Dogman

play

Regia di Matteo Garrone

Con Marcello Fonte, Edoardo Pesce, Alida Baldari Calabria, Nunzia Schiano, Adamo Dionisi, Gianluca Gobbi, Francesco Acquaroli Vedi cast completo

In streaming
  • Amazon Prime Video
  • Tim Vision
  • Wuaki
  • Tim Vision
In STREAMING

Trama

Marcello è un uomo mite, che possiede una toelettatura per cani e che è totalmente preso dalla piccola figlia. Simoncino invece è uno svitato pugile, appena uscito dal carcere e in cerca di pericolo. Legato dalla lealtà nei confronti dell'amico, Lucio segue i piani di Simoncino e diventa il suo compagno in una serie di scorribande che terrorizzano la loro periferia. Succube del carismatico Simoncino, Marcello finirà per prendere consapevolezza su quanto negativa sia l'influenza dell'amico, immaginando una vendetta dall'esito inaspettato.

Approfondimento

DOGMAN: LIBERAMENTE ISPIRATO ALLA STORIA DEL CANARO

Diretto da Matteo Garrone e sceneggiato dallo stesso con Ugo Chiti e Massimo Gaudioso, Dogman racconta la storia di Marcello, un toelettatore per cani discreto e apprezzato da tutti che, in una periferia dimenticata da Dio, vede tornare dalla prigione l'amico Simoncino, un ex pugile dipendente dalla cocaina che in breve tempo minaccia e ricatta la gente del posto. Dapprima fiducioso, Marcello si lascia trascinare suo malgrado nella spirale criminale di Simoncino. Quando però conosce il tradimento e l'abbandono, in lui matura il desiderio di una feroce vendetta.

Con la direzione della fotografia di Nicolai Brüel, le scenografie di Dimitri Capuani, i costumi di Massimo Cantini Parrini e le musiche di Michele Braga, Dogman viene così raccontato dal regista in occasione della partecipazione del film in concorso al Festival di Cannes 2018: "Dogman è un film che si ispira liberamente ad un fatto di cronaca nera accaduto trent'anni fa (la vicenda del Canaro), ma che non vuole in alcun modo ricostruire i fatti come si dice che siano avvenuti.

Come è accaduto con i miei precedenti film, alla base di Dogman c'è un'immagine: quella di alcuni cani che, rinchiusi in una gabbia, assistono come testimoni all'esplosione della bestialità umana... è stata la prima immagine che mi è venuta in mente per Dogman, un film che con il tempo è cambiato insieme a me, diventando sempre qualcosa di nuovo e di diverso. Alcune delle idee originali sono sopravvissute, altre invece no. A mio avviso, non è cambiato però il cuore della storia che volevo raccontare: Dogman non è solo un film di vendetta anche se la vendetta, che sarebbe meglio però chiamare liberazione, gioca un ruolo importante e non è solo una variazione sul tema dell'eterna lotta tra i deboli e i forti. Al contrario, è un film che, attraverso una storia estrema, ci pone di fronte a qualcosa che riguarda tutti noi: alle conseguenze delle scelte che facciamo ogni giorno per sopravvivere, ai sì che diciamo e che ci portano a non poter più dire no, al divario tra chi siamo e chi pensiamo di essere. Interrogandosi su noi stessi, su un uomo che ha perso la sua innocenza, Dogman acquista un valore universale, etico e non moralista: ecco anche perché voglio sottolineare quanto sia distante con la notizia che lo ha liberamente ispirato. Tutto è stato trasfigurato, a partire dai luoghi, dai personaggi e dalle loro psicologie.

L'incontro con il protagonista del film, Marcello Fonte, (un uomo che con la sua umanità, dolcezza e volto antico, sembra provenire da un'Italia oramai sul punto di scomparire), ha chiarito dentro di me come affrontare una materia così cupa e violenta, e il personaggio che volevo raccontare: un uomo che, nel tentativo di riscattarsi dopo una vita di umiliazioni, si illude di aver liberato non solo se stesso, ma anche il proprio quartiere e forse persino il mondo. Che invece rimane sempre uguale, e quasi indifferente".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Dogman è Matteo Garrone, regista e sceneggiatore italiano. Nato a Roma nel 1968, Matteo Garrone si diploma al Liceo Artistico nel 1986; dopo aver lavorato come aiuto operatore, ha deciso di dedicarsi a tempo pieno alla pittura prima di realizzare nel 1996 il cortometraggio Silhouette. L'anno seguente ha… Vedi tutto

Commenti (28) vedi tutti

  • La realtà presentata è poco lusinghiera, fortunatamente lo sono la forma e il metodo con cui viene esposta.

    leggi la recensione completa di pippus
  • Storia di un tentativo di riscatto come già vista migliaia di volte. Non basta ahimè parlare di periferie degradate per essere un Pasolini. Se questo film ha vinto il Davide, Io Vi Troverò con Liam Neeson è da Premio Nobel. Se questo è il meglio del cinema italiano del 2018 stiamo freschi

    commento di olivaw
  • Ieri sera ho visto il film in una rassegna dedicata alla filosofia nel cinema ; Dogman è stato accostato , dal relatore e presentatore della serata, al Leviatano di Thomas Hobbes, in un rapido excursus sull'opera si è accostato il pensiero lì esposto dal filosofo inglese con le situazioni e personaggi del film. Ottimo film e bella serata.

    commento di blualberto1966
  • Matteo Garrone ritrae una periferia livida e violenta, dove tuttavia nel personaggio del "pasoliniano" Marcello sopravvive una dolce umanità..

    commento di GIMON 82
  • La lotta tra il piccolo Marcello e il violento Simone è lotta del debole che, per colpa della sua stessa debolezza, è costretto a farsi carnefice. Garrone mantiene intatta la sua visione cupa del mondo, con una capacità di resa drammatica ancora maggiore rispetto al passato. Sulla vetta del cinema italiano contemporaneo. Voto 7,5/10.

    commento di alexio350
  • Opera potentissima di Garrone , che racconta ed emoziona attraverso immagini che non si dimenticano.

    leggi la recensione completa di emil
  • Garrone ci mostra in un mondo apparentemente senza pietà riuscendo a raccontare la tenerezza.

    commento di Stefdini
  • Solo quallore

    leggi la recensione completa di Steghi
  • Qualche scena tirata troppo in lungo e mancanza di un carico morale e di una  maggior drammatizzazione che si poteva dare alla narrazione, per renderla più umanamente coinvolgente, al di là del fatto criminale in sé. Tuttavia è un buon film, che scorre bene.

    commento di Zarco
  • Una occasione persa; attingere da un fatto di cronaca nera così 'forte' per un'opera che alla fine così 'forte' non risulta.

    leggi la recensione completa di starbook
  • Il film ti tiene incollato alla poltrona per l'intera durata del film, non ti dà respiro e ti coinvolge in ogni momento. Il miglior film dell'anno,

    commento di Arpo05
  • Ispirato da una storia vera ma solo per vaghi tratti, un film furbo che punta a compiacere la critica ed annoiare il grande pubblico.

    leggi la recensione completa di alfatocoferolo
  • Ennesimo film italiano recitato in un qualche diletto rionale. Incomprensibile.

    commento di gruvieraz
  • Imbarazzante

    commento di orson
  • Che dire! Non conosco proprietari di cani che li rinchiuderebbero in una gabbia per più di dieci minuti o solo se strettamente necessario. Conosco però un sacco di cani che fanno branco alla prima pallina tirata! Corriamo dietro la pallina, ma stiamo attenti (nell'area cani) c'è pieno di cacche.

    commento di Negaloginepro
  • Film (quasi) perfetto: potente, schietto, claustrofobico

    leggi la recensione completa di siro17
  • Garrone riesce nel suo intento di trasmettere un messaggio forte di degrado nelle periferie d'oggi tra droga e criminalità,con interpreti bravissimi,a partire da Marcello Fonte,un moderno Buster Keaton,tra il tragico e il comico,cattura lo spettatore nella sua visione di una realtà suddita al potere,al fascino del male,della vita facile. Voto 8

    leggi la recensione completa di Infinity94
  • Non una ricostruzione delle'efferato fatto di cronaca anni 80, ma il racconto angosciante e teso di una cupa realtà di degrado urbano e sociale, ove un uomo buono ma debole si fa trascinare in un abisso di disperazione e rabbia.

    leggi la recensione completa di port cros
  • In una periferia sospesa tra metropoli in degrado e natura, Marcello toelettista per cani, dolce e gentile e padre tenero di una bambina, dopo troppi soprusi subiti da parte della delinquenza locale, si ribellerà con violenza, immaginando un riscatto e liberazione che dovrebbe coinvolgere tutti...ispirato da un fatto di cronaca nera degli anni '80

    leggi la recensione completa di bufera
  • Una cupa favola western che sfiora la perfezione

    leggi la recensione completa di ValeB
  • Bello e spietato, un film necessario per il cinema italiano dei giorni nostri.

    leggi la recensione completa di Isin89
  • Ottimo film, in cui Garrone ha l’accortezza intelligente di non mostrare mai in toto la violenza, piuttosto puntando lo sguardo sull’ambiente degradato e sulla vita di estrema borgata, sui suoi abitanti, i loro caratteri e la loro psicologia. Tutto perfettamente illustrato.

    leggi la recensione completa di michemar
  • Un mondo difficile. Un destino infame. Bravi Marcello Fonte e Edoardo Pesce, ben diretti da Garrone. Lascia il segno.

    leggi la recensione completa di ShermanMcCoy
  • Homo homini lupus: il futuro dell'Italia visto attraverso l'occhio di Garrone. Un film espressivamente potente, dai contenuti crudi, dalla fattura notevole.

    leggi la recensione completa di Guidobaldo Maria Riccardelli
  • Garrone rimane coerente al proprio sperimentalismo narrativo, dal raffinato manierismo postrinascimentale alla selvaggia periferia contemporanea, e per raccontare l’Italia degli ultimi, degli ignoranti più per sorte che per colpa, riesuma e realizza un western.

    leggi la recensione completa di Malpaso
  • Ottimo film, ma mancano la poesia e la visionarietà che rendevano unico lo stile di Garrone.

    leggi la recensione completa di maldoror
  • Bellissimo e tremendo.

    leggi la recensione completa di Carlo Ceruti
  • Lasciato da parte il biopic, bloccato l’interesse morboso per le storie criminali, resta sulla scena un piccolo eroe molto bressoniano, Marcello, il dogman, l’uomo che amava uomini e cani ma poi dovè limitarsi ai cani .

    leggi la recensione completa di yume
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

pippus di pippus
9 stelle

--Le persone- E’ Marcello il “dogman” ? Oppure per lui potremmo riservare l’appellativo “victim man” ( avevo pensato a "sheepman" ma è in parte fuorviante) serbando il primo per Simone? E quest’ultimo aggressivo “ man-dog” siamo certi sia congenitamente tale, oppure vittima a sua volta del male subdolamente strisciante nel marciume… leggi tutto

41 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

starbook di starbook
5 stelle

Purtroppo mi ha deluso....   Un fatto di cronaca che ispira il regista ma che, liberamente e arbitrariamente, viene attualizzato e manipolato per diventare un 'unicum' evitando accuratamente (sarà poi un peccato cosi grave?) di girare una sorta di docufilm ricco di immagini gore esasperato e spiazzante come possono ben capire coloro che si sono documentati sulle vicende a tinte… leggi tutto

3 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

amandagriss di amandagriss
2 stelle

    Caro Matteo Garrone, mi spiace dirti che il tuo film neo-neorealista non mi è piaciuto per niente. Illustri bene il degrado ambientale e la mentalità marcia (quest'ultima concausa e insieme conseguenza dello squallore umano mostratoci senza filtri edulcorati, in nome di quella verità che insegui e persegui) che ancora tanto attanagliano la nostra Italia e in… leggi tutto

2 recensioni negative

2019
2019
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 8 voti
vedi tutti

Recensione

Andreotti_Ciro di Andreotti_Ciro
7 stelle

Matteo Garrone porta sul grande schermo ‘il piccolo’ Marcello Fonte, scovato quasi per caso all’ingresso del cinema Palazzo di Roma, luogo dove ancora oggi presta servizio in qualità di custode. Lo veste da (pseudo) mostro della porta accanto completando efficacemente la trilogia dei casi di cronaca nera ripresi e riscritti per il grande schermo. Trilogia iniziata nel…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

DavideKingInk80 di DavideKingInk80
8 stelle

Premetto che, le mie, non sono vere e proprie recensioni (e chi abbia già avuto la pazienza e gentilezza di leggermi l'avrà notato, immagino), ma semplici e libere considerazioni, come, del resto, sono abituato a fare quando mi accingo ad affrontare ed "esaminare" opere d'arte di qualsivoglia natura... Che dire, davvero grande film "Dogman", a maggior ragione se si considera il…

leggi tutto
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 15 voti
vedi tutti
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 12 voti
vedi tutti

Il mio 2018

BobtheHeat di BobtheHeat

Così, per ricordare. E in attesa di vedere altri film, vedi quello firmato da Audiard.   PS Cara ed amata Amy Adams, prima o poi la statuetta Oscar la riuscirai a vincere anche tu.   Se può…

leggi tutto
Playlist

Recensione

GoonieAle di GoonieAle
8 stelle

Minchia Garrone! Mi viene da dire... non ne sbaglia uno! Struggente, nerissimo, triste e abbandonato, questo microcosmo è anch'esso Italia, vero da fare male. Una realtà di 100 anni fa, di oggi o del futuro, cosi maledettamente ed eternamente contemporanea. Marcello Fonte devastante: i premi son tutti meritati. Di Garrone non discuto, dopo aver fatto "Il racconto dei racconti",…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 14 voti
vedi tutti

Recensione

chinaski di chinaski
7 stelle

E’ una zona di frontiera, di degrado umano e architettonico, quella in cui si muovono i personaggi di Dogman, uno spazio visivo stuprato da un’abusivismo edilizio fatiscente e grottesco, un deserto morale in cui la violenza è un linguaggio  universale, comprensibile da tutti, uomini e bestie. Non che ci sia molta differenza fra di loro, non che le dinamiche di dominio e…

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti

Recensione

emil di emil
8 stelle

La storia del canaro della Magliana Garrone si ispira più o meno liberamente ad un terribile fatto di cronaca nera avvenuto a Roma nel 1988 per raccontare un cinema che guarda affascinato all'illusione della realtà. La scelta precisa di una messa in scena che tende al neorealismo é insieme assunto e negazione imprescindibile: le menzogne generate dai media sul delitto…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito