Annie: La felicità è contagiosa

play

Regia di Will Gluck

Con Quvenzhané Wallis, Jamie Foxx, Cameron Diaz, Rose Byrne, Bobby Cannavale, Adewale Akinnuoye-Agbaje, David Zayas, Tracie Thoms... Vedi cast completo

Guardalo su
  • Amazon Prime Video
  • Amazon Prime Video
  • Amazon Prime Video
  • Amazon Prime Video
In STREAMING

Trama

Abbandonata da piccola dai suoi genitori con la promessa che sarebbero tornati a riprenderla, Annie (Quvenzhané Wallis) è stata adottata da Miss Hannigan (Cameron Diaz) vivendo un'esistenza non certo felice. Tutto però è destinato a cambiare quando il magnate  Will Pie (Jamie Foxx), candidato a sindaco di New York, su consiglio della vice Grace (Rose Byrne) e del consigliere Guy (Bobby Cannavale) fa una mossa per la sua campagna elettorale, prendendo la bambina con sé.

Approfondimento

ANNIE: LA FELICITÀ È CONTAGIOSA - L'ADATTAMENTO DI UN MUSICAL DI BROADWAY

Diretto da Will Gluck e sceneggiato dallo stesso con Aline Brosh McKenna, Annie: La felicità è contagiosa è il remake di Annie e si basa sul musical teatrale scritto da Thomas Meehan e adattato dalla striscia di fumetti Little Orphan Annie di Harold Gray. La storia ruota intorno a Annie, una bambina senza genitori che, tenace e felice, cresce da sola per le vie della New York del 2014. Lasciata molto piccola dai genitori con la promessa che un giorno sarebbero tornati a riprenderla, Annie ha vissuto un'esistenza piuttosto dura con la "mamma" affidataria Miss Hannigan ma nella sua vita ogni cosa è destinata a cambiare grazie all'incontro con il magnate e candidato a sindaco della città Will Stacks e con i suoi due consiglieri Grace e Guy. Con una mossa inaspettata, Stacks prende Annie con sé pensando di farle da angelo custode, non immaginando che in realtà sarà la bambina a portare il sole nelle sue giornate.

Con la direzione della fotografia di Michael Grady, le scenografie di Patricia Woodbridge, i costumi di Renee Ehrlich Kalfus, le musiche di Greg Kurstin e le coreografie di Zach Woodlee, Annie: La felicità è contagiosa esalta il ruolo della famiglia e l'importanza che questa, biologica o meno, ha nelle vite di chiunque, anche quando come Will Stacks si pensa di non avere bisogno di avere qualcuno che lo aspetti a casa. Traslando il racconto dagli anni Trenta ai giorni nostri, gli sceneggiatori si sono presi qualche libertà rispetto al testo originale della storia: Annie, ad esempio, non è più orfana ma è una bambina adottata e sa muoversi molto bene nella giungla metropolitana, avendo imparato con il tempo come vi si sopravvive. Rispetto al musical di Broadway, invece, Annie: La felicità è contagiosa presenta tre nuove canzoni, che arricchiscono la già corposa colonna sonora: Who Am I?, Opportunity e The City's Yours.

I PERSONAGGI PRINCIPALI

Protagonista principale di Annie: La felicità è contagiosa è la piccola attrice Quvenzhané Wallis, chiamata a rivestire i panni di Annie. Lasciata dai genitori, Annie è stata affidata a Miss Hartigan ma la sua esistenza non può di certo essere definita tutta rose e fiori. Navigando con la sua contagiosa allegria tra le vie di New York in compagnia del suo fedele cane Sandy, Annie con il suo modo di essere e le sue azioni insegna agli adulti ciò che più conta nella vita di tutti i giorni, che presa dalla frenesia, dal denaro e dal lavoro, ha messo da parte i veri sentimenti. Educata, gentile e seria, Annie pensa più alle sue quattro amichette che a se stessa e il suo più grande desiderio è quello di ritrovare un giorno i suoi genitori.

A differenza di tutte le madri adottive che sono quasi sempre gentili e amorevoli, Miss Hartigan non è proprio la mamma ideale: più che occuparsi di Annie e delle sue quattro "sorelle" acquisite, si preoccupa dell'assegno che le passa lo stato e di come riconquistare la possibilità di essere famosa. Ex aspirante pop star che ospita quindi cinque bambine nella sua casa, più ridicola che cattiva, Miss Hannigan ha il volto di Cameron Diaz.

A sorprendere Annie è invece l'incontro con Will Stacks, interpretato da Jamie Foxx. Magnate della telefonia e candidato a sindaco, Will crede di non aver bisogno di niente: il lavoro e i suoi miliardi in banca fanno da surrogato a un'esistenza senza affetti, almeno fino a quando nei suoi giorni non entra Annie. L'amore della piccola, arrivato inaspettatamente mentre egli si appresta a un ulteriore grande passo avanti nella sua scalata al potere, gli permetterà infatti di (ri)scoprire le emozioni dell'avere qualcuno a cui voler bene.

Stacks è circondato poi da due stretti collaboratori: la vice presidente della sua compagnia Grace e il consulente Guy. Portata sullo schermo da Rose Byrne, Grace è sempre efficiente e dimostra subito un debole per la piccola Annie, di cui diventa subito una sorta di "fatina buona". Le intenzioni di Guy, invece, non sono sempre limpide: consulente per la campagna elettorale di Will, Guy è determinato a raggiungere la meta e non gli interessano i mezzi usati. A interpretarlo è l'attore Bobby Cannavale.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Se Will Gluck trova i momenti migliori in una certa ironia metafilmica, sembra non avere un’idea precisa di come dirigere le sequenze di coreografia e di canto: il risultato non è poi troppo lontano da quello di un buon tv movie confezionato per Disney Channel. Insomma: un'occasione mancata. Basato sull'omonimo musical teatrale.

Commenti (1) vedi tutti

  • Non ho prole ma se avessi un figlio non gli farei vedere questa mega stronzata urticante già dai primi minuti nemmeno sotto minaccia.

    commento di Karl78
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

ethan di ethan
5 stelle

'(Little Orphan) Annie' nasce come striscia a fumetti nel 1924, ad opera di Harold Gray, poi trasposta al cinema in due versioni negli anni '30, per poi passare a quella più famosa, tratta dal musical, di John Huston - che non ho visto ma che non fu comunque un successo - del 1982 e a quest'ultima trasposizione, sempre ispirata all'omonimo musical, e diretta per lo schermo da Will Gluck,… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

Pesh di Pesh
10 stelle

Il film, secondo me, è molto meglio di come è stato recensito, è estrememente dolce, sensibile, profondo e molto bello da vedere da soli. ok, non è uno di quei film che ti appassionano per la suspence ma personalmente l'ho trovato bellissimo, anche piuttosto originale. è così dolce che sul finale viene voglia di piangere, secondo me molti non hanno ben… leggi tutto

1 recensioni positive

2020
2020
Trasmesso il 31 gennaio 2020 su Rsi La2
2019
2019
Trasmesso l'11 agosto 2019 su Nove
Trasmesso il 4 agosto 2019 su Nove
Trasmesso il 30 marzo 2019 su Rsi La2
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 22 gennaio 2019 su Nove
2018
2018
2017
2017
Trasmesso il 25 febbraio 2017 su Rsi La1
2016
2016

Recensione

Pesh di Pesh
10 stelle

Il film, secondo me, è molto meglio di come è stato recensito, è estrememente dolce, sensibile, profondo e molto bello da vedere da soli. ok, non è uno di quei film che ti appassionano per la suspence ma personalmente l'ho trovato bellissimo, anche piuttosto originale. è così dolce che sul finale viene voglia di piangere, secondo me molti non hanno ben…

leggi tutto
Recensione
2015
2015

Recensione

ethan di ethan
5 stelle

'(Little Orphan) Annie' nasce come striscia a fumetti nel 1924, ad opera di Harold Gray, poi trasposta al cinema in due versioni negli anni '30, per poi passare a quella più famosa, tratta dal musical, di John Huston - che non ho visto ma che non fu comunque un successo - del 1982 e a quest'ultima trasposizione, sempre ispirata all'omonimo musical, e diretta per lo schermo da Will Gluck,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
5 stelle

Pare che l’idea sia venuta (chissà se dopo aver ascoltato Hard Knock Life di Jay-Z, che ne campionava uno dei brani) a Will Smith: produrre un adattamento contemporaneo di Annie, spettacolo di Broadway tra i più amati di sempre e già oggetto di una versione cinematografica (nel 1982) che, tra le altre cose, può vantare il titolo di “unico musical diretto da John Huston”. Intuizione non…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Uscito nelle sale italiane il 29 giugno 2015
locandina
Foto
2014
2014
locandina
Foto
2000
2000
ANNIE: LA FELICITÀ È CONTAGIOSA - L'ADATTAMENTO DI UN MUSICAL DI BROADWAY

ANNIE: LA FELICITÀ È CONTAGIOSA - L'ADATTAMENTO DI UN MUSICAL DI BROADWAY

ANNIE: LA FELICITÀ È CONTAGIOSA - L'ADATTAMENTO DI UN MUSICAL DI BROADWAYDiretto da Will Gluck e sceneggiato dallo stesso con Aline Brosh McKenna, Annie: La felicità è contagiosa è il remake di Annie e si basa sul musical teatrale scritto da Thomas Meehan e adattato dalla striscia di fumetti Little Orphan Annie di Harold Gray. La storia ruota intorno a Annie, una bambina senza genitori che, tenace e felice, cresce da sola per le vie della New York del 2014. Lasciata molto piccola dai genitori con la promessa che un giorno sarebbero tornati a riprenderla, Annie ha vissuto... segue

Extra
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito