Trama

In seguito alla morte del figlio, lo sceriffo in pensione George Blackledge e la moglie Margaret lasciano il ranch nel Montana per salvare il giovane nipote dalle grinfie di una pericolosa famiglia, guidata dalla matriarca Blanche Weboy. Quando scoprono che i Weboy non hanno alcuna intenzione di mollare la presa, George e Margaret non avranno altra scelta che combattere per la loro famiglia.

Approfondimento

UNO DI NOI: UN VIAGGIO TRA SPERANZA E TRAGEDIA

Diretto e sceneggiato da Thomas Bezucha, Uno di noi racconta una storia che, ambientata nel 1963 nel West americano, esplora temi come i legami di famiglia, il potere dell'amore e la necessità del sacrificio. George Blackledge, uno sceriffo in pensione, vive in un ranch nel Montana con la moglie Margaret, il figlio James, la nuora Lorna e il nipotino Jimmy. La loro casa è umile ma felice fino a quando una luminosa mattina d'autunno incombe una tragedia impensabile: James muore cadendo da cavallo. Tre anni dopo, la vedova Lorna sposa con Donnie Weboy, un giovane con forti legami con la sua famiglia che vive nel North Dakota. I peggiori sospetti di Margaret su un lato oscuro e violento di Donnie diventano conferma quando nel corso di una visita in città vede il giovane colpire sia Lorna sia suo nipote. Per tale ragione, è profondamente allarmata quando Lornia, Donnie e Jimmy lasciano la città senza salutare nessuno. Da quel momento, Margaret decide di rintracciare la coppia e di portare il nipote a vivere con lei e George. Incapace di far desistere la testarda moglie dal proposito, George accetta con riluttanza di accompagnarla nel suo viaggio. Tuttavia, i Weboy, violenti e guidati dall'intransigente matriarca Blanche, non permetteranno facilmente ai Blackledge di riavere indietro coloro che amano: a George e Margaret non rimarrà allora altra scelta se non quella di combattere per la loro famiglia, incuranti del costo che comporterà.

Con la direzione della fotografia di Guy Godfree, le scenografie di Trevor Smith, i costumi di Carol Case e le musiche di Michael GiacchinoUno di noi è l'adattamento dell'omonimo romanzo dello scrittore Larry Watson, pubblicato nel 2013. "Quello che mi ha colpito del romanzo", ha affermato il regista, "è stato il desiderio di recuperare il nipote da parte dei nonni. I racconti con al centro la famiglia mi piacciono da sempre. Trasferire la storia sul grande schermo per me significava in primo luogo soffermarsi sul matrimonio di Margaret e George e sulla forza che li spinge a mettere da parte il dolore per cercare di riunire quel che resta della loro famiglia un tempo felice. Per quanto spaventoso, orribile, tragico e violento sia il film che ne è venuto fuori, ciò che nessuno può ignorare è come ci sia un legame vero, forte e amorevole tra i Blackledge, sebbene siano sposati oramai da decenni".

"Rendere cinematografica la storia non è stato semplice", ha proseguito Bezucha. "La storia è ambientata nel paesaggio ampio e aperto del West americano, segnato da grande quiete e silenzi. I personaggi scelgono le loro parole con attenzione, rivelando poco, e lasciano molte cose inespresse: le poche cose che dicono assumono di conseguenza un grande peso. Ho scelto inoltre di cambiare il periodo in cui i fatti avvengono, spostando gli eventi nei primi anni Sessanta piuttosto che lasciarli nel 1951, anno scelto da Watson. Secondo me, il 1963 rappresenta una sorta di bivio fondamentale per la cultura americana: è stato l'anno dell'omicidio Kennedy e del mito di Camelot, un prima e dopo fondamentali per gli Stati Uniti".

Ha infine concluso: "Uno di noi rientra nella tradizione di quei film con cui sono cresciuto negli anni Settanta e Ottanta. penso a Gente comuneKramer contro Kramer, opere che parlano di relazioni, famiglie e coppie. I personaggi di George e Margaret sono indivisibili, non possono essere presi in considerazione in maniera separata. Sono sposati da così tanto tempo da essere un tutt'uno. Seppur non creda alla possibilità di riavere il nipote indietro, George accetta di accompagnare Margaret nel viaggio per darle l'opportunità di salutare il nipote e accettare definitivamente la perdita del figlio. Per lui, è un modo per riavvicinarsi alla moglie, profondamente trasformata dal dolore".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Uno di noi è Thomas Bezucha, regista, sceneggiatore e produttore statunitense. Nato in Massachusetts nel 1964, Bezucha si è laureato in Moda alla Parsons School of Design e ha lavorato per le maison Polo Ralph Lauren e Coach prima di sentire il richiamo del cinema e debuttare come regista nel 2000… Vedi tutto

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

supadany di supadany
6 stelle

L’invecchiamento non colpisce tutti con le stesse modalità e ciò avviene per molteplici fattori. Se da un lato l’aspetto esteriore sarebbe l’ultimo ingrediente da prendere in considerazione, dall’altro la differenza sostanziale dovrebbe scaturire dalle priorità che ci dettiamo, dalle scelte che compiamo e dalla sensibilità che, in fondo,… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

2021
2021
locandina
Foto
2020
2020

Recensione

supadany di supadany
6 stelle

L’invecchiamento non colpisce tutti con le stesse modalità e ciò avviene per molteplici fattori. Se da un lato l’aspetto esteriore sarebbe l’ultimo ingrediente da prendere in considerazione, dall’altro la differenza sostanziale dovrebbe scaturire dalle priorità che ci dettiamo, dalle scelte che compiamo e dalla sensibilità che, in fondo,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 15 utenti
Kevin Costner, Diane Lane
Foto
Uscito nelle sale italiane il 1 gennaio 1970
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito