Espandi menu
cerca

Trama

In un quartiere residenziale di Roma sorge una nota scuola cattolica maschile dove vengono educati i ragazzi della migliore borghesia. Le famiglie sentono che in quel contesto i loro figli possono crescere protetti dai tumulti che stanno attraversando la società e che quella rigida educazione potrà spalancare loro le porte di un futuro luminoso. Nella notte tra il 29 e il 30 settembre del 1975 qualcosa però si rompe e quella fortezza di valori inattaccabili crolla sotto il peso di uno dei più efferati crimini dell'epoca: il delitto del Circeo. I responsabili sono infatti ex studenti di quella scuola frequentata anche da Edoardo, che prova a raccontare cosa abbia scatenato tanta cieca violenza in quelle menti esaltate da idee politiche distorte e da un'irrefrenabile smania di supremazia.

Curiosità

LA PAROLA AL REGISTA

 

"Trovare un modo per osservare con il necessario distacco questa storia su cui aleggia, inesorabile, l’omicidio del Circeo, un racconto che lentamente si trasforma in dramma e poi in un incubo che ha segnato molti dei nostri ricordi, è stata per me la vera sfida da affrontare quando ho cominciato a lavorare a questo film.

Non ho voluto spettacolarizzare quella violenza, l’obiettivo era seguire il fluire del viaggio dalla città verso il mare, con il desiderio che la storia potesse avere un finale diverso. Volevo investire emotivamente su quella speranza proponendo una lettura dei fatti, in sintonia con il libro di Edoardo Albinati da cui è tratto il film, che vuole ampliare il più possibile la responsabilità di quel che è successo, anche al di là di quella innegabile dei tre autori del delitto.

In sceneggiatura abbiamo trasformato le parole dello scrittore in voce narrante, sostenendo l’idea di un racconto collettivo dove tutti i personaggi ruotano attorno a un unico asse rappresentato dalla loro scuola, il loro quartiere, la loro classe sociale.

In fase di ripresa ho cercato di seguire con cura i protagonisti, ho ascoltato più che guardato ciò che riprendevo. Sono stato molto in scena, al fianco della macchina da presa piuttosto che dietro, e l’ho tenuta spesso in mano per prendere appunti su azioni che sono nate spontaneamente e che non avevo previsto. La scuola cattolica è veramente un film collettivo, è stato un lavoro molto condiviso e interpretato da tutti, davanti e dietro la macchina da presa, al di là del monitor.

Non sarebbe stato possibile realizzare questo film senza la collaborazione di un gruppo di giovani attori che si sono prestati a un racconto forte, capendo la riflessione sulla violenza che volevamo fare. Essenziale è stato il generoso contributo di attori di esperienza, di cui ho potuto giovare, approfittando della loro amicizia, e che ha dato vita a un confronto tra generazioni che mi ha molto affascinato.

Al processo, i due autori del delitto che sono stati arrestati (il terzo ha vissuto tutta la vita da latitante) hanno dato motivazioni vaghe, deliranti: “Lo abbiamo fatto perché era arrivato il momento di dare un segnale". “Dovevamo far capire che eravamo ancora vivi". “Non potevamo starcene con le mani in mano”.# Ho pensato spesso a queste frasi, durante le riprese, ma per la ragione opposta a quella degli assassini. Penso che il cinema sia un’arte straordinaria perché può aiutare a evadere, a immaginare la storia in altro modo, a riflettere su quello che è accaduto o a tenere alta l’attenzione.

Spero che La scuola cattolica riesca in questo intento. Per me è stato così".

 

Note

Dall'omonimo romanzo di Edoardo Albinati.

Commenti (5) vedi tutti

  • Un film in due parti. Prima una serie di personaggi in stile libro Cuore dove ogni ragazzo ha la sua storia, le sue problematiche familiari. Lo spettatore rischia di perdersi tra salti temporali e attori. In chiusura il massacro del Circeo, descritto egregiamente senza trascendere troppo nella violenza

    commento di argo979
  • Roma, gli anni '70 ed il massacro del Circeo.

    leggi la recensione completa di Malpaso
  • "La mala educación" di Mordini non centra il bersaglio, nonostante le buone intenzioni. Ottimo il cast ma il film è inconsistente

    leggi la recensione completa di SamHookey
  • Non c'era altro modo per descrivere, in minima parte, l'orrore di questo massacro. La censura è davvero assurda..

    commento di VINSENBAR
  • La dimensione borghese come ricettacolo del malessere giovanile ; la morale cattolica con viatico alla trasgressione spinta ; la coralità narrativa come sostanza visiva dello spirito di corpo. Troppo materiale interessante per un regista come Stefano Mordini, che fa arrivare il film al culmine della vicenda col fiato corto appesantito dalla noia.

    commento di Peppe Comune
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è negativa

alan smithee di alan smithee
2 stelle

FESTIVAL DI VENEZIA 78 - FUORI CONCORSO L'efferato omicidio con tortura avvenuto a metà anni '70 presso una villa del Circeo, ad opera di tre scellerati ed annoiati "figli di papà" appartenenti a eminenti famiglie dell'alta borghesia romana, viene esaminato partendo dal contesto economico e culturale che si ritiene parte integrante della deriva morale e mentale che ne ha prodotto… leggi tutto

4 recensioni negative

Recensioni

La recensione più votata delle positive

Malpaso di Malpaso
8 stelle

La recensione che segue la trovate anche sul mio blog.   Film destinato a far discutere, a La scuola cattolica di Stefano Mordini sicuramente non manca quell'impegno socio-politico incapace di lasciare indifferente lo spettatore, come avveniva in tanto cinema di qualità degli anni '70. Decade importante, dalla quale il regista non attinge solamente il fatto di cronaca, il… leggi tutto

1 recensioni positive

2021
2021

Recensione

diomede917 di diomede917
4 stelle

CIAK MI GIRANO LE CRITICHE DI DIOMEDE917: LA SCUOLA CATTOLICA   Presentato fuori concorso all’ultimo Festival di Venezia e finito al centro di un acceso dibattito con la Commissione censura che ne ha sanzionato il divieto ai 18 anni, esce al cinema La scuola cattolica di Stefano Mordini. Nonostante per tutti sia il film sul Massacro del Circeo, io invece vorrei evidenziare che la…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

barabbovich di barabbovich
1 stelle

Lo ammetto: non ho letto le 1294 pagine del romanzo eponimo che hanno fruttato a Edoardo Albinati il Premio Strega. Quindi non posso prendermela con lui. Ma col film, che è tratto da quel romanzo, sì. Racconta un pezzo, mostruoso, di storia italiana, lasciando la Storia - quella con la maiuscola - sulle quinte. Anzi no, omettendola completamente, relegandola a qualche cimelio…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

Malpaso di Malpaso
8 stelle

La recensione che segue la trovate anche sul mio blog.   Film destinato a far discutere, a La scuola cattolica di Stefano Mordini sicuramente non manca quell'impegno socio-politico incapace di lasciare indifferente lo spettatore, come avveniva in tanto cinema di qualità degli anni '70. Decade importante, dalla quale il regista non attinge solamente il fatto di cronaca, il…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

SamHookey di SamHookey
4 stelle

  La vicenda è nota. San Felice Circeo 1975, tre giovani rampolli della Roma bene – rispettivamente di 19, 20 e 22 anni – sequestrano per un giorno e una notte, due ragazze (17 e 19 anni) della Montagnola, quartiere popolare a sud della città. Le violenteranno, sevizieranno e umilieranno ripetutamente in modo indicibile. L’una morirà annegata in una…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

INVIDIA SOCIALE

iena di iena

In questa playlist meriterebbero di essere inseriti tutti i film di Virzì, ma trovo giusto metterci pure "La scuola cattolica"

leggi tutto
Playlist
Uscito nelle sale italiane il 4 ottobre 2021

Recensione

alan smithee di alan smithee
2 stelle

FESTIVAL DI VENEZIA 78 - FUORI CONCORSO L'efferato omicidio con tortura avvenuto a metà anni '70 presso una villa del Circeo, ad opera di tre scellerati ed annoiati "figli di papà" appartenenti a eminenti famiglie dell'alta borghesia romana, viene esaminato partendo dal contesto economico e culturale che si ritiene parte integrante della deriva morale e mentale che ne ha prodotto…

leggi tutto
Venezia 2021: Giorno 6

Venezia 2021: Giorno 6

La 78ma Mostra del Cinema di Venezia è al giro di boa: comincia oggi la settimana che condurrà dritta all’assegnazione del Leone… segue

Post
locandina
Foto
2020
2020
Emanuele Maria Di Stefano
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito