Trama

New York 1958: Renato Carosone sta provando i brani del concerto che terrà alla Carnegie Hall, dove suonano artisti del calibro di Duke Ellington e Benny Goodman. È la sua consacrazione internazionale e quella del trio che forma con l'eclettico batterista Gegè Di Giacomo e con il chitarrista olandese Peter Van Wood. Al piano ricorda i momenti importanti della sua vita: la nascita delle canzoni MaruzzellaToreroO' Sarracino, fino all’esplosiva Tu vuo' fa l’americano che ha fatto ballare l'Italia degli anni '50. Si rivede giovane pianista "ripassatore" al servizio dei cantanti lirici e alla partenza per Massawa come leader di una big band, dove scopre i ritmi africani, lo swing e il jazz che imperversano in America. Ricorda l'incontro con Lita, l'amore della sua vita, una ballerina veneziana e ragazza madre, della quale adotterà il figlio Pino. Con loro a Napoli trova la sintesi musicale che cercava: tradizione napoletana e ritmi jazz e dà vita al Trio che rivoluzionerà la musica nostrana. Il successo è immediato e proietta la band in un'avventura che li vede protagonisti nei locali più in voga: dallo Shaker di Napoli fino allo scintillante Caprice, cuore del jet-set milanese. La fama è inarrestabile e Carosone parte, con un gruppo musicale rinnovato, per la sua prima tournée oltre confine, che culmina nel trionfo alla Carnegie Hall di New York.

Curiosità

LA PAROLA AL REGISTA

"Geniale, rivoluzionario, antidivo, sofisticato ma popolare, profondamente italiano. Esistono infiniti aggettivi per definire Renato Carosone, ma solo un modo per raccontarne la vita in un film: mettere al centro il suo rapporto ossessivo e vitale con la musica.

In due decenni - dal 1937, anno in cui il giovane Carosone si diploma al conservatorio di Napoli, alla fine degli anni Cinquanta, quando non ancora quarantenne si ritira dalle scene nel momento di massimo successo - si alternano vicende avventurose, due guerre, diversi continenti, esperienze di vita che lo portano alla creazione di uno stile musicale innovativo, fatto di suggestioni africane, swing americano e profonde radici napoletane.

La musica, la leggerezza e l'ironia di Carosone diventano la colonna sonora di un Paese che sta rinascendo dalle ceneri di una guerra sanguinosa.

Dal primo giorno di riprese, ho sentito una perfetta assonanza tra il periodo drammatico che stiamo vivendo, questi lunghi mesi di pandemia, e gli anni dolorosi della storia che stavo raccontando.

Mi sembrava una bellissima sfida proporre oggi un’idea di rinascita basata sull'arte, il talento e il valore delle proprie radici.

Ho provato a mettere in scena questa storia prendendo a prestito dal mio protagonista l’eclettismo e la dedizione al lavoro, il suo non prendersi troppo sul serio, e ho cercato di restituire l’umanità e lo stupore di un ragazzo alla scoperta della vita.

Con l'aiuto dei miei collaboratori, ho immaginato un mondo visivo rigoroso ma anche lievemente onirico, preparato accurati effetti digitali e reinterpretato le esibizioni musicali e teatrali di Carosone, che sono state il principale veicolo del suo successo.

L'incontro coi miei giovani protagonisti è stato speciale: Eduardo Scarpetta e Vincenzo Nemolato sono stati i primi (e gli unici) attori che abbiamo provinato per le parti di Renato e Gegè. Sono rimasto immediatamente conquistato da questi due ragazzi napoletani, talentuosi e legati alla tradizione della loro città, al punto di decidere di non incontrare altri candidati. Ero sicuro che fossero la scelta giusta. Ludovica Martino, invece, è arrivata per ultima e si è accordata con discrezione, dando al personaggio una profondità sorprendente per un’attrice della sua età.

L'ultimo passo, il più importante, è stato il lavoro sulla musica, che è stata la base su cui abbiamo costruito Carosello Carosone. Stefano Bollani ha sposato il progetto con entusiasmo, si è divertito ad incidere tante canzoni del repertorio di Carosone, si è inventato le sue brillanti composizioni giovanili, ha creato una colonna sonora molto ispirata, che accompagna il film in un immaginario che abbiamo condiviso con entusiasmo".

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (2) vedi tutti

  • Scarpetta presta il suo sorriso a 32 denti al protagonista, Nemolato giganteggia nel ruolo di Gegè di Giacomo e anche se qualche personaggio di contorno è monodimensionale, la regia non ha guizzi e le scenografie d’epoca sono realizzate alla bell’e meglio, il film si lascia piacevolmente vedere.

    leggi la recensione completa di barabbovich
  • Ho apprezzato molto il lavoro che è stato fatto per ricordare questo personaggio. La storia coinvolge e rallegra con le spumeggianti canzoni di Carosone e il suo gruppo...

    commento di wang yu
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

barabbovich di barabbovich
7 stelle

Biopic sul grandissimo musicista napoletano Renato Carosone (Carusone, all'anagrafe): dall'infanzia difficile, dopo aver perso prematuramente la madre, al diploma in pianoforte al conservatorio, fino alle esperienze locali prima di salpare per l'Eritrea (dove conobbe la ballerina Italia Levidi, giovane veneta con figlio a carico, destinata a diventare sua moglie), e, successivamente, spostarsi… leggi tutto

1 recensioni positive

2021
2021

Recensione

barabbovich di barabbovich
7 stelle

Biopic sul grandissimo musicista napoletano Renato Carosone (Carusone, all'anagrafe): dall'infanzia difficile, dopo aver perso prematuramente la madre, al diploma in pianoforte al conservatorio, fino alle esperienze locali prima di salpare per l'Eritrea (dove conobbe la ballerina Italia Levidi, giovane veneta con figlio a carico, destinata a diventare sua moglie), e, successivamente, spostarsi…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Trasmesso il 2 aprile 2021 su Rai Premium
Trasmesso il 27 marzo 2021 su Rai Premium
locandina
Foto
Eduardo Scarpetta
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito