Trama

Nel moderno Belgio, Ahmed è un giovane fanatico di origine magrebina che, appena uscito dall'infanzia, ha intenzione di uccidere la sua insegnante in nome della sua religione. Come può l'amore per la vita vincere il suo desiderio di provocare la morte di qualcuno?

Approfondimento

L'ETÀ GIOVANE: TRA FANATISMO RELIGIOSO E AMORE PER LA VITA

Diretto e sceneggiato da Jean-Pierre Dardenne e Luc Dardenne, L'età giovane racconta la storia del giovanissimo Ahmed, un tredicenne d'origine magrebina che nel Belgio contemporaneo. Nella regione di Liegi, dove vive, Ahmed apprende gli ideali assoluti del Corano attraverso il suo imam. A causa dell'interpretazione estremista del testa sacro, nella mente di Ahmed cresce un proposito insano: uccidere la sua insegnante. Si ritroverà però presto diviso tra gli ideali di purezza del suo imam e il fascino della vita che lo circonda.

Con la direzione della fotografia di Benoît Dervaux, le scenografie di Igor Gabriel e i costumi di Maïra Ramedhan-LeviL'età giovane è così raccontato dai due registi in occasione della partecipazione in concorso al Festival di Cannes 2019: "Quando abbiamo terminato di scrivere la sceneggiatura, ci siamo resi conto che in un certo modo avevamo scritto la storia dei tentativi infruttuosi messi in atto da vari personaggi per portare il giovane fanatico Ahmed, il nostro personaggio principale, a rinunciare al suo omicidio. Chiunque essi siano (la sua insegnante Inès, la madre, il fratello, la sorella, il suo educatore, il giudice, la psicologa del Centre Fermé, l'avvocato, i proprietari della fattoria in cui si trova, la loro figlia Louise), nessuno di loro riesce a comunicare con il nocciolo duro e misterioso del ragazzo, pronto a uccidere la sua insegnante in nome delle sue convinzioni religiose".

"Quando abbiamo cominciato a scrivere la sceneggiatura, non immaginavamo di dare alla luce un personaggio così chiuso", hanno proseguito i Dardenne. "Ahmed ci è come sfuggito di mano, lasciandoci senza possibilità di costruzione drammatica per portarlo fuori dalla sua follia omicida. Anche Youssuf, l'imam della moschea fondamentalista, il seduttore che ha catturato l'energia degli ideali dell'adolescente per metterlo al servizio della purezza e dell'odio per chi non è puro, il maestro, rimane sorpreso dalla determinazione del suo discepolo. Eppure, potrebbe andare diversamente? Non potrebbe essere differente quando il fondamentalista è così giovane come Ahmed, quasi un bambino, e il suo maestro lo incoraggia a venerare un cugino martire, un uomo morto."

"Come fermare la corsa verso l'omicidio di questo giovane fanatico, che sembra quasi non percepire la benevolenza dei suoi educatori, l'amore di sua madre, i giochi e i sentimenti della giovane Louise? Come immobilizzarlo in un momento in cui, senza il buonismo e l'improbabilità del lieto fine, potrebbe aprirsi alla vita e convertirsi all'impunita finora aborrita?", hanno concluso.

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere L'età giovane sono i fratelli Jean-Pierre e Luc Dardenne, registi e sceneggiatori di origine belga. Nati rispettivamente nell'aprile 1951 e nel marzo 1954, hanno esordito nel mondo del documentario. Nel 1975 hanno fondato la casa di produzione Dérives, con cui hanno prodotto più di 80 documentari. Nel… Vedi tutto

Commenti (4) vedi tutti

  • Film bello e coraggioso, frutto di una gestione sofferta, ma originata dal proposito immediato, dopo gli attentati a Bruxelles del 2016 da parte dei fratelli Dardenne, di rappresentare il dramma della radicalizzazione nel loro Paese.

    leggi la recensione completa di reginaldo
  • Meno di un'ora e mezza per raccontare la storia dolorosissima di un adolescente le cui difficoltà, abbastanza comuni a quell'età, vengono usate da un adulto irresponsabile per scopi terroristici.

    leggi la recensione completa di laulilla
  • I fratelli Dardenne decidono di seguire lo sprofondare di questo ragazzino nell'abisso del fondamentalismo religioso, e lo fanno secondo il loro consueto stile asciutto, con una camera a mano che lo marca stretto e senza nessun commento sonoro ad enfatizzare alcunché: basta la storia, d'altronde, a coinvolgere e stringere il cuore.

    leggi la recensione completa di pazuzu
  • I Dardenne, con uno stile asciutto e conciso, ma ficcante nel suo rigorismo, riescono a terrorizzarci mostrando l'angosciante inarrestabilità della discesa di un ragazzino nella radicalizzazione islamista. Afrontando un tema di devastante attualità senza alcun buonismo né manierismo, ed evitando pure il sociologismo spicciolo.

    leggi la recensione completa di port cros
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

laulilla di laulilla
8 stelle

      Diventare uomo è probabilmente difficile per il tredicenne Ahmed (Idir Ben Addi), cresciuto senza padre e senza  modelli maschili di riferimento, in una famiglia di immigrazione marocchina ormai alla terza generazione, ben integrata nella realtà sociale della città belga in cui risiede. L'adolescenza è un delicato passaggio,… leggi tutto

6 recensioni positive

2019
2019

Recensione

reginaldo di reginaldo
10 stelle

L’ultima opera dei fratelli Dardenne tocca un nostro nervo scoperto, nostro in quanto europei, ma anche, semplicemente, in quanto esseri umani. Per questo soggiogati, e dirottati, da enormi contraddizioni etiche e sociali. L’età giovane è quella adolescenziale, la più scoperta di fronte alle lusinghe delle verità senza sfumature, alle suggestioni del…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

laulilla di laulilla
8 stelle

      Diventare uomo è probabilmente difficile per il tredicenne Ahmed (Idir Ben Addi), cresciuto senza padre e senza  modelli maschili di riferimento, in una famiglia di immigrazione marocchina ormai alla terza generazione, ben integrata nella realtà sociale della città belga in cui risiede. L'adolescenza è un delicato passaggio,…

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 28 ottobre 2019

Recensione

pazuzu di pazuzu
8 stelle

    Ahmed Abou Salah vive in Belgio con la propria famiglia di origini magrebine: ha tredici anni, e prega Allah tenendo sotto il tappeto la foto del proprio cugino, morto suicida per l'Islam. L'imam Youssuf, al quale affida la propria preparazione religiosa preferendola di gran lunga all'educazione impura che gli viene impartita a casa e a scuola, gli insegna l'ammirazione per…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti
locandina
Foto
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Il meglio di Cannes 2019

port cros di port cros

Ecco la playlist dei magnifici sette film visti durante questo 72esimo Festival, di Cannes 2019, la mia più esperienza più lunga finora sulla Croisette, avendo per la prima volta assisitito quasi…

leggi tutto
Playlist

Recensione

alan smithee di alan smithee
8 stelle

FESTIVAL DI CANNES 2019 - CONCORSO - PREMIO PER LA MIGLIORE REGIA Nel Belgio dei nostri giorni, quello della convivenza tra popoli e tradizioni, nella zona industriale attorno a Liegi, il giovane musulmano tredicenne Ahmed si avvicina con tutto se stesso ai dettami impegnativi, al fanatismo più inflessibile e ai riti ricorrenti della propria religione, sino a farsi a tal punto prendere…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti

Recensione

port cros di port cros
8 stelle

72 Festival di Cannes 2019 In concorso   Teso, angosciante, terrificante, Le Jeune Ahmed dei fratelli Dardenne segue il percorso di radicalizzazione islamista di un ragazzino belga di origine araba, che a partire dalla frequentazione con un imam radicale del quartiere inizia a progettare il suo personale jihad contro la realtà circostante. Se i rapporti familiari, soprattutto…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
Cannes fin qui: day 7-8

Cannes fin qui: day 7-8

Sono passati altri due giorni: siamo arrivati a quota 15 film visionati, la boa è stata ampiamente girata. Mancano ora tre giorni e sei film ancora da… segue

Post

Recensione

EightAndHalf di EightAndHalf
7 stelle

Le jeune Ahmed, come un jeune Holden, si muove tra la scuola, la casa, le strade e il negozio del suo imam, in un Belgio troppo moderno e impuro, lì pronto ad inquinare le menti pure e portarle su una strada lontana dalla vita del bravo ragazzo islamico. La sua giornata è divisa tra la preghiera, i confronti accesi con chi gli chiede di rallentare e di cambiare,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 10 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito