Trama

Arturo è il proprietario di una galleria d'arte di Buenos Aires. Attraente, sofisticato e senza scrupoli, rappresenta anche gli interessi di Renzo, un pittore astratto caduto in bassa fortuna. La loro è una relazione d'amore e d'odio: come spesso accade tra galleristi e artisti, non sono d'accordo quasi su nulla e i loro scontri sono leggendari. Arturo ha poi in mente un piano rischioso per cambiare il destino di Renzo ma l'arrivo di Alex, ex aspirante artista e allievo del pittore, rimetterà tutto in discussione.

Approfondimento

IL MIO CAPOLAVORO: SULL'AMICIZIA E SULL'ARTE

Diretto da Gastón Duprat e sceneggiato dallo stesso con Andrés Duprat, Il mio capolavoro racconta la storia di Arturo, un gallerista d'arte dai modi ammaliatori, sofisticato e talvolta senza scrupoli. È il proprietario di una galleria nel centro di Buenos Aires, città che lo affascina. Renzo, invece, è un pittore scontroso, quasi selvaggio, ormai in forte declino. Detesta il contatto umano ed è al limite dell'indigenza. Il gallerista e il pittore sono legati da un'antica amicizia, ma non hanno praticamente nulla in comune. Il fatto di avere mondi e idee diametralmente opposti genera tra i due forti tensioni e discussioni. Ma nonostante le differenze sono grandi amici e sono pronti a tutto in nome dell'arte... e dei soldi!

 

Con la direzione della fotografia di Rodrigo Pulpeiro, le scenografie di Cristina Nigro, i costumi di Luciana Marti e le musiche di Alejandro ed Emilio Kauderer, Il mio capolavoro è la storia della grande amicizia tra Arturo e Renzo. A raccontare il film è lo stesso regista in occasione della partecipazione fuori concorso al Festival di Venezia 2018: "Il mio capolavoro racconta la storia di un'enorme truffa nel mondo dell'arte, e parallelamente, quella dell'amicizia tra Arturo e Renzo. Oltre alla storia intensa e potente legata alle frodi nel mondo dell'arte, il lungometraggio riflette infatti sulle contraddizioni della creazione artistica e sui limiti dell'amicizia.

 

Il mio capolavoro è stato girato in 8 settimane tra Buenos Aires, Rio de Janeiro e i meravigliosi paesaggi naturali della provincia argentina di Jujuy. Mariano Cohn, co-regista di Il cittadino illustre e El hombre de al lado, questa volta ha rivestito il ruolo del produttore, avviando una coproduzione con il gruppo spagnolo Mediapro che ha garantito al progetto notevole visibilità. Quanto alla sceneggiatura di Andrés Duprat (sceneggiatore di Il cittadino illustre e El hombre de al lado): è straordinaria, un meccanismo perfetto".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Il mio capolavoro è Gastón Duprat, regista e produttore argentino. Nato nel 1969 nella provincia di Buenos Aires, ha mosso primi passi della sua carriera nel campo della video art e del cinema sperimentale. Insieme a Mariano Cohn ha diretto 8 lungometraggi: Enciclopedia, Yo Presidente, L'artista, El… Vedi tutto

Commenti (4) vedi tutti

  • Film che per l'originalità, la ricchezza dei colpi di scena che ribaltano continuamente le attese, la coerenza della narrazione, mi è parso bene collocarsi all’interno della tradizione argentina del racconto di truffe e raggiri grottesco, spiazzante e molto divertente, che ha avuto in Fabián Bielinsky uno dei più interessanti registi

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Ognuno è per quello che fa, non per quello che dice.

    leggi la recensione completa di ManuelaZarattini
  • Non parlare a meno che tu possa migliorare il silenzio. Anonimo Cinese I film sull’arte sono tutti belli perché insegnano ai comuni mortali il dolore di questa scelta, i sacrifici che comporta, la fantasia con cui si vive e la curiosità dell’anticonvenzionalità.

    leggi la recensione completa di gaiart
  • Gastón Duprat, questa volta coadiuvato alla sceneggiatura dal fratello maggiore Andrés (che è anche l'attuale direttore del Museo delle Belle Arti a Buenos Aires), continua a sfornare sagaci e piuttosto amare commedie sul mondo dell'arte contemporanea, mettendo alla berlina la società argentina. paradigmatiche ed esilaranti.

    commento di giovenosta
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

laulilla di laulilla
8 stelle

  Gaston Duprat, l’apprezzato regista che, insieme al suo inseparabile compagno di regia Mariano Cohn (entrato questa volta nella produzione del film), nel 2016 ci aveva presentato il bellissimo Il cittadino illustre, mette al centro di questo lavoro ancora una riflessione sull’arte e sull’artista nel mondo d’oggi, raccontando le vicende di Renzo Nervi… leggi tutto

7 recensioni positive

2019
2019
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti

Recensione

alan smithee di alan smithee
7 stelle

VENEZIA 2018 - FUORI CONCORSO / CINEMA OLTRECONFINE Il facoltoso gallerista Arturo Silva si confessa apertamente col pubblico: sono un assassino, ci rivela senza nemmeno troppa vergogna od imbarazzo. e la storia che ne segue, cerca in qualche modo di spiegarne le dinamiche. Attorno ai particolari contrastanti, ma sorprendenti, di una capitale argentina adorata più per i suoi…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti

Recensione

Zagarosh di Zagarosh
7 stelle

Il cinema di Gastón Duprat (e del suo usuale collaboratore Mariano Cohn, qui in veste di produttore) sembra usare metodicamente delle minuscole storie di miseria umana (un assistente sociale che lucra sulle creazioni di un anziano con problemi psichiatrici, un premio Nobel arrogante che umilia i suoi concittadini, un pittore rancoroso che riversa il suo livore nelle proprie opere) come…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

ManuelaZarattini di ManuelaZarattini
8 stelle

E' questa la filosofia di Renzo, l'artista "decaduto" perché "non più di moda" e ormai apprezzato solo da due persone: Arturo, il suo gallerista da sempre, e Alex, un giovane pittore che lo stima e vuole lezioni dal maestro. Due personaggi fondamentali nel film oltre, ovviamente, alla figura centrale di Renzo. Arturo è una presenza costante nella storia, legato da una…

leggi tutto
Recensione
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

laulilla di laulilla
8 stelle

  Gaston Duprat, l’apprezzato regista che, insieme al suo inseparabile compagno di regia Mariano Cohn (entrato questa volta nella produzione del film), nel 2016 ci aveva presentato il bellissimo Il cittadino illustre, mette al centro di questo lavoro ancora una riflessione sull’arte e sull’artista nel mondo d’oggi, raccontando le vicende di Renzo Nervi…

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 21 gennaio 2019
locandina
Foto

Recensione

gaiart di gaiart
7 stelle

Non parlare a meno che tu possa migliorare il silenzio.                                                  Anonimo Cinese   "Gli opposti si toccano e il…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
2018
2018
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

maghella di maghella
7 stelle

Buenos Aires, Arturo e Renzo sono due amici di vecchia data, il primo è un gallerista, il secondo un pittore. Renzo è un artista che negli anni '80 conobbe il successo e la fama, i suoi quadri impegnati, la sua arte indipendente e di condanna sociale non trovano però più spazio nei giorni nostri. Arturo cerca di aiutare l'amico come può: gli organizza mostre,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Venezia 2018: Giorno 2
Spaggy di Spaggy

Venezia 2018: Giorno 2

Al suo secondo giorno di proiezioni per stampa e pubblico Venezia 75 comincia a calare gli assi nella manica, sfoderando in concorso due titoli su tre che… segue

Recensione

Spaggy di Spaggy
8 stelle

L’arte di ingegnarsi e di reinventarsi è al centro di My Masterpiece (che in italiano sarà molto probabilmente tradotto con Il mio capolavoro), satira argentina diretta da Gaston Duprat, che proprio a Venezia qualche anno fa aveva presentato in concorso Il cittadino illustre con Mariano Cohn (che questa volta si limita a far da produttore). Al centro della vicenda grottesca e…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti
locandina
Foto
locandina
Foto
Guillermo Francella
Foto
2017
2017
Guillermo Francella, Luis Brandoni
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito