Espandi menu
cerca
A Beautiful Day

Regia di Lynne Ramsay vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bufera

bufera

Iscritto dal 19 giugno 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 166
  • Post 6
  • Recensioni 844
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su A Beautiful Day

di bufera
6 stelle

Viaggio nella mente traumatizzata dall'infanzia e dalla guerra di un sicario che ha il volto di un imponente Joaquin Phoenix e tenta di liberare su commissione le minorenni rapite per loschi fini,raccontato dalla regista scozzese Lynne Ramsay

locandina

A Beautiful Day (2017): locandina

Uno dei recenti film in cui Joaquin Phoenix  raggiunge una performance recitativa per sottrazione, che soddisfa le aspettative di chi segue questo attore è  A BEAUTIFUL DAY ( You Were Never Really Here) 1917, scritto e diretto dalla regista scozzese Lynne Ramsay, basato sul romanzo” Non sei mai stato qui”di Jonathan Ames.

 

Joe ( Phoenix) è un veterano di guerra, che è sopravvissuto gli orrori, ha lavorato nell’FBI, per poi approdare ad un lavoro altrettanto crudele quale fare il sicario su individui mal tollerati da chi non ne ha il coraggio di farlo, o non vuole esporsi, e può pagarlo. Armato spesso di un martello, la sua figura imponente incombe su tutto il film, mentre la sua anima e la sua memoria sono tormentate da penosi ricordi ed il presente si appesantisce di numerosi flash back o flash forward che lo portano e rivivere gli abusi subiti da piccolo

da parte di un padre sadico e l’idea costante di suicidarsi per le brutture in cui è immerso.

 

In particolare è chiamato a salvare le minorenni rapite e poi usate a mo’ di prostitute. Nel contesto dell’opera si tratta di liberare Nina,  un'adolescente figlia di un politico locale ( la biondissima Ekaterina Samsonov), che ha subito fiducia in lui o lo segue tranquilla quando la trova in un bordello specifico.

                                                                                                                                                                                                                    Ma qualcosa va storta, e in un mare di sangue e di morti ammazzati, tra cui anche la madre di Joe. donna dolcissima e malata, unica luce e vero scopo di vita del nostro disgraziato antieroe, che fa di tutto per compiere la difficile missione, mentre realizza quante menzogne e corruzione passano davanti ai suoi occhi verdi ed eloquenti più di qualsiasi parola e ne dice ben poche……. 

 

Sogno, realtà e fantasia si intrecciano sotto l’occhio della cinepresa guidata abilmente in tutte le angolazioni  possibili, da una autrice che si serve di operatori e  fotografi di prima scelta, oltre a un musicista inglese, Johnny Greenwood, che mescola i rumori ambientali ad una musica martellante e, a tratti, quasi ossessiva.

 

Forse il film è sopraffatto da un Phoenix memorabile, pedinato inesorabilmente dalla cinepresa in tutte le sue espressioni, anche in primissimo piano. L’effetto disturbante tipico di tutti e quattro i lungometraggi della Ramsay  è pienamente raggiunto.Il film ha ottenuto due premi a Cannes 2017, uno per la sceneggiatura e uno per il migliore attore a Joaquin Phoenix.

 

Joaquin Phoenix

A Beautiful Day (2017): Joaquin Phoenix

Ekaterina Samsonov

A Beautiful Day (2017): Ekaterina Samsonov

Joaquin Phoenix

A Beautiful Day (2017): Joaquin Phoenix

Joaquin Phoenix, Ekaterina Samsonov

A Beautiful Day (2017): Joaquin Phoenix, Ekaterina Samsonov

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati