Trama

Dopo aver sconfitto il drago Smaug ed essersi riappropriato del proprio regno, Thorin Scudodiquercia è accecato dall'avidità e dalla paura di perdere ciò di cui è rientrato in possesso. Non rispettando alcune promesse fatte lungo il cammino, scatenerà l'ira dei suoi creditori e aprirà la strada a una battaglia senza precedenti nella Terra di Mezzo.

Approfondimento

LO HOBBIT: LA BATTAGLIA DELLE CINQUE ARMATE - LA CONCLUSIONE DELLA TRILOGIA TRATTA DA TOLKIEN

Diretto da Peter Jackson e sceneggiato dallo stesso con Fran Walsh, Philippa BoyensGuillermo Del Toro, Lo Hobbit - La battaglia delle Cinque Armate è il terzo capitolo della trilogia del capolavoro popolare Lo Hobbit, scritto da J.R.R. Tolkien. Seguito di Lo Hobbit: Un viaggio inaspettato e di Lo Hobbit: La desolazione di Smaug, Lo Hobbit: La battaglia delle Cinque Armate porta a conclusione le avventure di Bilbo Baggins, Thorin Scudodiquercia e della compagnia dei Nani, chiamati ad affrontare le conseguenze dell'aver scatenato le ire del terrificante drago Smaug. Alla ricerca della leggendaria Arkengemma e con Thorin incapace di ragionare, Bilbo è spinto a fare una scelta disperata e pericolosa, ignaro dei grandi pericoli che verranno per mano di Sauron, l'Oscuro Signore di Mordor che gli invia contro legioni di orchi.

Ambientato sessant'anni prima degli eventi ripercorsi in Il Signore degli Anelli, Lo Hobbit: La battaglia delle Cinque Armate conta sulla direzione della fotografia di Andrew Lesnie, sulle scenografie di Dan Hennah, sui costumi di Richard Taylor, Bob Buck e Ann Maskrey, e sulle musiche di Howard Shore (con la canzone originale The Last Goodbye eseguita da Billy Boyd). Completato come i precedenti capitoli presso gli studi dello stesso Peter Jackson a Miramar, Lo Hobbit: La battaglia delle Cinque Armate è stato girato in 3D a 48 fotogrammi al secondo per essere rilasciato nei cinema in diversi formati: High Frame Rate 3D (HFR 3D), 2D, 3D e IMAX.

I PERSONAGGI PRINCIPALI

Come tutta la trilogia, anche Lo Hobbit: La battaglia delle Cinque Armate comprende nel suo cast diversi attori provenienti dalla trilogia di Il Signore degli Anelli per dare continuità a personaggi ormai divenuti iconici.

Il mago Gandalf, per esempio, ha nei sei film il volto dell'attore Ian McKellen. Saggio, compassionevole e occasionalmente malizioso, Gandalf il Grigio non è però invulnerabile e lo scontro con lo spettro riemerso di Sauron non sarà per lui indolore. Oltre che con Sauron, Gandalf si ritrova nuovamente a stretto contatto con l'amica e alleata Galadriel, la regina degli Elfi supportata ancora una volta da Cate Blanchett. Dalla trilogia degli Anelli provengono anche i personaggi di Saruman il bianco, il capo dell'ordine del Bianco Consiglio interpretato da Christopher Lee, e di Elrond, il mezzelfo impersonato da Hugo Weaving.

Alla fine di Lo Hobbit: La desolazione di Smaug, si intravede il ritorno in scena di Sauron, potente spirito del male e creatore dell'Unico Anello, destinato a finire prima nelle mani di Bilbo Baggins e in futuro in quelle di Frodo. A interpretare il distruttivo e malefico Sauron è Benedict Cumberbatch, nella versione originale anche doppiatore del drago Smaug. Signore Oscuro di Mordor, Sauron schiera la sua legione di brutali orchi, capitanata prima dal gigantesco orco Azog, sotto le cui sembianze si cela l'attore Manu Bennett, e dal figlio Bolg, portato in scena da John Tui.

Bilbo Baggins, sopravvissuto alla battaglia contro Smaug, è interpretato ancora una volta da Martin Freeman. Dopo aver aiutato Thorin Scudodiquercia, impersonato da Richard Armitage, a riottenere indietro il suo regno, Bilbo vede il vecchio amico trasformarsi a causa dell'avidità e della paura di perdere i tesori riconquistati e ciò lo porta a prendere una difficile decisione per spingerlo a guarire dalla cosiddetta 'malattia del drago', che colpisce tutti coloro che non possono resistere all'oro. Nonostante il cambiamento a cui va incontro il loro capo, a rimanere accanto a Thorin e a essergli fedele è la compagnia dei Nani, composta da Balin (Ken Scott), Dwalin (Graham McTavish), Fili (Dean O’Gorman), Kili (Aidan Turner), Bofur (James Nesbitt), Bombur (Stephen Hunter), Bifur (William Kircher), Oin (John Callen), Gloin (Peter Hambleton), Dori (Mark Hadlow), Nori (Jed Brophy) e Ori (Adam Brown).

Desideroso di vendetta dopo la sconfitta subita, il drago Smaug plana verso Pontelagolungo scatenando la sua forza devastante sul villaggio. A tentare di difendere le proprie case sono gli uomini della zona vi è in prima fila Bard l'Arciere, supportato da Luke Evans e discendente dell'ultimo uomo in grado di sparare al drago con il suo arco. Più che dalla gloria, l'ex marinaio è mosso dall'istinto di difendere i figli Sigfrid, Tula e Bain (interpretati dalle sorelle Peggy e Mary Nesbitt, figlie dell'attore James, e da John Bell).

Oltre agli abitanti di Pontelagolungo, amministrati sempre dal Signore della città e dal suo scagnozzo Alfrid portati in scena da Stephen Fry e Ryan Gage, anche Thranduil vanta un credito da Thorin. Impersonato da Lee Pace, Thranduil è il re degli Elfi Silvani del Bosco Atro ed è il padre di Legolas, a cui presta il volto Orlando Bloom. Thranduil ha mostrato tutta la sua freddezza bandendo dal suo ruolo di comandante delle truppe degli Elfi Silvani la coraggiosa Tauriel, supportata da Evangeline Lilly e incredibilmente innamoratasi del nano Kili.

Mentre le diverse truppe si dirigono verso la Montagna Solitaria, Thorin - consapevole del numero esiguo delle sue forze - chiede il sostegno del cugino Dain il Piediferro, interpretato da Billy Connolly, e del suo esercito di Nani Ferrosi.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Terza e ultima parte della trilogia di Lo Hobbit, tratta dal romanzo di J.R.R. Tolkien. La pellicola più breve di Lo Hobbit è anche la meno discontinua: ha un incipit mozzafiato, che chiude la questione Smaug, dopodiché avanza con gravitas e grandeur verso uno scontro complesso ma ritmato, intrecciando dilemmi etici, echi shakespeariani, melodrammi, atti d’eroismo semplice e cruciale. Non per questo il film può dirsi riuscito: dieci anni fa l’estetica jacksoniana toglieva il respiro, oggi ha figliato proficuamente in forma sia cinematografica sia videoludica, e fatica seriamente a rivelarsi originale. Ma la nostalgia è l’essenza della Terra di Mezzo, e quella c’è tutta: andata e ritorno, possibilmente all’infinito.

Commenti (4) vedi tutti

  • Non il massimo, ma nemmeno cosi brutto.

    commento di Fiesta
  • Termina qui la trilogia senza sollevarsi rispetto ai primi due episodi. Il film è senza una sua coerenza, diviso tra scadente umorismo e momenti solenni. Anche la battaglia è assurda, implausibile, sacrificata al puro obiettivo di dare spettacolo finendo comunque per deludere anche in questo ambito.

    commento di Un tizio
  • Non l'ho visto ma gli do mezza stella sulla fiducia

    commento di sticazzi
  • Battaglie, battaglie, battaglie, battaglie, battaglie, battaglie. E poi battaglie, battaglie, battaglie, battaglie, battaglie. Finita la battaglia, arriva un'altra armata, e allora ancora battaglie, battaglie, battaglie.

    leggi la recensione completa di S*
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

supadany di supadany
8 stelle

Resa dei conti nella Terra di Mezzo. Anche se per l’ordine cronologico degli eventi non sarebbe corretto affermarlo, si arriva al capolinea della dimensione fantasy più seguita di sempre, si chiude il cerchio (per sempre? Probabilmente sì, ma mai dire mai in questi casi) con un po’ di affanno anche se l’intrattenimento che ci si aspetta è ampiamente… leggi tutto

14 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

Immorale di Immorale
6 stelle

All (good and bad) things must came to an end.   Parafrasando, ma non troppo, un altro ambito (seriale) incentrato anch’esso sulle insidie del potere, il sipario scende anche sulla Terra di Mezzo.      Ci si accommiata quindi anche da tutti i personaggi della seconda trilogia, quasi tutti malamente sviluppati e rappresentati, ma indubbiamente circondati da un… leggi tutto

17 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

M Valdemar di M Valdemar
3 stelle

  Evacua finalmente la sua ultima, dolorosa sortita, la stitica saga de Lo Hobbit. Un distacco necessario per una fatica nient'affatto necessaria, frutto, più che altro, di esigenze meramente commerciali e dalle note traversie produttive. Per il terzo capitolo era lecito aspettarsi che Peter Jackson - tanto demiurgo quanto prigioniero, schiavo della sua preziosa creatura -… leggi tutto

8 recensioni negative

2019
2019

Recensione

099999999 di 099999999
6 stelle

Bah. Secondo me é meglio che Jackson abbia tirato le somme. Quest'ultimo viaggio nella terra di mezzo risulta infatti gradevole ma stanco, privo di una voglia vera e propria di epicità o di raccontare. I personaggi sono abbastanza abbozzati e travisati, le battaglie a volte un po' noiose, la fotografia a volte qui davvero fastidiosa, la trama tirata un po' via nei suoi momenti…

leggi tutto
Recensione
2018
2018
Trasmesso il 24 giugno 2018 su TV8
Trasmesso il 21 giugno 2018 su TV8
Trasmesso il 18 giugno 2018 su TV8
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Trasmesso il 28 gennaio 2018 su TV8
Trasmesso il 26 gennaio 2018 su TV8
Trasmesso il 22 gennaio 2018 su TV8
2017
2017
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 21 luglio 2017 su Rsi La1
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti
Trasmesso il 25 giugno 2017 su TV8
Trasmesso il 23 giugno 2017 su TV8
Trasmesso il 19 giugno 2017 su TV8
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti

Recensione

Paul Hackett di Paul Hackett
7 stelle

Si conclude la quest dello hobbit Bilbo Baggins. Dopo l'incursione del drago Smaug su Pontelagolungo e la perdita di senno di Thorin Scudodiquercia, che, ammaliato dalle ricchezze di Erebor, rischia di scatenare una guerra tra nani, elfi e uomini, una nuova terribile minaccia si profila all'orizzonte: un'armata di orchi guidata da Azog il Profanatore.   La trilogia cinematografica dello…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Trasmesso il 5 febbraio 2017 su TV8
Trasmesso il 4 febbraio 2017 su TV8
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito