Trama

Billi, una testarda donna cinese-americana, rientra in Cina quando all'amata nonna non rimane molto tempo da vivere a causa di un male incurabile. Si ritroverà a dover lottare contro la decisione della famiglia di tenere all'oscuro la nonna sulle sue condizioni mentre chiunque si impegna a mettere in scena un veloce matrimonio per riunirsi un'ultima volta tutti insieme.

Approfondimento

THE FAREWELL: L'IMPORTANZA DEL NON DETTO

Diretto e sceneggiato da Lulu Wang, The Farewell - Una bugia buona prende le mosse da una bugia realmente vissuta. Billi, nata in Cina e cresciuta negli Stati Uniti, tornata a malincuore a Changchun, scopre che in famiglia tutti sanno che all'amata matriarca, Nai-Nai, restano solo poche settimane di vita, ma hanno deciso di tenere nascosta la verità alla diretta interessata: la stessa Nai-Nai. Per proteggere la sua serenità, si riuniscono con il festoso espediente di un matrimonio affrettato, richiamando membri della famiglia sparsi tra le nuove case all'estero. Avventurandosi in un campo minato di aspettative e convenevoli di famiglia, Billi scopre che, in realtà, ci sono molte cose da festeggiare: l'occasione di riscoprire il paese che ha lasciato da bambina, il meraviglioso spirito di sua nonna, e i legami che continuano a unire anche quando c'è molto di non detto.

Con la direzione della fotografia di Anna Franquesa Solano, le scenografie di Yong Ok Lee, i costumi di Athena Wang e le musiche di Alex Weston, The Farewell - Una bugia buona offre alla sceneggiatrice e regista Lulu Wang la possibilità di creare un'esperienza vitale e dinamica di vita familiare, un ricco universo a cui accediamo attraverso una premessa che, a prima vista, potrebbe sembrare comica. Al centro della storia c'è una domanda solo apparentemente semplice: è giusto nascondere la verità alle persone amate? Nel caso di Bill il suo mondo crolla quando le viene chiesto di dire una colossale bugia sulla morte imminente della sua amatissima nonna. Ma è proprio mentendo che scoprirà nuove e misteriose vie in cui le famiglie si raccontano la verità. Tutto inizia quando Bill, un’aspirante artista di New York che a stento conosce la Cina dove è nata, si unisce al viaggio dei suoi genitori e dei parenti venuti da ogni parte del mondo per rendere l'estremo saluto alla matriarca della famiglia. I dottori li hanno informati che a Nai-Nai (termine mandarino per indicare la nonna) restano solo pochi mesi di vita, la diretta interessata ignora però la sua sorte, e la famiglia si adopera affinché lei ne resti assolutamente all'oscuro. Invece di dirle come stanno le cose, fingono che vada tutto bene, e spiegano a Nai-Nai di essersi riuniti tutti non certo per dirle addio, ma per festeggiare un felice, sebbene alquanto repentino, matrimonio.

Per Bill, imbevuta di cultura e indipendenza americane, il piano contravviene sicuramente a ogni logica e probabilmente anche a ogni etica. Eppure eccola lasciare New York, nel peggiore dei momenti, spinta dal bisogno di vedere Nai-Nai un'ultima volta, ma impossibilitata a spiegarle la ragione della sua visita improvvisa. I maldestri tentativi di Bill di tener fede alla bugia, mentre naviga in un mare di differenze generazionali e culturali, creano momenti di comicità dal gusto secco e spumeggiante come lo champagne per il brindisi del matrimonio. Ma c'è anche una corrente più profonda che scorre sotto la superficie: perché l’espediente del viaggio di Bill ritrae ciò che le famiglie tengono celato e ciò che invece rivelano, ciò che la famiglia esige da ognuno, e ciò che ognuno, in cambio, ne riceve.

La Wang tratta il tema con un misto di leggerezza e gravità che rispecchia le emozioni che si provano in certe riunioni familiari a cui non si è sicuri di riuscire a sopravvivere, e che pure restano indimenticabili. Ha spiegato la regista: "Nei film sui segreti o le bugie di famiglia ricorre sempre il tema della grande catarsi che si prova nel momento in cui la verità è finalmente svelata. Con The Farewell - Una bugia buona volevo dimostrare l'esatto contrario. Il film non giudica nessuno e non giudica la decisione della famiglia di nascondere la verità alla matriarca. Nessuno fa la parte del cattivo in questa famiglia. Per me si tratta di una storia sui "linguaggi dell’amore", sui diversi modi culturali e individuali di esprimere l'amore e le tante incomprensioni che ne derivano, soprattutto all'interno delle famiglie di oggi che vivono a cavallo tra culture diverse. Ma le cose che comunichiamo nascono pur sempre dall'amore, e se questo amore non si esprime nel modo in cui vorremmo o ci aspettiamo di sentirlo non vuol dire che gli altri non ci vogliono bene. A volte le cose più importanti in una famiglia sono le cose non dette".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere The Farewell - Una bugia buona è Lulu Wang, regista e sceneggiatrice di origine cinese al suo secondo film. Nata a Pechino, cresciuta a Miami e studentessa a Boston, la Wang ha alle spalle una carriera da pianista classica prima di decidere di dedicarsi al cinema. Il suo primo film, Posthumous, con Jack… Vedi tutto

Commenti (2) vedi tutti

  • Il film della regista sino-americana Lulu Wang affronta con grande sensibilità il tema della perdita e dell'importanza di dirsi addio, l'importanza dei legami familiari e si interroga sul valore della sincerità, tratteggiando con intelligenza la tematica delle differenze culturali tra la sua patria di origine e quella di adozione.

    leggi la recensione completa di port cros
  • Con leggerezza di tocco e un senso dell'umorismo sottile, Wang si insinua in un bing bang culturale che sente proprio e lo fa come altro non potrebbe: osservando la discrepanza che c'è tra i codici che regolano la percezione stessa degli eventi, sorridendoci sopra ed evitando rigorosamente di giudicare.

    leggi la recensione completa di pazuzu
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

supadany di supadany
7 stelle

Festa del Cinema di Roma 2019 – Selezione ufficiale. È meglio raccontare una bella bugia o rifugiarsi in una brutta verità? Partendo dal presupposto secondo il quale non esiste una risposta inequivocabilmente corretta e che occorre esaminare attentamente il singolo caso, ci sono situazioni che suggeriscono di ricorrere a un approccio estraneo all’etichetta.… leggi tutto

3 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

alan smithee di alan smithee
6 stelle

FESTA DEL CINEMA DI ROMA 2019 - SELEZIONE UFFICIALE "Tratto da una bugia vera", è il motto simpatico e anche un pò civettuolo che campeggia prima dei titoli di testa. Billi è una ragazza nata in Cina ma cresciuta negli States, che, dopo aver vissuto in segreto la delusione di non essere stata mmessa all'università dei propri progetti più ambiti, si convince… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

2019
2019
locandina
Foto

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

FESTA DEL CINEMA DI ROMA 2019 - SELEZIONE UFFICIALE "Tratto da una bugia vera", è il motto simpatico e anche un pò civettuolo che campeggia prima dei titoli di testa. Billi è una ragazza nata in Cina ma cresciuta negli States, che, dopo aver vissuto in segreto la delusione di non essere stata mmessa all'università dei propri progetti più ambiti, si convince…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

port cros di port cros
7 stelle

  14° FESTA DEL CINEMA DI ROMA 2019   La giovane Billi è emigrata da bambina dalla Cina agli Stati Uniti insieme ai genitori, ma si tiene in contatto costante con l'amata nonna Nai Nai, che vive a Shanghai. Quando sopraggiunge dai parenti cinesi la ferale notizia che Nai Nai ha un male incurabile che la porterà presto nella tomba, la famiglia si…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

pazuzu di pazuzu
8 stelle

    A quasi trent'anni, Billi vive da sola a New York in una casa in affitto, cerca di campare scrivendo, spera in una borsa di studio e di tanto in tanto si appoggia ai genitori, che da bambina l'hanno portata lì da Changchun, in Cina, dove è nata. Si trova però costretta a tornarci suo malgrado quando apprende che il cugino Hao Hao, a sua volta emigrato in…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Recensione

supadany di supadany
7 stelle

Festa del Cinema di Roma 2019 – Selezione ufficiale. È meglio raccontare una bella bugia o rifugiarsi in una brutta verità? Partendo dal presupposto secondo il quale non esiste una risposta inequivocabilmente corretta e che occorre esaminare attentamente il singolo caso, ci sono situazioni che suggeriscono di ricorrere a un approccio estraneo all’etichetta.…

leggi tutto
Recensione
Utile per 11 utenti
Awkwafina
Foto
locandina
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito