Trama

Il racconto di una appassionata relazione tra due persone di differente background e temperamento, che sono fatalmente attratte e condannate l'una all'altra. Sullo sfondo della guerra fredda, tra la Polonia, Berlino, la Jugoslavia e Parigi degli anni anni Cinquanta, ha luogo un'impossibile storia d'amore in un momento storico altrettanto impossibile.

Approfondimento

COLD WAR: AMORE E COMUNISMO

Diretto da Pawel Pawlikowski e sceneggiato dallo stesso con Janusz Glowacki (con la collaborazione di Piotr Borkowski), Cold War racconta la storia d'amore tra un uomo e una donna che si incontrano tra le rovine della Polonia del secondo dopoguerra. Con differenti background e temperamenti, Zula e Wiktor sono fatalmente agli antipodi ma per tale ragione destinati ad appartenersi.

Con la direzione della fotografia di Lukasz Zal (che ha seguito le direttive imposte da Pawlikowski: bianco e nero e aspect ratio 1:1:33), le scenografie di Marcel Slawinski e Katarzyna Sobanska-Strzalkowska, i costumi di Ola Staszkoo e le musiche dei Mazowsze (un ensemble folk fondato nel 1949 dal compositore polacco Tadeusz Sygietynski e sua moglie Mira Ziminska), Cold War è dedicato ai genitori del regista, come egli stesso ha sottolineato in occasione della partecipazione del film in concorso al Festival di Cannes 2018: "Cold War è dedicato ai miei genitori, che avevano lo stesso nome dei protagonisti del film. Mio padre e mia madre sono morti nel 1989, prima del crollo del muro di Berlino e sono stati insieme per 40 anni, spesso divisi dalla Cortina di ferro. Avevano entrambi una personalità forte e meravigliosa ma come coppia era un disastro senza fine. I protagonisti del mio film non sono molto diversi da loro: per una decina d'anni, ho riflettuto sul come raccontare questa storia, i vari tiremmolla e un così lungo periodo di tempo. I miei genitori non hanno avuto un'esistenza drammatica da manuale: più penso alla loro vita di coppia e, giuro, meno la capisco. Nonostante le difficoltà, sono rimasti insieme e per me non è stato facile capire il mistero del loro legame. Hanno vissuto separati, sono stati in esilio e appartenevano a culture diverse: eppure non hanno mai ceduto alle tentazioni e si sono comportati sempre in maniera onesta.

Per finzione narrativa, ho cambiato però qualcosa. A differenza di mia madre (che è scappata dal balletto quando aveva 17 anni ma che apparteneva all'alta borghesia), Zula proviene dalla periferia di una grigia città. Sostiene però di venire dalla campagna per entrare in un gruppo folk (e scappare dalla povertà). Si dice anche che abbia ucciso il padre ribellandosi ai suoi abusi e che sia particolarmente affascinante, mostrando grandi capacità nel canto e nel ballo. Le va bene il comunismo e non ha alcun interesse a fuggire in Occidente. Wiktor, invece, proviene da un contesto più raffinato ed educato. Musicista di talento, è un uomo molto calmo ed equilibrato, fa parte dell'intelligentia cittadina e ho immaginato avesse studiato musica a Parigi prima della guerra, avendo come maestra Nadia Boulanger. Durante l'occupazione tedesca, si è guadagnato da vivere suonando il piano, clandestinamente, nei locali di Varsavia (come i più grandi compositori polacchi, ad esempio Lutoslawski e Panufnik) e ha coltivato la sua passione per il jazz. Dalla musica che suona, si intuisce che è stato a ovest e, con l'ascesa del regime stalinista in Polonia, non sa che fare con la sua vita dal momento che il jazz è stato bandito. Non ha mai avuto particolare interesse per la musica popolare polacca ma l'incontro con Irena (e il suo progetto di ensemble folk) lo porta a prendere in considerazione il genere. Capirà però presto di non poter mai essere libero in Polonia e che la fuga è l'unica sua via di salvezza.

Il comunismo ha ampliato o limitato le opzioni di vita della gente? Nel caso di Wiktor e Zula, sì. E so che la mia visione delle cose, in un momento storico in cui la Polonia fa i conti con il proprio passato, susciterà non poche polemiche".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Cold War è Pawel Pawlikowski, regista e sceneggiatore polacco. Nato a Varsavia nel 1957, Pawlikowski ha lasciato la Polonia a 14 anni spostandosi tra Regno Unito, Germania e Italia, prima di stabilirsi a Londra nel 1977. Dopo aver studiato letteratura e filosofia a Londra e Oxford, ha cominciato a… Vedi tutto

Commenti (1) vedi tutti

  • rappresentazione essenziale di circa 15 anni di Storia, Cinema e Musica in poco più di 80 minuti. una autentica delizia. regia giustamente premiata.

    commento di giovenosta
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

alan smithee di alan smithee
8 stelle

71 CANNES FESTIVAL 2018 - CONCORSO: Polonia 1949: mentre gli assestamenti generati dalla fine della guerra si riflettono in particolare sui territori di confine, tra i quali la Polonia ha sempre assunto il ruolo di vittima designata tra estremismi di destra prima, e di sinistra dopo, ina politica di valorizzazione della cultura popolare fa incontrare un abile ed attraente musicista, con… leggi tutto

1 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

Barone Cefalu di Barone Cefalu
5 stelle

É ammirevole l'intuizione di Pawlikowski di raccontare una storia d'amore sullo sfondo dei grandi cambiamenti sociali e culturali della Polonia postguerra, nella svolta verso lo Stanilismo che portò verso una forzata egemonia un Paese una volta costituito da innumerevoli identità diverse. I primi minuti del film irrompono così, con una forte ed ambiziosa promessa,… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

2018
2018
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
locandina
Foto
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

Barone Cefalu di Barone Cefalu
5 stelle

É ammirevole l'intuizione di Pawlikowski di raccontare una storia d'amore sullo sfondo dei grandi cambiamenti sociali e culturali della Polonia postguerra, nella svolta verso lo Stanilismo che portò verso una forzata egemonia un Paese una volta costituito da innumerevoli identità diverse. I primi minuti del film irrompono così, con una forte ed ambiziosa promessa,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Recensione

alan smithee di alan smithee
8 stelle

71 CANNES FESTIVAL 2018 - CONCORSO: Polonia 1949: mentre gli assestamenti generati dalla fine della guerra si riflettono in particolare sui territori di confine, tra i quali la Polonia ha sempre assunto il ruolo di vittima designata tra estremismi di destra prima, e di sinistra dopo, ina politica di valorizzazione della cultura popolare fa incontrare un abile ed attraente musicista, con…

leggi tutto
locandina
Foto
Pawel Pawlikowski
Foto
Cannes 2018 - Capitolo 2

Cannes 2018 - Capitolo 2

Continua il nostro viaggio allo scoperta dei titoli in concorso al 71mo Festival di Cannes. Questa volta prenderemo in esame sei differenti titoli che… segue

Post
locandina
Foto
Joanna Kulig
Foto

2018

YuzoAB di YuzoAB

Scrivi un testo introduttivo (potrai sempre editarlo in seguito)

leggi tutto
Playlist
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito