Espandi menu
cerca

Trama

Eloise, che sogna di diventare una fashion designer, riesce misteriosamente a catapultarsi negli anni Sessanta dove incontra Sandie, un’aspirante cantante di grande fascino. Ma il glamour non è esattamente quello che sembra: i sogni del passato iniziano a infrangersi e approderanno a qualcosa di molto più oscuro.

Approfondimento

ULTIMA NOTTE A SOHO: UN QUARTIERE E UN'EPOCA DALLE DUE FACCE

Diretto da Edgar Wright e scritto dallo stesso con Krysty Wilson-Cairns, Ultima notte a Soho racconta la storia di Eloise, una neo studentessa di moda appena arrivata a Londra nella speranza di dare una spinta al suo futuro e concretizzare i suoi sogni. Eloise è però ossessionata dal passato: avrebbe desiderato vivere lo splendore della Londra degli anni Sessanta. Tuttavia, grazie  auna straordinaria capacità psichica il suo desiderio potrebbe avverarsi più concretamente di quanto creda. Entrando nelle squallide aule studentesche, Eloise è immediatamente intimidita dalla coinquilina Jocasta e dalla sua cricca. Nonostante i tentativi dell'amichevole compagno di classe John di infonderle coraggio, Eloise poco tollera i bagordi serali e finisce con il trovare in affitto una stanza in una vecchia casa di proprietà della signora Collins. Ed è lì che, ancora instabile ma piena di speranza, scivola via negli anni Sessanta. Ma le sue visioni notturne sono solo sogni? In men che non si dica, Eloise si ritrova a far parte della vita di Sandie, una starlet del periodo determinata a tutto pur di sfondare. Le speranze di Sandie sembrano trovare sbocco grazie all'incontro con l'affascinante Jack, un manager che potrebbe presentarla alle persone giuste per lanciare la sua carriera. Eloise è così trascinata in un'inebriante avventura fatta di primo amore, luci della ribalta e grandi sogni. Adottando Sandie come modello e spirito guida,  si tinge i capelli come lei per assomigliarle e assapora ogni momento delle notti in cui nei suoi sogni può tuffarsi nel passato. Quando però la vita di Sandie prende una scolta più oscura, Eloise si rende conto che gli anni Sessanta non sono così scintillanti come credeva. Ma c'è un modo per cambiare il passato e salvare Sandie? Riuscirà Eloise a risolvere un mistero vecchio di decenni prima che anche lei finisca in pericolo?

Con la direzione della fotografia di Chung-hoon Chung, le scenografie di Marcus Rowland, i costumi di Odile Dicks-Mireaux e le musiche di Steven Prince, Ultima notte a Soho è nell'ottica del regista "una storia piena di contraddizioni". Ha infatti dichiarato: "Amo Londra e amo gli anni Sessanta. Ma con la città ho un rapporto di amore e odio. Può essere brutale e bella in egual misura. Ed è anche in continua evoluzione, con i processi di gentrificazione e le nuove architetture che ne stanno cambiando letteralmente il paesaggio. Con tutto questo in mente, è facile idealizzare i decenni precedenti, soprattutto quelli che non si sono vissuti in prima persone. Forse, chiunque sarebbe perdonato se pensasse che sarebbe stupendo vivere nei scintillanti anni Sessanta. Un dubbio però è lecito: lo sarebbe realmente, soprattutto da un punto di vista femminile? Quando si parla con qualcuno che ha vissuto quel periodo, finisce spesso per raccontare storie di tempi selvaggi ma c'è sempre qualcosa che lascia trasparire aspetti che non rivelerà mai. A volte, ci si chiede se qualcuno dirà mai che è stato anche un periodo difficile. Lo scopo di Ultima notte a Soho è chiedersi cosa c'è dietro la bella facciata e quanto velocemente quel lato si rivela".

"Tra uscite con gli amici e lavoro, negli ultimi anni ho passato più tempo a Soho che a casa", ha continuato. "La zona, al centro di Londra, è di appena mezzo miglio quadrato ma è piena di bar, discoteche, teatri e cinema, e negli ultimi tempi è il fulcro dell'industria cinematografica inglese. Chi fa le ore piccole non può però non aver notato come a tarda notte il quartiere ospiti attività un po' più squallide. Da due secoli, Soho è il centro del peccato: spogliarelliste, prostitute e strani personaggi sono sempre in agguato negli angoli più bui. Il quartiere ha una doppia faccia che lascia convivere la sfavillante industria cinematografica e il vizio più estremo. Questa doppia identità ha ispirato il mio film, la storia di un'idealista che insegue i suoi sogni ma trova qualcosa di molto più pericoloso e oscuro ad attenderla. Ho voluto che questa fosse una giovane che arriva nella capitale per la prima volta e che, per differenziarmi da molte storie del passato spesso sensazionalistiche e moraliste, si relaziona con lo sfruttamento e il vizio dell'epoca".

"Volevo realizzare una sorta di thriller anni Sessanta, un giallo pieno di elementi horror e con lo stile di quel tempo", ha aggiunto Wright. "Ma volevo anche che tutto fosse visto attraverso la prospettiva di oggi. Non volevo rendere glamour il passato o stendere un velo sulla realtà grottesca degli squallidi e sessisti anni Sessanta. Inserendo una protagonista di oggi nella storia degli anni Sessanta, mi ha permesso di evitare la trappola della nostalgia. In Eloise, convivono il fascino per un decennio culturale straordinario e la paura per ciò che accade dietro la superficie delle cose".

Curiosità

COMMENTO DEL REGISTA

"Se aveste la possibilità di tornare indietro nel tempo, lo fareste? Il desiderio di realizzare Ultima notte a Soho nasce dalla mia volontà di fare un film su Central London, che è stata la mia casa adottiva per gli ultimi venticinque anni e che ho frequentato per buona parte della mia vita adulta; che fosse per lavoro, socializzazione e anche per vivere in questa parte della metropoli, mi sono immerso nei secoli di storia di cui è impregnata. In qualche modo il mio film è una lettera d’amore. Non solo indirizzata a questa parte di mondo ma a un decennio leggendario, gli anni Sessanta, quando Soho era il centro dell’universo. Tuttavia, in me vive un eterno conflitto, in cui la brama di viaggiare a ritroso e crogiolarmi nell’atmosfera glamour degli anni Sessanta ha per contraltare il timore assillante delle tenebre che si celano dietro quella visione rosea. La nostalgia può essere pericolosa; trascorrendo troppo tempo a guardarsi indietro, si potrebbe non riuscire a scorgere il pericolo che sta proprio davanti a noi. Ultima notte a Soho è un racconto ammonitore rivolto ai sognatori come me che vogliono riavvolgere il tempo e tornare a un’epoca nella quale, paradossalmente, in effetti non hanno mai vissuto. La domanda, quindi, dovrebbe essere: se aveste la possibilità tornare indietro nel tempo, davvero lo fareste?

Il cast

A dirigere Ultima notte a Soho è Edgar Wright, regista, sceneggiatore, produttore e attore di origine inglese noto per il trio di commedie definite "la trilogia del Cornetto" (L'alba dei morti dementi, Hot Fuzz e La fine del mondo). Cresciuto per le vie di Somerset, in Inghilterra, da adolescente Wright girava… Vedi tutto

Commenti (1) vedi tutti

  • Forte di una storia perfettamente calata nella contemporaneità, che racconta la condizione della donna facendo dialogare presente e passato, Wright firma un'opera dagli intenti lodevoli ma dagli esiti altalenanti, penalizzata da una componente orrorifica che si adagia pigramente sui più banali e risaputi luoghi comuni del genere.

    commento di rickdeckard
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

EightAndHalf di EightAndHalf
7 stelle

Sono due i Wright che nel 2021 hanno realizzato i fetish thriller più stimolanti dell’anno. Seppur nel suo tono più pop e anche fantasiosamente teen rispetto a Joe, Edgar pesca a piene mani dell’immaginario Swinging London 60s per riempirlo di orrori sessuofobici del più fornito repertorio degli horror di un tempo, ma tiene a farlo in un compromettente tono… leggi tutto

1 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

alan smithee di alan smithee
4 stelle

FESTIVAL DI VENEZIA 78 - FUORI CONCORSO La giovane Eloise, orfana che vive in provincia con la amorevole nonna, sogna di diventare una stilista, ed aspira ad essere accolta presso una prestigiosa scuola londinese, ove intende specializzarsi in abiti ispirati alla moda anni '60, che da sempre la affascina in modo particolare. Ammessa alla facoltà, la ragazza prende alloggio presso la… leggi tutto

2 recensioni negative

2021
2021
locandina
Foto
locandina
Foto
locandina
Foto

Recensione

alan smithee di alan smithee
4 stelle

FESTIVAL DI VENEZIA 78 - FUORI CONCORSO La giovane Eloise, orfana che vive in provincia con la amorevole nonna, sogna di diventare una stilista, ed aspira ad essere accolta presso una prestigiosa scuola londinese, ove intende specializzarsi in abiti ispirati alla moda anni '60, che da sempre la affascina in modo particolare. Ammessa alla facoltà, la ragazza prende alloggio presso la…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

port cros di port cros
3 stelle

  78ma MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA 2021 – FUORI CONCORSO   Comincia come un musical, con la protagonista Eloise (Thomasin McKenzie) a librarsi leggiadra in cameretta con un abitino fatto di ritagli di giornale. La bella Eloise va a Londra, per precisione nell'alternativo quartiere di Soho, a studiare moda: scappa ben presto dallo studentato pieno di stronzette per affittare…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

EightAndHalf di EightAndHalf
7 stelle

Sono due i Wright che nel 2021 hanno realizzato i fetish thriller più stimolanti dell’anno. Seppur nel suo tono più pop e anche fantasiosamente teen rispetto a Joe, Edgar pesca a piene mani dell’immaginario Swinging London 60s per riempirlo di orrori sessuofobici del più fornito repertorio degli horror di un tempo, ma tiene a farlo in un compromettente tono…

leggi tutto
Venezia 2021: Giorno 4

Venezia 2021: Giorno 4

Quarto giorno di proiezioni per la 78ma Mostra del Cinema di Venezia. A tenere banco in concorso sarà ancora una volta Penelope Cruz, in compagnia del… segue

Post
locandina
Foto
2020
2020
Anya Taylor-Joy, Matt Smith
Foto
2019
2019
Thomasin McKenzie
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito