Trama

Tish, una giovane donna di Harlem, si innamora di Fonny. La loro relazione sembra andare per il verso giusto fino al giorno in cui Fonny viene arrestato con l'accusa di aver violentato una donna. Incinta, Tish intraprenderà una dura corsa contro in tempo per provare l'innocenza di Fonny prima che il loro figlio venga al mondo.

Approfondimento

SE LA STRADA POTESSE PARLARE: IN NOME DELL'AMORE

Diretto e sceneggiato da Barry Jenkins, Se la strada potesse parlare è ambientato nella Harlem dei primi anni Settanta e racconta di una storia d'amore senza tempo e della solidarietà della comunità afroamericana attraverso le vicede della diciannovenne Tish Rivers. Figlia e futura moglie, Tish con passione, rispetto e fiducia si è profondamente legata al fidanzato artista Alonzo Hunt, noto a tutti con il soprannome di Fonny. Amici fin dall'infanzia, i due sognano un futuro insieme ma i loro piani subiscono una battuta d'arresto quando Fonny è arrestato per un crimine che non ha commesso. Tish sa che l'amato è pienamente innocente ed è consapevole di come la giustizia possa sbagliarsi dopo l'esperienza di Daniel Carty, amico di Fonny da poco rilasciato dopo essere stato arrestato ingiustamente. Mentre la madre di Fonny fa appello alla pietà e suo padre fa i conti con la sensazione di impotenza di fronte al sistema, Tish trova forte sostegno nel padre Joseph e nella combattiva sorella maggiore Ernestine. Ancor più desiderosa di ottenere giustizia è poi sua madre Sharon, una donna compassionevole pronta a tutto pur di difendere la felicità della figlia, del futuro genero e del frutto del loro amore, il cui arrivo preannuncia nuove gioie e sfide. Di fronte alla prospettiva inaspettata di divenire mamma e alle difficoltà di tenersi un lavoro senza il compagno al suo fianco, Tish deve adeguarsi alla realtà, fa visita regolarmente a Fonny in carcere e cerca di infondergli coraggio, nonostante passino settimane e mesi.

Con la direzione della fotografia di James Laxton, le scenografie di Mark Friedberg, i costumi di Caroline Eselin e le musiche di Nicholas Britell, Se la strada potesse parlare è l'adattamento di un romanzo di James Baldwin, scritto nel 1974 e pubblicato in Italia da Rizzoli. Curiosamente, si tratta del primo film tratto dal lavoro dell'autore, noto per le sue battaglie in difesa degli Afroamericani. A spiegare le ragioni dell'adattamento è lo stesso regista: "Ho cominciato a scrivere un adattamento di Se la strada potesse parlare nell'estate del 2013 mentre mi trovavo in Europa, coltivando il desiderio di avere un giorno il permesso da parte della Fondazione Baldwin di trasformarlo in un lungometraggio. Ogni decisione che è preso nel mostrare al mondo la storia di Baldwin è profondamente ancorata al lavoro dello stesso autore, di cui ho cercato (e spero di esserci riuscito) di non tradire la visione. I personaggi scritti da Baldwin sono descritti in maniera molto specifica, da Tish a Fonny passando per i loro familiari. Essere la prima persona a portare sul grande schermo uno qualsiasi dei romanzi di Baldwin è stato sia un grande onore sia una forte responsabilità: per tale ragione, ho cercato di rendere ogni personaggio il più vicino possibile a come lo immaginava l'autore.

Le due relazioni al centro della storia - quella tra Tish e Fonny e quella tra Sharon e Joseph - mostrano come spesso l'amore nelle comunità nere renda il mondo un posto meno pesante, funzionando quasi da tampone alla promessa non mantenuta del sogno americano e trasformandosi in qualcosa per cui valga la pena lottare. Questa è un'idea che ho voluto in primo luogo trasmettere agli attori impegnati sul set e a tutti i collaboratori dietro le quinte: ci siamo considerati come una grande famiglia e credo che non avrebbe potuto esserci modo migliore per onorare il lavoro di Baldwin, il mio scrittore preferito. L'amore ti ha portato qui: è la mia frase preferita dello splendido romanzo di Baldwin. Ed è stato lo spirito che ci ha portato tutti insieme a realizzare Se la strada potesse parlare".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Se la strada potesse parlare è il regista e sceneggiatore Barry Jenkins. Nato e cresciuto a Miami, Jenkins ha studiato letteratura inglese e cinema all'Università di Stato della Florida prima di trasferirsi a Los Angeles e divenire assistente alla regia di Darnell Martin sul set del tv movie Their Eyes… Vedi tutto

Note

Da un romanzo di James Baldwin.

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è negativa

supadany di supadany
4 stelle

Festa del cinema di Roma – Selezione ufficiale. Resistere è una parola d’ordine da conservare con cura, perché se le ingiustizie fiaccano lo spirito, dare la soddisfazione della resa incondizionata raddoppia l’entità e l’amarezza della sconfitta. Ovviamente, ogni congiuntura ha i suoi contrappesi, ma se di mezzo ci sono le minoranze, allora è… leggi tutto

3 recensioni negative

2018
2018

Recensione

Gangs 87 di Gangs 87
4 stelle

Torna a Roma Barry Jenkins. Ma il ritorno sulle scene del regista Premio Oscar per Moonlight, presentato nel 2016 proprio al cospetto della città eterna, non sembra convincere molto. Lo dimostra il silenzio ancestrale in cui piomba la sala al termine della visione della pellicola. E non si può non tenere conto dei sospiri che, più volte, si diffondono tra gli addetti stampa,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

supadany di supadany
4 stelle

Festa del cinema di Roma – Selezione ufficiale. Resistere è una parola d’ordine da conservare con cura, perché se le ingiustizie fiaccano lo spirito, dare la soddisfazione della resa incondizionata raddoppia l’entità e l’amarezza della sconfitta. Ovviamente, ogni congiuntura ha i suoi contrappesi, ma se di mezzo ci sono le minoranze, allora è…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti

Recensione

alan smithee di alan smithee
2 stelle

13° FESTA DEL CINEMA DI ROMA - SELEZIONE UFFICIALE Il Premio Oscar Barry Jenkins torna alla Festa romana dopo il fortunato ruolo apripista che la rassegna si rivelo' per il suo sin troppo osannato Moonlight, aprendo al suo premiatissimo film la strada verso il prestigioso riconoscimento. Qui, nel nuovo lavoro, troviamo la coppia giovane, bella e nera formata dalla 19enne Tish e dal…

leggi tutto
locandina
Foto
Kiki Layne, Stephan James
Foto
Kiki Layne, Stephan James
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito