Espandi menu
cerca
Lo Hobbit: La Battaglia delle Cinque Armate

Regia di Peter Jackson vedi scheda film

Recensioni

L'autore

M Valdemar

M Valdemar

Iscritto dal 6 febbraio 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 247
  • Post 20
  • Recensioni 545
  • Playlist 35
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Lo Hobbit: La Battaglia delle Cinque Armate

di M Valdemar
3 stelle

 

locandina Comic Con

Lo Hobbit: La Battaglia delle Cinque Armate (2014): locandina Comic Con


Evacua finalmente la sua ultima, dolorosa sortita, la stitica saga de Lo Hobbit. Un distacco necessario per una fatica nient'affatto necessaria, frutto, più che altro, di esigenze meramente commerciali e dalle note traversie produttive. Per il terzo capitolo era lecito aspettarsi che Peter Jackson - tanto demiurgo quanto prigioniero, schiavo della sua preziosa creatura - avesse riservato il meglio, data la sostanziale inconsistenza dei primi due: ebbene, l'esito è alla medesima "altezza" di quelli. Sconfortante. Una piattezza diffusa alla quale si cerca di rimediare alzando i ritmi, moltiplicando le scene d'azione, e dando fuoco (ma da polveri bagnate) alla furia della battaglie.

scena

Lo Hobbit: La Battaglia delle Cinque Armate (2014): scena

 

scena

Lo Hobbit: La Battaglia delle Cinque Armate (2014): scena


Che poi siano di 'cinque armate' - come da assurdo titolo - o semplicemente il prodotto dell'ennesimo combattimento tra gli schieramenti elfi-uomini-nani + hobbit vs. gli orchi brutti sporchi e cattivi, è un dettaglio trascurabile, una nota a margine di un pregiato copione ricopiato malamente. E questo - per quanto banale e riduttivo possa sembrare - è il punto: non si può prescindere dalla fortunata saga del Signore degli Anelli, conclusa appena un decennio fa. Non c'è una singola sequenza - nemmeno un singolo momento, un fotogramma - in Lo Hobbit: La Battaglia delle Cinque Armate che valga il suo "omologo", il grandioso Il Signore degli Anelli: Il ritorno del Re (considerazione invero applicabile a ogni episodio delle due trilogie).
Tutto qui è di riporto, o posticcio, o vago e casuale: molliccia e impalpabile la (presunta) epicità, scolorita dal tempo e dal déjà vu la miscellanea di metafore (l'amicizia, l'avventura, il bene e il male), quasi inesistente l'ironia, sbrigativa ed evaporata verso l'oblio la risoluzione degli scontri, frivolo l'insieme delle dinamiche che muovono personaggi perlopiù dimenticabili (fulgido esempio Bard l'Arciere interpretato dall'incolore Luke Evans: accoppa in un battibaleno l'indistruttibile spaventoso drago Smaug ma a nessuno - men che meno allo spettatore - importa nulla di lui, misero surrogato di Aragorn); e ridicolo il melmoso versante dei sentimenti (il triangolo nano-elfa-elfo è d'una pochezza indescrivibile).

Orlando Bloom, Evangeline Lilly

Lo Hobbit: La Battaglia delle Cinque Armate (2014): Orlando Bloom, Evangeline Lilly


Assente, infine, e sopra ogni altra cosa, quella sottile penetrante e persistente sensazione che attraversa corpo mente e cuore quando si è - felicemente e tristemente al contempo - consapevoli che la meravigliosa avventura alla quale si è assistito/"partecipato" sta volgendo ineluttabilmente al termine.
Il senso dello spettacolo c'è (ancora), ma è un residuo - stanco, fatuo, inerte, autoconclusivo - della grande gloria d'un tempo: laddove prima la vecchia trilogia aveva scritto pagine considerevoli - e storiche, finanche "mitiche" - della letteratura cinematografica fantasy (e assoluta), questa ne costituirà una irrilevante appendice, utile solo per le statistiche.
Sprecati, tra gli altri, Cate Blanchett (lei è sempre un'apparizione meravigliosa, rovinata da una scena a dir poco scult che pare una parodia di Riposseduta) e quel magnifico attore che è Martin Freeman.

Cate Blanchett, Ian McKellen

Lo Hobbit: La Battaglia delle Cinque Armate (2014): Cate Blanchett, Ian McKellen

 

Martin Freeman

Lo Hobbit: La Battaglia delle Cinque Armate (2014): Martin Freeman

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati