Trama

Nel 2001 a Datong, povera città industriale cinese, la giovane ballerina Qiao si innamora di Bin, criminale locale. Durante uno scontro tra fazioni rivale, Qiao spara un colpo per proteggere l'amato ma viene arrestata e condannata a cinque anni di carcere. Al rilascio, cercherà Bin per provare a ricominciare tutto da capo.

Approfondimento

I FIGLI DEL FIUME GIALLO: L'AMORE, CONTRO TUTTO

Diretto e sceneggiato da Jia Zhang-ke, I figli del fiume Giallo racconta la storia della giovane Qiao che nel 2001 è innamorata di Bin, un piccolo boss del sottobosco criminale di Datong. Durante un attacco da parte di una banda rivale ai danni di Bin, Qiao per difesa spara diversi colpi di pistola e per tale ragione viene condannata a cinque anni di carcere. Una volta tornata in libertà, va in cerca di Bin e cerca di riallacciare i rapporti con lui. Bin però si rifiuta di seguirla. Dieci anno dopo, a Datong, Qiao è single e ha continuato la sua esistenza rimanendo fedele ai valori della malavita quando Bin ritorna per ricercarla, dal momento che è l'unica persona che abbia mai amato.

 

Con la direzione della fotografia di Eric Gautier, le scenografie di Elisha Karmitz e le musiche di Giong LimI figli del fiume Giallo viene così raccontato dal regista in occasione della partecipazione del film in concorso al Festival di Cannes 2018: "Durante il montaggio dei miei precedenti film Unknown Pleasures - Piaceri sconosciutiStill Life, di cui l'attrice Zhao Tao è protagonista, ho deciso di semplificare la trama tagliandone le scene d'amore. Quando ho visto per caso le scene tagliate, i due personaggi da lei interpretati si sono fissati nella mia mente. Ho immaginato allora una donna che è nata e cresciuta nella mia terra natale, in una regione di miniere di carbone nella Cina nord-occidentale. Il suo nome era Qiaoqiao (Qiao, in breve) e si innamorava di un ragazzo che non era proprio un santo. La storia cominciava con il loro amore e i loro tormenti. Nel 2006,  l'uomo partiva per la zona delle Tre Gole. Lei lo seguiva ma la loro relazione si interrompeva. Non mi è rimasto allora che immaginare tutto quello che sarebbe successo dopo.

 

Il personaggio che Zhao Tao interpreta in Unknown Pleasures - Piaceri sconosciuti è una donna pura e semplice, che ama di un amore incondizionato. Il personaggio che gioca in Still Life è invece complesso, triste e nasconde sentimenti profondi. Con il tempo, cambia e la sua evoluzione viene registrata dal film. Le scene cancellate mi hanno spinto a immaginare cosa sarebbe divenuta questa donna oggi e come sarebbe cambiato l'uomo che aveva amato.

 

Ho preso in prestito il titolo cinese del mio film da Jianghu Ernü, l'ultimo progetto di Fei Mu, un maestro del cinema cinese degli anni Trenta e Quaranta meglio conosciuto per Primavera in una piccola città. La storia scritta da Fei Mu, poi realizzata da Zhu Shilin, in inglese è stata titolata The Show Must Go On perché ha luogo in un circo itinerante. I figli del fiume Giallo non ha nulla in comune con quel film se non il titolo originale, che mi piace molto. La parola "ernü" significa "uomini e donne che osano amare e odiare". "Jianghu", non facilmente traducibile in altre lingue, evoca invece un mondo di drammi, emozioni e, naturalmente, pericoli reali. Il titolo dunque rivela un mondo di individui che osano sfidare l'ordine dominante, che vive secondo principi morali di bontà e di ostilità, d'amore e d'odio.

 

Il titolo cinese, dunque, dice quasi tutto. La coppia protagonista vive ai margini della società e sopravvive opponendosi all'ordine sociale condiviso. Non cerco di difenderli ma provo semmai a capirli e a capire le loro disgrazie. In un certo senso, mi hanno ricordato i miei primi anni da regista quando era rischioso realizzare film che esprimessero chiaramente le proprie idee e i propri sentimenti sulla società. Ho scritto la sceneggiatura come se fosse un viaggio attraverso le mie emozioni, la mia gioventù perduta e i miei sogni sul futuro. Vivi, ama e sii libero...

 

I figli del fiume Giallo inizia nella Cina di inizio XXI secolo e si chiude nel 2018. Ho sempre amato le storie che si dipanano per un lungo periodo di tempo... un periodo di tempo che contiene i segreti di una vita, le storie e le esperienze di ognuno.

 

Bin fa parte dello jianghu. Lo janghu appartiene a coloro che non vivono da nessuna parte. Nella prima parte del film, lo jianghu è il teatro di lotta tra diversi gruppi della malavita nella provincia dello Shanxi ma è anche il posto dei conflitti tra la vecchia e la nuova generazione. Ma è anche una storia western, che si svolge in paesaggi desolati segnati dal freddo delle miniere abbandonate. La seconda parte si svolge invece nella regione delle Tre Gole, sulle rive del fiume Yangtze, dove la costruzione di una diga minaccia di far scomparire un'intera città. Qiao, prima ingannata, inganna a sua volta gli altri usando le tecniche di sopravvivenza che ha imparato in carcere per negoziare il suo posto ai margini della società. L'ultima parte della storia, infine, ci porta nuovamente a Shanxi, dove Bin si mette arriva perché gli manca lo jianghu, lo janghu che farà riemergere il suo dramma interiore, e dove Qiao ha scelto di stabilirsi, cercando di portare avanti le sue attività.

 

C'è però un posto che Qiao non riesce mai a raggiungere: Xinjiang, nella Cina nordoccidentale. Forse tutti noi abbiamo una Xinjiang dentro di noi, uno di quei posti in cui non andremo mai non per la distanza ma per la difficoltà a cominciare una nuova vita. È difficile rompere i legami di affetto, dimenticare i nostri amori, mettere da parte i ricordi o le abitudini che ci inchiodano in un posto: tutti questi fattori agiscono come la forza di gravità che ci tiene a terra e ci impedisce di volare per aria, come una gravità emotiva che ci lega alle relazioni sociali e ci impedisce di andare via. la nostra dignità di esseri umani si manifesta nel risultato di questa lotta per la fuga.

 

Ho 48 anni. 48 anni di vita fatta di esperienze che voglio usare per raccontare una storia d'amore nella Cina contemporanea, una nazione che ha vissuto una trasformazione lunga e incredibile. Mi sento come se avessi sperimentato una trasformazione simile e continuassi a viverla".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere I figli del fiume Giallo è Jia Zhang-ke, regista e sceneggiatore cinese. Nato a Fenyang, nella regione dello Shanxi, nel 1970, si è laureato all'Università del Cinema di Pechino prima di esordire come regista nel 1997 con Xiao Wu, titolo premiato al festival di Berlino. Con i suoi film ha partecipato… Vedi tutto

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

supadany di supadany
8 stelle

Torino Film Festival 36 – Festa mobile. Da anni, la società contemporanea sta vivendo un’evoluzione talmente rapida da non conoscere eguali in tutta la storia dell’umanità.  Avanza a passi da gigante e coinvolge tutti i suoi tratti distintivi, in modo ancora più evidente in quei territori che hanno conosciuto uno straordinario boom economico.… leggi tutto

2 recensioni positive

2019
2019
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2018
2018

Recensione

supadany di supadany
8 stelle

Torino Film Festival 36 – Festa mobile. Da anni, la società contemporanea sta vivendo un’evoluzione talmente rapida da non conoscere eguali in tutta la storia dell’umanità.  Avanza a passi da gigante e coinvolge tutti i suoi tratti distintivi, in modo ancora più evidente in quei territori che hanno conosciuto uno straordinario boom economico.…

leggi tutto
Recensione
Utile per 13 utenti
locandina
Foto

Recensione

alan smithee di alan smithee
7 stelle

71 CANNES FESTIVAL 2018 - CONCORSO  Persone che si attraggono nel tempo, coppie che impiegano decenni per definire e suggellare il rapporto controverso che li lega l'un l'altro anche nella separazione, forzata o cosciente che sia. Ad inizio nuovo millennio, una graziosa ballerina di dancing di nome Qiao, si innamora di un piccolo boss di un quartiere operaio/industriale della vasta…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
Cannes 2018 - Capitolo 2

Cannes 2018 - Capitolo 2

Continua il nostro viaggio allo scoperta dei titoli in concorso al 71mo Festival di Cannes. Questa volta prenderemo in esame sei differenti titoli che… segue

Post
locandina
Foto
Jia Zhang-ke
Foto
Zhao Tao
Foto
scena
Foto
scena
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito