Espandi menu
cerca
Scala alla Palma - Cannes 72
di EightAndHalf ultimo aggiornamento
Playlist
creata il 45 film
Segui Playlist Stai seguendo questa playlist.   Non seguire più

L'autore

EightAndHalf

EightAndHalf

Iscritto dal 4 settembre 2013 Vai al suo profilo
  • Seguaci 207
  • Post 50
  • Recensioni 763
  • Playlist 34
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Scala alla Palma - Cannes 72

La sigla di Cannes è una scala, una montée de marches verso le stelle, verso la Palma d'Oro che come astro del cielo si solleva. 

 

https://www.youtube.com/watch?v=nbiYYbUZQK8

 

Rieccoci di nuovo in sala stampa. Sullo stile degli ultimi giorni di festival di Venezia, anche qui a Cannes ci mettiamo in posizione strategica per seguire le premiazioni alla televisione appesa al muro, in questo caso la parete è esattamente quella dietro alla nostra postazione, perché quella di fronte, la più comoda, sarebbe stata con una tastiera francese. Ormai, invece, preferiamo le americane, giusto il tempo di abituarsi alla chiocciola sopra il tasto del numero 2 e al punto interrogativo più basso. Il problema-accenti permane, come rimane aperta su Google Chrome la pagina 'vocali accento' per poter copiare/incollare all'evenienza le lettere utili, perché la pigrizia - e la fretta - non permette di decodificare tutti i consigli sul web per aggiungere la scorciatoia della combinazione di tasti. Ci avviamo a scrivere la chiusa di questa avventura cinefila ingorda tenendoci questo fardello, e sentendolo, data l'abitudine, molto più leggero. 

Alle 14 la sala stampa è vuota, segno di un evento che sta per concludersi. Tre soli concentrati nelle postazioni francesi, e una decina nelle postazioni americane, compreso il sottoscritto. Fuori dalla sala, nell'androne del primo piano del Palais - che rimane un luogo misterioso e dalle tante possibilità anche dopo 11 giorni - si sentono gli ultimi che approfittano del chiosco Nespresso installato qui dentro, espressi cappuccini e latti macchiati gratis a volontà, confortante ristoro nei pochi, rarissimi, attimi di tregua semmai ce ne fossero stati, bicchieri di carta utilizzati e svuotati nelle infinite file per l'ingresso alle sale, buttati in fretta nel cestino subito prima dei controlli agli zaini, oppure poggiati momentaneamente per terra su indicazione della guardia di turno in smoking. Si capisce che tutto sta per finire, in quella strana fiera o in quello strano comicon del Marché du Film al piano più basso tutto è chiuso e imballato, pronto per essere rispedito al mittente, non troppo diverso dagli addobbi natalizi che tiri fuori per un breve periodo dell'anno e poi rinchiudi nel loro buio letargo per i mesi successivi. Le file per i film, da un paio di giorni - nell'epoca del post-Tarantino - sono molto più brevi, si può arrivare anche all'ultimo, in Debussy fanno addirittura sedere in platea noi accrediti blu che per Tarantino siamo entrati in una trentina, per ultimi, tanto che una volta salite le scale abbiamo visto la guardia dire no all'accredito blu successivo, disperato dopo 3 ore e mezza di fila, quelle che sono state anche le nostre solo con quei pochi, fatalissimi, attimi in più. Once Upon A Time...In Cannes c'era un 21 maggio in cui un film cambiava le regole di molte cose e io sono entrato e c'ero. Bella sensazione, ma si passi oltre.

Il resoconto finale del festival è al netto di tutto positivo. Certe cose negative erano prevedibili: il caos, gli spazi stretti, le follie di certe organizzazioni - Frankie di Ira Sachs costretti a vederlo dalla piccionaia della Sala Debussy nonostante una platea completamente vide, 'c'est vide' si continuava a ripetere alla maschera che per disposizioni dall'alto non permetteva a noi sventurati di scendere - le caste e le spaccature sociali dei diversi tipi di accredito, con la fretta o la gloria di chi entrava prima e lo scontento e lo sbuffo di chi entrava dopo o non entrava affatto. Altre cose positive altrettanto prevedibili: la bonheur di riuscire a entrare quando si riusciva, la bellezza di molti film, la sensazione dell'anteprima, le star intraviste, le amicizie fatte in fila con chiunque da tutte le parti del mondo. Imprevedibile era un po' la pioggia che in molti giorni ha reso più sgradevoli le code fatte all'esterno, e imprevedibile era la media qualitativa dei film alla fine, ma rimane la soddisfazione e la gioia di aver partecipato. 

Evitando i pronostici, che non azzecco mai, mi limito a dire quali sono i film che premierei personalmente. 

 

PALME D'OR: 'Once Upon A Time...In Hollywood' (Quentin Tarantino)

GRAND PRIX: 'Il traditore' (Marco Bellocchio)

PRIX DU JURY: 'Mektoub, My Love: Intermezzo' (Abdellatif Kechiche)

PALME D'OR SPECIAL: 'Bacurau' (Kleber Mendonça Filho, Juliano Dornelles)

PRIX D'INTERPRETATION MASCULIN: Pierfrancesco Favino ne 'Il traditore'

PRIX D'INTERPRETATION FEMININ: Isabelle Huppert in 'Frankie' (ma giusto per non darlo alle due del Portait della Sciamma)

PRIX DE LA MISE EN SCENE: Quentin Tarantino per 'Once Upon A Time...In Hollywood'

PRIX DU SCENARIO: 'Parasite' (Bong Joon-ho)

 

 

Come di consueto a Venezia, ma stavolta con le visioni cannensi, mi avvio a elencare in ordine di preferenza i film visti, 46 titoli, meno di quelli che riesco a vedere a Venezia abitualmente ma con file molto meno lunghe. Escludendo Mr. Klein in quanto classico (BELLISSIMO), la media dei miei voti è 5,75, media analoga a quella raggiunta di solito durante Venezia, forse di poco superiore, e che rende conto di uno spettro di giudizi (dal 9/10 al 3/10) davvero vasto. Qui di seguito una lista generale divisa per categoria:

 

 

CONCORSO
'Once Upon A Time...In Hollywood' (Quentin Tarantino) 9/10
'Il traditore' (Marco Bellocchio) 8/10
'Mektoub, My Love: Intermezzo' (Abdellatif Kechiche) 7,5/10
'Bacurau' (Kleber Mendonça Filho, Juliano Dornelles) 7,5/10
‘A Hidden Life’ (Terrence Malick) 7/10
'Le jeune Ahmed' (Jean-Pierre e Luc Dardenne) 7/10
'Dolor y gloria' (Pedro Almodóvar) 7/10

'The Wild Goose Lake' (Diao Yi'nan) 7/10
'Little Joe' (Jessica Hausner) 6/10
'Parasite' (Bong Joon-ho) 6/10
'Portrait de la jeune fille en feu' (Céline Sciamma) 5,5/10
'Atlantique' (Mati Diop) 5,5/10
'The Dead Don't Die' (Jim Jarmusch) 5/10
'Roubaix, une lumière' (Arnaud Desplechin) 5/10
'Les misérables' (Ladj Ly) 5/10
'It Must Be Heaven' (Elia Suleiman) 4,5/10
'Frankie' (Ira Sachs) 4,5/10
'Sorry We Missed You' (Ken Loach) 4/10
'Sibyl' (Justine Triet) 4/10
'La Gomera' (Corneliu Porumboiu) 4/10
'Matthias & Maxime' (Xavier Dolan) 3/10

 

FUORI CONCORSO (+ PROIEZIONI SPECIALI)
'Être vivant et le savoir' (Alain Cavalier) 7,5/10
'Too Old To Die Young' 1x04-05 (Nicolas Winding Refn) 7/10
'Lux æterna' (Gaspar Noé) 6/10
'Tommaso' (Abel Ferrara) 5/10
'Les plus belles années d'une vie' (Claude Lelouch) 4,5/10

 

UN CERTAIN REGARD
'Liberté' (Albert Serra) 8/10
‘Nina Wu’ (Midi Z) 7/10
'Beanpole' (Kantemir Balagov) 6,5/10
'Jeanne' (Bruno Dumont) 6/10
‘EVGE’ (Nariman Aliev) 5/10
'Chambre 212' (Christophe Honoré) 4,5/10
'Bull' (Annie Silverstein) 4/10
'La femme de mon frère' (Monia Chokri) 3/10

 

QUINZAINE DES REALISATEURS (IN e FUORI CONCORSO)
'The Lighthouse' (Robert Eggers) 7,5/10
‘The Halt’ (Lav Diaz) 7,5/10
'Zombi Child' (Bertand Bonello) 7/10
'Le daim' (Quentin Dupiex) 6/10
'To Live To Sing' (Johnny Ma) 6/10
'The Staggering Girl' (Luca Guadagnino) 6/10
‘Dogs Don’t Wear Pants’ (Jukka-Pekka Valkeapää) 5,5/10
'Hatsukoi (First Love)' (Takashi Miike) 5/10
'On va tout péter' (Lech Kowalski) 5/10
'Ghost Tropic' (Bas Devos) 4,5/10
'Une fille facile' (Rebecca Zlotowski) 3/10

 

CANNES CLASSICS
'Mr. Klein' (Joseph Losey) 7,5/10

 

ANDATI PERDUTI
‘Family Romance LLC’ (Werner Herzog) [FUORI CONCORSO]
‘La cordillera de los suenos’ (Patricio Guzman) [FUORI CONCORSO]

'A vida invisivel di Euridice Gusmao' (Karim Ainouz) [vincitore Un Certain Regard]

'Viendra le feu' (Olivier Laxe) [vincitore Un Certain Regard]

 

E dopo ancora, una sintesi, come sempre. 

E dopo ancora, Cannes, spero sia un arrivederci.

Playlist film

Attualmente è il film dell'anno, e ha una portata tale da farci credere che lo rimarrà. Una straordinaria nuova puntata dell'immaginario occidentale che fa un passo avanti sull'essenziale percorso dell'autocoscienza. Tarantino ha riscritto il genere, ha riscritto la Storia, oggi riscrive il Cinema e il modo in cui lo immaginiamo. 

 

Qui la recensione.

 

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

Il traditore

Il traditore
in STREAMING

In streaming su Chili

Un grandissimo Bellocchio gira un capolavoro con lo smalto che l'aveva caratterizzato in altre grandissime pellicole (prima fra tutte, Buongiorno notte), evitando l'apologia ma parlando piuttosto dei fantasmi e dei simulacri che produce la Storia quando diventa Mito, o Manifesto. Pierfrancesco Favino all'interpretazione della sua vita. Rispetto ai due scadenti titoli italiani cannensi dell'anno scorso, quest'anno ci presentiamo a testa altissima. 

Rilevanza: 1. Per te? No

Una fiera del movimento e del deretano, ma non solo, anche una riflessione su cosa crea lo sguardo desiderante dopo che in Canto Uno il giovane Amin aveva imposto il suo filtro, mentre adesso quelle creature magnifiche riescono a vivere autonomamente, eseguando i loro rituali, cercando e trovando piacere, sempre più ataviche e misteriose. E l'uomo non capirà, e resterà a guardare.

 

Qui la recensione

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

Un orrore tutto nuovo, per l'horror tutto nuovo di Robert Eggers, nel suo post-VVitch pronto a sconvolgere con altre forme, col brutale ma anche col grottesco, col formato e con un acidissimo bianco e nero, con spaventi e risate a denti stretti. E' difficile al Cinema oggi, con lo spettatore sempre più smaliziato, rendere plausibile l'inabissamento in un baratro di follia. A quello che è forse il più grande regista indie attualmente vivente va dato atto di essere riuscito nell'impresa. Dafoe e Pattinson epocali. 

 

Qui la recensione.

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

L'immagine amatoriale ha sempre avuto enormi capacità poetiche e liriche, per come è in grado di far sentire, direttamente con mano (con occhio) cos'è che il regista vuole osservare, cos'è ciò su cui vuole soffermarsi, cos'è che ha la dignità di farlo fermare dalle sue normali attività per lasciare un po' attoniti, a ricordarsi di essere vivi. Un poemetto adagio e commovente.

 

Qui la recensione.

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

Too Old to Die Young

  • Serie TV
  • 1 stagione 10 episodi

Titolo originale Too Old to Die Young

Con Ed Brubaker, Nicolas Winding Refn, Miles Teller, William Baldwin, John Hawkes

Tag Poliziesco, Maschile, Crimini, Lotta per la sopravvivenza, USA, Anni duemiladieci

Too Old to Die Young

In streaming su Amazon Prime Video

Episodi 4 e 5. E' evidente che la trama della serie di Refn sia talmente liquida che anche due puntate che non sono le iniziali possono essere seguite ugualmente e dare infiniti indizi e infinite tracce di quello che sarà l'intera serie. Un post-post-polar sanguigno e torbido, una seduta ipnotica, in cui la reazione dello spettatore non solo è calcolata al millimetro, ma è stravolta, insoddisfatta, allontanata e riavvicinata, accolta e respinta, un tumulto di sensazioni bellissime che dopo The Neon Demon appaiono meno innovative ma di certo sempre efficaci. 

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

Film della maturità e anzi, osiamo dire, dell'anzianità, della vecchiaia saggia, capolavoro di misura e di coerenza. Un primo grande film di Almodovar senza scene madri, un candido flusso di memorie e di malinconie, totalmente convincente anche nello stile che ridiscute la telenovela - ogni campo/controcampo di Almodovar è come una firma. Personalmente, una riappacificazione con l'Almodovar drammatico, sempre apprezzato ma mai realmente amato. 

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

Luci, ombre, spari, sangue, sguardi, attese, silenzi, pedinamenti, motociclette, spari, silenzi, noodles, acqua, sesso, corse, sangue, ombrelli, pioggia, acqua, fumo, neon, ombre, passi, lerciume, pistole, pugnali, dettagli, velocità, decapitazione, urina, pioggia, neon, ruggiti, passi, pedinamenti, fughe, prostituzione, nascondiglio, tradimento, malessere, morte.

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

Dupieux in uno dei suoi film migliori: rimane un anedotto che sa di barzelletta e che ci si chiede se meritasse un lungometraggio. Ma il gioco metacinematografico è per una volta finalmente azzeccato, e genuino e ghiotto di piccole simpatiche riflessioni sulla messa in scena. Mai vista Adèle Haenel così ispirata e divertente.

 

Qui la recensione.

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

Il nuovo film di Bruno Dumont è problematico, poiché si intravede ancora la grandezza di un maestro che sa dare tempo alle scene, e sa ritrovare l'invisibile (divino?) in uno sguardo in camera, in un contre-plongée verso il cielo, in un fittissimo campo/controcampo. D'altronde il regista francese ha sempre detto che è nel Cinema che può trovarsi il divino, nel miracolo di un tempo perfetto, di un modo ordinato e opportuno di vedere il mondo. E in Jeanne tutto questo c'è. Ma convince non troppo la voglia di esaltare ancora e ancora l'aspetto teatrale della realizzazione, anzi verrebbe da dire il suo carattere da recita. Anche se l'ingenuità dà purezza estatica al tutto, il meccanismo non aggiunge niente all'opera di Dumont, che tornando seria sembra retrocedere e sperimentare la metà del solito in termini di esplorazione del grottesco nel suo immaginario. Un film minore di Dumont rimane un film di pregevole fattura, ma si consenta di nutrire qualche piccolo dubbio.

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

E' indubbia l'impresa di gettare in mezzo alla guerriglia e ai movimenti dei lavoratori in sciopero una cinepresa pronta a tutto, anche ad azzardare un incontro ravvicinato con poliziotti e manganelli. Ma rispetto ad altri illustri esemplari di cinema militante, qui la resa, anche in fase di post-produzione, azzera tutte le potenzialità, e resta un film troppo grezzo e poco appassionante.

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

Insulsa paccottiglia di buoni sentimenti, paracula e piena di musiche al posto giusto, in cui l'attrazione fra i due protagonisti è data per scontata se non addirittura dimenticata fra i miliardi di inutili personaggi e gli infiniti ridicoli vezzi, fra cui i cambi di formati (pensa Dolan che sia un tratto distintivo?) e l'utilizzo della pellicola. Gli input del metacinema hanno pochissimo significato. 

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No
Ti è stata utile questa playlist? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati