sue reali origini, ma al contempo la renderà testimone di un abbrutimento morale che accomuna i due mondi di cui sente…

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 25 marzo 2019

Recensione

SillyWalter di SillyWalter
6 stelle

    Favola nera a-moralista a-mmonitrice. Del genere gender-fluido. Del tipo che se alla dogana in arrivo da Nederlanderthal vi trovate davanti uno/una che sembra condividere il vostro stesso patrimonio cromosomico cromagnonico, è il caso di fidarvi del vostro istinto naturale. Potreste scoprire che lo specchio è decisamente la più inutile invenzione…

leggi tutto
Recensione
Utile per 9 utenti
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
locandina
Foto

Recensione

alan smithee di alan smithee
7 stelle

CANNES 2018 - PREMIO UN CERTAIN REGARD - CINEMA OLTRECONFINE Tina è una ragazza atipica nei modi e nelle fattezze fisiche, che una natura bizzarra le ha conferito senza troppa clemenza, soprattutto se ci si vuole raffrontare ai parametri e canoni estetici comunemente condivisi ogi. Tozza, tarchiata, dalla peluria pronunciata, la ragazza è tuttavia dotata di un olfatto…

leggi tutto
Recensione
Utile per 13 utenti
2018
2018
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito