Espandi menu
cerca
Venezia 2020: Le Giornate degli Autori
di Redazione ultimo aggiornamento
Playlist
creata il 28 film
Segui Playlist Stai seguendo questa playlist.   Non seguire più

L'autore

Redazione

Redazione

Iscritto dal 20 novembre 2012 Vai al suo profilo
  • Seguaci 197
  • Post 440
  • Recensioni 2
  • Playlist 698
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Venezia 2020: Le Giornate degli Autori

Dopo aver conosciuto il programma della Settimana della Critica, la Mostra del Cinema di Venezia si fa ancora più concreta con la  ricca line up delle Giornate degli Autori, sezione collaterale giunta oramai alla sua 17ma edizione. A presentare la selezione sono le parole di Gaia Furrer, responsabile artistica.

 

CONCORSO

«È una grande avventura di viaggio quella proposta quest’anno dalla selezione delle Giornate degli Autori. Un viaggio che parte dalla Cina rurale degli anni Novanta (Mama, ieratico e già maturo esordio della cinese Li Dongmei), prosegue per la Palestina e i suoi orribili muri divisivi (200 Meters, co-produzione palestinese italiana per la regia di Ameen Nayfeh con Ali Suliman che si conferma uno dei migliori attori arabi contemporanei) e poi transita in Europa, soffermandosi in particolare nell’Europa dell’Est. Perché una delle grandi novità di questa edizione è l’attenzione data alle cinematografie dell’Europa orientale. Un’attenzione non programmatica o decisa a tavolino ma che si è formata e sviluppata davanti ai nostri occhi e della quale non potevamo non dare testimonianza. Dalla Russia siberiana, un po’ conquistata dal consumismo e un po’ resistente (The Whaler Boy, romanzo di formazione e di avventura dell’esordiente Philipp Yuryev, coprodotto da Marion Hänsel, la grande autrice che vogliamo ricordare) alla Russia di Mosca traumatizzata da segreti politici e drammi morali (Conference, terzo film di Ivan I. Tverdovskiy), all’Ungheria con gli amori ostinati (Preparations to Be Together for an Unknown Period of Time, sofisticato secondo film di Lili Horvát). E poi la Serbia, la Slovenia e la Bosnia Erzegovina unite da un singolo film, il commovente Oasis del regista serbo Ivan Ikić. E poi l’Italia, ovviamente, nello specifico la Puglia, con la tragedia familiare e umana di Spaccapietre dei fratelli De Serio, la Francia e le origini algerine in Honey Cigar (sensuale esordio di Kamir Aïnouz, sorella del noto regista brasiliano Karim Aïnouz). Immancabile, infine, un salto per superare l’oceano Atlantico e ritrovarsi tra il Canada (Saint-Narcisse di Bruce LaBruce, fuori concorso) e gli Stati Uniti, con i suoi radicali conflitti mai come adesso attuali (Residue, il potente esordio di Merawi Gerima). Per poi scendere, infine, a Santiago del Cile teatro di una storia d’amore queer ai tempi della dittatura di Pinochet (Tengo miedo torero di Rodrigo Sepúlveda)».

Playlist film

Saint-Narcisse

  • Drammatico
  • Canada, Belgio, Lussemburgo
  • durata 101'

Titolo originale Saint-Narcisse

Regia di Bruce LaBruce

Con Andreas Apergis, Cameron Geller, Jillian Harris, Félix-Antoine Duval

Saint-Narcisse

 

 

 

-------------------------------------------------------------------

EVENTI SPECIALI

«Tra gli eventi speciali fuori concorso, i due nuovi corti d’autore della serie “Miu Miu Women’s Tales” firmati dalla polacca Małgorzata Szumowska e dalla franco-senegalese Mati Diop, il road movie romantico di Giorgia Farina con Jasmine Trinca, Clive Owen e Irène Jacob (Guida romantica a posti perduti), la conferma del talento bizzarro e surreale del duo Flavia Mastrella e Antonio Rezza con Samp, il punk da balera degli Extraliscio, sorta di Leningrad Cowboys ferraresi-romagnoli nel racconto di Elisabetta Sgarbi (Extraliscio-Punk da balera) e The New Gospel, in cui il celebre drammaturgo e regista svizzero Milo Rau mette in scena il Vangelo come passione di un’intera civiltà».

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

The New Gospel

  • Documentario
  • Germania, Svizzera
  • durata 107'

Titolo originale Das Neue Evangelium

Regia di Milo Rau

Con Yvan Sagnet, Marcello Fonte, Enrique Irazoqui, Maia Morgenstern

The New Gospel

 

 

-------------------------------------------------------------------

NOTTI VENEZIANE

«A caratterizzare gli appuntamenti off dell’edizione 2020 delle Giornate Degli Autori, saranno le rinnovate “Notti Veneziane” all’Isola degli Autori, che raccoglieranno in un unico spazio l’eredità, il percorso creativo e di ricerca sviluppato parallelamente da Isola Edipo e dalle Giornate. Un nuovo spazio, ideato insieme a Silvia Jop, dedicato all’indagine del rapporto creativo tra linguaggio cinematografico e le altre arti: dal teatro alle arti visive e alla musica. Con una sola eccezione a confermare la regola (To the Moon, ode alla luna poetica e suggestiva dell’irlandese Tadhg O’Sullivan), abbiamo voluto dedicare lo spazio dell’Isola agli autori italiani.

L’arte teatrale è inquadrata dal retroattivo focus 50 - Santarcangelo Festival di Michele Mellara e Alessandro Rossi, carrellata di corpi, opinioni, spettacoli, dalla prima alla più recente edizione del più celebre festival teatrale italiano. In Agalma l’esordiente Doriana Monaco, con la complicità di Sonia Bergamasco e Fabrizio Gifuni, osserva l’infinita fabbrica del Museo Archeologico di Napoli.

La Musica si celebra in tre Notti veneziane. È meravigliosamente restaurato in 4K e distribuito in Italia dalla Reading Bloom Say amen, somebody (1982) di George T. Nierenberg, viaggio fra i pionieri della musica Gospel. È rievocazione dell’evento musicale del secolo scorso Venice Concert 1989, l’indimenticabile concerto dei Pink Floyd trasmesso in mondovisione Rai il 15 luglio 1989 con la band-mito piazzata su un palco galleggiante nel bacino di San Marco circondato da 200mila spettatori. James di Andrea Della Monica è un ritratto di vita made in Naples del sassofonista blues-jazz James Senese, che al Lido offrirà un essenziale showcase della sua più che 50ennale carriera. Uno speciale tocco musicale illumina anche l’unico film di finzione del programma, Est di Antonio Pisu, che inaugurerà le Notti veneziane riportandoci al fatidico 1989. Protagonisti tre giovani italiani - uno lo interpreta Lodo Guenzi, voce e chitarra di Lo Stato Sociale - che in Romania incontrano cittadini non ancora liberi ma pronti a un futuro diverso. In una di queste “Certe Notti” l’attualità della pandemia fa da sfondo alla voce quasi onnipresente, emotiva e sospesa, di Elisa Fuksas che con il suo iSola (nomen omen) firma un ritratto intimo, coraggioso e fragile. Due, infine, i corti nelle Notti Veneziane – Isola degli Autori realizzati in tempo di pandemia ma capaci di andare oltre a uno sguardo didascalico e retorico nel raccontare una rielaborata relazione tra vicinanza e distanza. Si tratta del corto di animazione Solitaire, dell’attore e regista Edoardo Natoli, in cui, grazie alla leggerezza di un tratto ironico e dolce, esploriamo i confini del corpo, dell’età e dell’architettura, imparando a superarli; e di En ce moment, una piccola e delicata opera della fotografa Serena Vittorini, accompagnata al montaggio da Esmeralda Calabria, capace di raccontare alcuni degli anfratti più intimi di un amore tra due donne, portatore delle contraddizioni degli amori di tutte e tutti noi».

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No
Ti è stata utile questa playlist? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati