Taxi Teheran

play

Regia di Jafar Panahi

Con Jafar Panahi Vedi cast completo

Questo film non è disponibile. Prenotalo o aggiungilo alla tua Watchlist.

Trama

Un taxi si muove tra le strade vivaci e colorate di Teheran. Al suo interno si susseguono diversi passeggeri, che esprimono candidamente le proprie opinioni, al cospetto dell'autista, che altri non è che il regista Jafar Panahi. La sua telecamera posta sul cruscotto cattura lo spirito della società iraniana e dei suoi tormenti, ora comici ora drammatici.

Approfondimento

TAXI TEHERAN: LO SGUARDO DI PANAHI SULLA REALTÀ IRANIANA

Scritto e diretto da Jafar Panahi, Taxi Teheran vede in scena un taxi muoversi tra le vie affollate e colorate di Teheran. Diversi tipi di passeggeri entrano nella vettura e ognuno di loro, in maniera candida, esprime il suo punto di vista mentre viene intervistato dal conducente, che altri non è che il regista Jafar Panahi stesso. La telecamera all'interno del taxi, trasformato per l'occasione in uno studio cinematografico mobile e sui generis, cattura in tal modo lo spirito della società iraniana attraverso percorsi ora divertenti ora tragici. Realizzato in condizioni proibitive, Taxi Teheran viene così brevemente spiegato dal regista: «Sono un regista e non posso fare altro che realizzare film. Il cinema è la mia forma di espressione e il significato della mia stessa vita. Niente può impedirmi di girare un film: anche messo alle strette, posso riconnettermi attraverso le mie opere con me stesso. Anche in spazi così ridotti e con limiti così ristretti, la necessità di creare diventa più che una necessità. Il cinema come Arte è la mia principale preoccupazione: questo è il motivo per cui devo continuare a fare film in qualsiasi modo. È per rispetto a me stesso e per sentirmi vivo».

Le dure parole del regista iraniano confermano ancora una volta come egli sia costretto a lavorare in circostanze che per la legge del suo Paese sono illegali. Ricordiamo infatti che su di lui pende una pesantissima condanna che gli impone di non scrivere o realizzare film, gli vieta di viaggiare fuori dall'Iran e lo obbliga a non rilasciare interviste. Il tutto per 20 anni. Qualora uno dei divieti venga infranto, Panahi rischia di essere rinchiuso in un carcere per sei anni. La sua colpa è quella di aver con i suoi precedenti film "infangato" l'immagine del Paese e a nulla sono servite le pressioni e la solidarietà dei festival internazionali, degli artisti di tutto il mondo e dei registi più rinomati. Taxi Teheran è il terzo film che Panahi completa nonostante le limitazioni: i precedenti sono This is not a FilmClosed Curtain.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Questo Taxi Teheran, Orso d’oro a Berlino 2015, è un Panahi lieve, un jeu d’esprit militante, un pamphlet satirico semplice semplice, chiuso in auto come un Kiarostami, ma in grado di uscire dalla spirale d’oscuro ermetismo del film precedente. Panahi s’improvvisa tassista. Ed è pura, essenziale didattica del pensiero critico, sempre in punta di paradosso.

Commenti (2) vedi tutti

  • Se le immagini dei clienti fossero state vere, avremo un altro film, probabilmente migliore. Ma forse era troppo rischioso.

    leggi la recensione completa di tobanis
  • L'inchiesta televisiva si innesta sul teatro civile, la levità del comico popolare sfiora la tragedia e ne racconta gli antidoti, nel falso racconto della realtà vera spinta a forza in un taxi, su e giù per le strade di Teheran come un virus nel sistema circolatorio di un regime che, per fortuna, non trova la cura definitiva contro il dissenso.

    commento di rickbarrett
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

M Valdemar di M Valdemar
8 stelle

  Realtà in cerca di soggetto. In Taxi Teheran Jafar Panahi veicola quello che è uno straordinario, attualissimo documento politico, storico, sociale e sociologico, culturale, filmico, umano. La storia personale del regista, intanto - gli è vietato fare cinema, tra le altre cose -, che emerge più che altro da ciò che già si conosce che… leggi tutto

13 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

tobanis di tobanis
6 stelle

L’Iran non è uno Stato di diritto. Gli scagnozzi al potere governano la giustizia come meglio credono, e fanno pressioni e ricatti un po’ su tutti gli altri. Abbiamo questo regista, Panahi, che per i suoi film è stato anche arrestato (con famiglia e amici, per non farci mancare nulla), con la terribile accusa, si fa per dire, di fare propaganda contro il Governo. Ecco… leggi tutto

3 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

barabbovich di barabbovich
3 stelle

"Puoi aver visto tutti i film del mondo, letto tutte le storie del cinema, ma poi l'idea ce la devi mettere tu": così Jafar Panahi, improvvisatosi tassista, catechizza un giovane aspirante filmmaker che sale nell'abitacolo della sua vettura. Il cinquantacinquenne regista iraniano non può che esserci simpatico per via delle prese di posizione rispetto al governo di Teheran e per le… leggi tutto

1 recensioni negative

Il meglio del 2017
2017

Recensione

tobanis di tobanis
6 stelle

L’Iran non è uno Stato di diritto. Gli scagnozzi al potere governano la giustizia come meglio credono, e fanno pressioni e ricatti un po’ su tutti gli altri. Abbiamo questo regista, Panahi, che per i suoi film è stato anche arrestato (con famiglia e amici, per non farci mancare nulla), con la terribile accusa, si fa per dire, di fare propaganda contro il Governo. Ecco…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Il meglio del 2016
2016

Recensione

SalvatoreTorre di SalvatoreTorre
10 stelle

Una rosa per il cinema.   Potrebbe fermarsi quì la mia recensione, su questa frase, perché in essa c'è racchiuso tutto il sentimento di Jafar Panahi, intorno ad essa si snoda e si dirama tutta l'ispirazione e l'intuizione, soprattutto la voglia di voler continuare a vivere e ad esercitare la propria passione. Panahi inizia il film facendoci osservare il mondo da…

leggi tutto

TOP TWELVE 2015

ed wood di ed wood

Ecco una classifica dei miei film preferiti usciti in Italia nell'anno solare 2015 e visti al cinema. Non è stata una grande annata. Pochi film imperidibili (almeno fra quelli distribuiti e rimasti in sala…

leggi tutto
Il meglio del 2015
2015

Recensione

M Valdemar di M Valdemar
8 stelle

  Realtà in cerca di soggetto. In Taxi Teheran Jafar Panahi veicola quello che è uno straordinario, attualissimo documento politico, storico, sociale e sociologico, culturale, filmico, umano. La storia personale del regista, intanto - gli è vietato fare cinema, tra le altre cose -, che emerge più che altro da ciò che già si conosce che…

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 24 agosto 2015
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito