Trama

Nella Colombia degli anni Settanta, la richiesta di marijuana è in rapido aumento e fa sì che gli agricoltori si trasformino rapidamente in esperti imprenditori. Nel nuovo commercio di droga, Rapayet e la sua famiglia indigena assumono un ruolo di primo piano scoprendo i vantaggi della ricchezza e del potere ma anche i loro risvolti tragici e violenza.

Approfondimento

ORO VERDE: GLI EFFETTI DELLA BONANZA MARIMBERA

Diretto da Ciro Guerra e Cristina Gallego e sceneggiato da Maria Camila Arias e Jacques Toulemonde Vidal, Oro verde porta nella Colombia degli anni Settanta dove una famiglia di indigeni Wayuu si ritrova al centro della fiorente attività di vendita di marijuana alla gioventù americana. Quando l'onore della famiglia tenta di non soccombere all'avidità degli uomini, diventa inevitabile il sorgere di una guerra tra clan che mette in pericolo vite, cultura e tradizioni ancestrali, segnando la nascita del mondo criminale dei cartelli della droga.

Con la direzione della fotografia di David Gallego, le scenografie di Angélica Perea, i costumi di Catherine Rodríguez e le musiche di Leonardo HeiblumOro verde è così spiegato dai due registi in occasione della partecipazione del film alla Quinzaine des Réalisateurs 2018: "Senza rinunciare alla nostra tradizione cinematografica, Oro verde segna per noi un punto di rottura, dal momento che rappresenta la nostra prima incursione nel cinema di genere. Come nei lavori che lo hanno preceduto, parlando della nozione di mito, offriamo un ritratto delle persone dell'America Latina e delle loro storie, spesso ignorate. Lo facciamo giocando con i diversi generi cinematografici: Oro verde è un film noir e un film di gangster ma è anche un western, una tragedia greca e un racconto di Gabriel García Márquez. Per certi versi, il genere oggi ha la stessa funzione che aveva il mito un tempo:dare ordine e significato a un'esistenza caotica di cui ci sfugge il senso. I generi non fanno altro che predeterminare la nostra comprensione del mondo e annunciare dentro quali confini si svilupperà una storia. Noi registi non siamo altro che la moderna versione dei cantori di 30 mila anni fa: anche loro, come noi, all'interno delle loro caverne usavano luci e ombre per raccontare una storia.

In Oro verde descriviamo la cultura dei Wayuu, che ha dei codici non lontani a quelli del mondo criminale. C'è ad esempio un personaggio, il palabrero, il cui ruolo è simile a quello del consigliere nella mafia. Quello dei gangster è un genere molto popolare in tutto il mondo: in Colombia, però, è stato spesso bandito o censurato a causa delle devastazioni che la criminalità ha causato nella nostra storia recente. L'idea di raccontare la nascita dei cartelli della droga ci è venuta quando tra il 2006 e il 2007 ci siamo trasferiti sulla costa settentrionale della Colombia per la preparazione di Los viajes del viento e abbiamo appreso dai locali storie sulla droga che disconoscevamo e che avevano come periodo di riferimento quello della bonanza marimbera, ovvero il periodo di dieci anni che va approssimativamente dal 1975 al 1985 durante il quale prosperò il traffico di marijuana e si produsse un clima di spietata violenza. Nell'arte colombiana, c'è stata spesso un'esaltazione del periodo ma mai una riflessione approfondita".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Oro verde sono Ciro Guerra e Cristina Callego, cineasti colombiani. Nato a Rio de Oro nel 1981, Guerra con i suoi due primi lungometraggi da regista - La sombra del caminante e Los viajes del viento - ha partecipato a numerosi festival internazionali, da Toronto a Hong Kong, ottenendo oltre 40… Vedi tutto

Commenti (4) vedi tutti

  • Film in cui la storia narra la Storia, in cui poesia e analisi non si annullano. Dopo "L'abbraccio del serpente Ciro Guerra ci dona una esperienza filmica in cui la bellezza visuale ed uditiva di storie e altri linguaggi sono accessibili ai nostri occhi occidentali.

    leggi la recensione completa di chiaradash
  • La svolta inattesa degli anni settanta, la nuova corsa all’oro e l’isolamento autentico di sacche etniche destinate fatalmente alla sparizione, sono l’ultimo capitolo della storia delle colonizzazioni nel Sud del mondo, e la corsa all’ ”oro verde” è il tragico tassello di una storia secolare, una guerra combattuta con altri mezzi.

    leggi la recensione completa di yume
  • Il familismo amorale su cui si innesta ogni dinastia malavitosa presenta archetipi simili in ogni cultura e latitudine. Qui sono scandagliati con originalità, cura antropologica e talento artistico. Ottimo film.

    commento di andenko
  • Tragedia dell' involuzione ed autodistruzione di una comunità arcaica corrotta dal narcotraffico, Pajaros de Verano è una pellicola di originalità assoluta, che fonde in maniera sorprendentemente riuscita la crime story delle faide narcos con l'immersione nella magia e nei miti del passato ancestrale del continente sudamericano.

    leggi la recensione completa di port cros
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

yume di yume
8 stelle

Colombia settentrionale, regione de La Guajira. E’ il tempo della bonanza marimbera, fra il 1968 e il 1980, quando iniziò il traffico di marijuana e un clima di spietata violenza modificò radicalmente una civiltà millenaria depositaria di tradizioni ancestrali. Cristina Gallego e Ciro Guerra scelgono di ritrarre la loro terra e il suo doloroso destino costruendo un… leggi tutto

6 recensioni positive

2019
2019
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 13 voti
vedi tutti

Recensione

chiaradash di chiaradash
8 stelle

“Pàjaros de verano”, titolato in italiano in maniera prosaica ma pertinente “Oro verde”, è un film potente, che lascia il segno, traccia nuovi percorsi cinematografici pur restando ben saldo al terreno della tradizione. Stilisticamente perfetto, la sceneggiatura non perde un colpo: con ritmo perfetto i registi e sceneggiatori Guerra e Gallego ci fanno…

leggi tutto

Recensione

yume di yume
8 stelle

Colombia settentrionale, regione de La Guajira. E’ il tempo della bonanza marimbera, fra il 1968 e il 1980, quando iniziò il traffico di marijuana e un clima di spietata violenza modificò radicalmente una civiltà millenaria depositaria di tradizioni ancestrali. Cristina Gallego e Ciro Guerra scelgono di ritrarre la loro terra e il suo doloroso destino costruendo un…

leggi tutto
Recensione
Utile per 14 utenti
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 8 voti
vedi tutti

Recensione

Blasia di Blasia
8 stelle

Ognuno di noi è disposto a compiere dei sacrifici per ottenere ciò che si desidera. In molti casi i modi per ottennerlo sono già noti per cui non ci resta che seguirli. Siamo tuttavia consapevoli dell esistenza di altri modi in cui avremmo potuto raggiungere l oggetto del nostre desiderio e molto spesso la diversità dei modi dipende in gran parte da una…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Uscito nelle sale italiane l'8 aprile 2019
locandina
Foto

Recensione

millertropico di millertropico
8 stelle

Strutturato in cinque atti e contaminando il western con la tragedia greca, il film è di fatto (ed è per questo ancor più sorprendente) un noir pessimista sull’avidità  e il potere.     Ambientato nella Colombia degli anni ’70 del secolo scorso, narra di una famiglia di indigeni invischiata in un traffico di stupefacenti  in un…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
2018
2018

Recensione

port cros di port cros
8 stelle

71° FESTIVAL DEL CINEMA DI CANNES (2018) - QUINZAINE DES REALISATEURS   Dopo il folgorante El Abrazo de la Serpiente il regista Ciro Guerra non delude le aspettative, questa volta in accoppiata con la moglie e produttrice (all'esordio dietro la macchina da presa) Cristina Gallego. Ben lontano dalle tante storie di narcos che ultimamente affollano il grande e piccolo…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

alan smithee di alan smithee
8 stelle

CANNES FESTIVAL 2018 - QUINZAINE DES RÉALISATEUR  Gran film quello di Cristina Gallego e Cino Guerra: faida sanguinosa nell'universo violento del mercato dello spaccio di marijuana raccontata e distribuita in cinque canti, dalla nascita di un commercio fiorente, al tramonto più rovinoso e violento. In un nord della Colombia forse mai corrotto da uno sguardo cinematografico,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti
locandina
Foto
Carmiña Martínez, Natalia Reyes, José Acosta
Foto
Natalia Reyes, José Acosta
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito