Trama

Numa Tempesta è un finanziere che gestisce un fondo da un miliardo e mezzo di euro e abita da solo nel suo immenso grand hotel deserto, pieno di letti in cui lui non riesce a chiudere occhio. Tempesta ha soldi, carisma, fiuto per gli affari e pochi scrupoli. Un giorno la legge gli presenta il conto: a causa di una vecchia condanna per evasione fiscale dovrà scontare un anno di pena ai servizi sociali in un centro di accoglienza. E, così, il potente Numa dovrà mettersi a disposizione di chi non ha nulla, degli ultimi. Tra questi c'è Bruno, un giovane padre che frequenta il centro con il figlio, in seguito ad un tracollo economico. L'incontro sembrerebbe offrire ad entrambi l'occasione per una rinascita all'insegna dei buoni sentimenti e dell'amicizia. Ma c'è il denaro di mezzo e un gruppo di senzatetto che, tra morale e denaro, tenderà a preferire il denaro.

Commenti (4) vedi tutti

  • Uno dei peggiori film che abbia mai visto, pieno di stereotipi e con una scrittura che non sta mai insieme. Mi domando come Giulini e Germano abbiano potuto accettare una parte!

    commento di Arpo05
  • Una bella commedia italiana cinica ed intelligente.

    leggi la recensione completa di Carlo Ceruti
  • Film molto noioso con una morale discutibile: i soldi risolvono tutto e rendono tutti più felici. !?!? più una favola che un'immagine della realtà, non mi è piaciuto per niente.

    commento di giulmar
  • Film piacevole ed originale. Ottima recitazione (ma da giallini e germano era prevedibile). La mia personale morale del film? Le donne possono essere più spietate degli uomini anche se fanno la parte di "sante"...

    commento di nissaki66
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

supadany di supadany
5 stelle

La crisi economica su scala mondiale del 2008 e la successiva - principalmente italica - sviluppatasi nel 2011, hanno contribuito ad accentuare le differenze sociali. Le classi agiate sono diventate sempre più ricche e ben disposte alla frode per incrementare i loro patrimoni, mentre i poveri sono cresciuti numericamente, con tante persone inghiottite in uno stato d’indigenza,… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

Padremaronno di Padremaronno
8 stelle

Daniele Luchetti, alla soglia dei 60anni, abbandona i toni impegnati che avevano fatto la sua fortuna con Il Portaborse e trova una via "zavattiniana" per questa favola contemporanea che, muovendo da un realismo apparente, narra con amore ed empatia le vicende dei suoi personaggi di estrazioni sociali totalmente diverse.  A partire dal protagonista Tempesta, interpretato da un Giallini… leggi tutto

3 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

barabbovich di barabbovich
3 stelle

Condannato per frode fiscale, un magnate della finanza che vive a Roma in un lussuosissimo albergo tutto per sé (Giallini) viene condannato a un anno di servizi sociali (vi ricorda qualcosa?). Qui stringe amicizia con un padre sul lastrico (Germano) con figlio a carico e finisce sotto l'occhio ipervigile della responsabile della struttura (Danco), dal cui giudizio in termini di… leggi tutto

2 recensioni negative

Recensione

Carlo Ceruti di Carlo Ceruti
8 stelle

Finalmente è uscita al cinema una bella commedia italiana, intelligente e cinica che, dietro una patina apparentemente buonista, serena ed un po' favolistica, cela la pochezza morale in cui è sprofondato l'intero popolo italiano. C'è un imprenditore ricco, affermato e senza alcuno scrupolo, di nome Numa Tempesta (un ottimo Marco Giallini), che deve scontare un anno di…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

barabbovich di barabbovich
3 stelle

Condannato per frode fiscale, un magnate della finanza che vive a Roma in un lussuosissimo albergo tutto per sé (Giallini) viene condannato a un anno di servizi sociali (vi ricorda qualcosa?). Qui stringe amicizia con un padre sul lastrico (Germano) con figlio a carico e finisce sotto l'occhio ipervigile della responsabile della struttura (Danco), dal cui giudizio in termini di…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

Nel giro tortuoso, tentacolare e dantesco della finanza che fagocita e distrugge, spolpa tanti piccoli per rendere sempre più grandi i pochi scaltri, Numa Tempesta può dire di avercela fatta. Proprio per questo però, non fidandosi più di nessuno – forse anche per paura che chiunque altro possa essere infido e traditore quasi quanto lo è lui –…

leggi tutto

Recensione

nickoftime di nickoftime
7 stelle

Per Daniele Luchetti la regia di "Io sono Tempesta" partiva con premesse diverse dalle altre. Da una parte, il nuovo film arrivava dopo la parentesi del biopic dedicato a Papa Francesco e, quindi, a seguito di un'esperienza che tanto nella tipologia produttiva quanto nei contenuti era da considerarsi se non un corpo estraneo, almeno un gesto anomalo rispetto al resto della sua filmografia. In…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

Ascasubi di Ascasubi
4 stelle

Quando la ricchezza non deve rimanere celata si manifesta in maniera singolare e, talvolta, persino elegante. Un hotel di lusso vuoto, ma funzionante che ospita una teoria di toys d’epoca, ovverosia vetturette elettriche tirate a lucido appaiate a flipper d’antiquariato funzionanti; oggetti, questi, sistemati sotto volte e stucchi di marca neoclassica quasi a volere creare un…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

Padremaronno di Padremaronno
8 stelle

Daniele Luchetti, alla soglia dei 60anni, abbandona i toni impegnati che avevano fatto la sua fortuna con Il Portaborse e trova una via "zavattiniana" per questa favola contemporanea che, muovendo da un realismo apparente, narra con amore ed empatia le vicende dei suoi personaggi di estrazioni sociali totalmente diverse.  A partire dal protagonista Tempesta, interpretato da un Giallini…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

supadany di supadany
5 stelle

La crisi economica su scala mondiale del 2008 e la successiva - principalmente italica - sviluppatasi nel 2011, hanno contribuito ad accentuare le differenze sociali. Le classi agiate sono diventate sempre più ricche e ben disposte alla frode per incrementare i loro patrimoni, mentre i poveri sono cresciuti numericamente, con tante persone inghiottite in uno stato d’indigenza,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 14 utenti
Uscito nelle sale italiane il 9 aprile 2018
locandina
Foto
locandina
Foto
Il meglio del 2017
2017
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito