Il lamento sul sentiero

Regia di Satyajit Ray

Con Kanu Bannerjee, Karuna Bannerjee, Subir Bannerjee, Runki Bannerjee Vedi cast completo

Guardalo su
  • Chili
  • Chili
In STREAMING

Trama

Il piccolo Apu è testimone della triste condizione della propria decaduta famiglia bengalese, di casta bramina, ai primi del Novecento. La sorella maggiore Durga muore mentre un violento monsone investe il villaggio. Il padre, dopo aver perso il lavoro, decide di trasferirsi con la famiglia a Benares.

Note

Realizzato con pochi mezzi, è lo straordinario esordio di Satyajit Ray e la prima parte della trilogia di Apu. Il governo indiano lo censurò perché mostrava «una povertà troppo abbietta». Il ritmo elegiaco e lo sguardo rivolto alla bellezza sanno trattare la miseria senza estetizzarla, toccando una dimensione più vera e profonda della vita quotidianità. Premio Documento Umano a Cannes nel 1956.

Commenti (2) vedi tutti

  • Splendido esempio di neorealismo indiano, toccante nella sua austera semplicità, incede con passo flemmatico e con taglio naturalistico e quasi documentaristico, rifuggendo il pietismo lacrimoso e l’enfatizzazione drammatica, ma riuscendo a a stabilire una connessione emotiva potente attraverso il suo profondo umanesimo.

    leggi la recensione completa di port cros
  • Voto 7 [18.02.2013]

    commento di PP
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

sasso67 di sasso67
10 stelle

Ispirandosi al neorealismo italiano (la visione di Ladri di biciclette fu un'esperienza fondamentale per il regista indiano), ma, ancora di più, all'estetica di Flaherty, Ray comincia con questo film la trilogia ispirata al romanzo Pather Panchali del connazionale Bibhutibhushan Bandyopadhyay. Con occhio attento a non perdere neanche il più piccolo gesto dei suoi straordinari… leggi tutto

8 recensioni positive

Recensioni
2020
2020

Recensione

alan smithee di alan smithee
10 stelle

FESTA DEL CINEMA DI ROMA 15 - RETROSPETTIVA SATYAJIT RAY "Tutti dovrebbero partire almeno una volta. Restare sempre nello stesso posto rende meschini; è succeso a me. Anche a me piacerebbe partire.... vedrò cosa ne dice mio marito." Una famiglia che vive in ruderi di antichi poderi in una zona rurale e poverissima del Bengala Occidentale. Il padre Harihar fa il sacerdote,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
2019
2019

Recensione

port cros di port cros
9 stelle

Una poverissima famiglia vive in una sorta di rudere diroccato nelle campagne del Bengala occidentale: la ragazzina Durga, la madre, il padre ed un’anziana zia, più verosimilmente un prozia, in apparenza centenaria (ma magari poteva essere una settantenne piegata da una esistenza di stenti). Le prime scene del film vedono l’arrivo di un nuovo personaggio, il secondo figlio…

leggi tutto
Recensione
Utile per 9 utenti
2016
2016
locandina
Foto
2015
2015
2014
2014

Recensione

ezio di ezio
8 stelle

Un film che descrive senza false ipocrisie la poverta' assoluta nell'India di mezzo secolo fa ,girato da uno dei registi migliori di sempre.Una volta si diceva andrebbe proiettato nelle scuole.....una volta....perche' adesso docenti e alunni non sanno neppure dell'esistenza di una pellicola simile abituati come siamo a manovrare telefonini e tablet vari....che tristezza.....

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
2012
2012
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

marcopolo30 di marcopolo30
8 stelle

Se tutti gli esordi fossero come questo di Satyajit Ray l'esperienza smetterebbe di essere una qualità. Molto simile ai capolavori del Neorealismo di casa nostra, “Il lamento sul sentiero” è un viaggio nella miseria, vivisezionata in strati, messa a nudo, spogliata di ogni romanticismo, e che infine riesce però a lasciare aperto uno spiraglio per la speranza. Spiraglio minuscolo come il…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
2011
2011

Recensione

Baliverna di Baliverna
8 stelle

Una specie di neorealismo indiano, questo è forse il genere a cui può appartenere questo film. Certo, il tono e l'atmosfera sono diversi da quello italiano, ma i personaggi e l'ambientazione non sono poi così dissimili: povera gente che tira avanti come può tra mille difficoltà, povertà, e disgrazie. Questo film, più precisamente, narra quasi…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

sasso67 di sasso67
10 stelle

Ispirandosi al neorealismo italiano (la visione di Ladri di biciclette fu un'esperienza fondamentale per il regista indiano), ma, ancora di più, all'estetica di Flaherty, Ray comincia con questo film la trilogia ispirata al romanzo Pather Panchali del connazionale Bibhutibhushan Bandyopadhyay. Con occhio attento a non perdere neanche il più piccolo gesto dei suoi straordinari…

leggi tutto

Recensione

ed wood di ed wood
8 stelle

Sinceramente, pur apprezzando la sensibilità registica di Ray in alcune sequenze, specialmente quelle con poche parole e improvvisi primi piani sui volti eloquenti del piccolo Apu e di sua madre, devo ammettere che lo stile di questo blasonato maestro indiano mi è apparso meno coinvolgente di quanto mi aspettassi. Ray è stato un cineasta eclettico, versatile. Il suo sguardo…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
2009
2009

Opere prime folgoranti

steno79 di steno79

Ci sono alcuni registi che sembrano nati per stare dietro una macchina da presa, che già al primo film riescono a creare immagini memorabili, che si imprimeranno nella memoria degli spettatori... Certo, non è facile,…

leggi tutto

Segreti di famiglia

Redazione di Redazione

Vite apparentemente normali, persone ordinarie, tutto scorre all'insegna della tranquillità. Ma la macchina da presa indaga, la storia fa il suo corso e appaiono le prime ombre: è il passato che chiama. Scomode…

leggi tutto

Recensione

steno79 di steno79
10 stelle

VOTO 10/10 Bellissimo esordio alla regia del grande Satyajit Ray che, ispirandosi al neorealismo italiano e, in particolare, a "Ladri di biciclette", rivoluzionò le regole del cinema indiano, facendolo conoscere in tutto il mondo. La trama riguarda le vicende di una famiglia bengalese che deve combattere contro la povertà e le difficoltà della vita in un misero villaggio di campagna, nei…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
2006
2006
2005
2005
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito