Espandi menu
cerca

Trama

La principessa Diana trascorre le festività natalizie insieme alla famiglia reale nella tenuta di Sandringham nella contea di Norfolk. Durante il corso di un intenso fine settimana, maturerà la decisione di porre fine al suo matrimonio con il principe Carlo.

Curiosità

LA PAROLA AL REGISTA

"Tutti noi conosciamo bene le favole e le sue icone idealizzate: Diana Spencer è riuscita a stravolgere questo noto paradigma, frutto della cultura popolare. Spencer è la storia di una principessa che decide di non diventare regina, scegliendo di costruire da sola la propria identità. La sua storia è appunto il rovesciamento dello schema di una favola. Mi ha sempre colpito la decisione di Diana, proprio perché immagino quanto le sia costata. È questo è il fulcro del film. Volevo esplorare il percorso interiore che, fra dubbi e determinazione, l’ha condotta a scegliere la libertà per se stessa e per i suoi figli. La sua decisione ha caratterizzato anche ciò che ci ha lasciato: un patrimonio di onestà e umanità senza eguali.

Quando ho girato Jackie, nel 2016, ho sviluppato un forte interesse nei confronti di quelle personalità femminili che hanno cambiato il volto del 20° secolo. Sia Diana che Jackie hanno costruito la propria identità individualmente e non necessariamente in funzione degli uomini a cui sono state legate. Entrambe hanno compreso come utilizzare i media del loro tempo, per riuscire a trasmettere una certa immagine di sé al mondo esterno, sebbene lo abbiano fatto ognuna a modo suo.

Lasciare Carlo e la vita di corte, è una decisione intima a cui Diana giunge quando si rende conto che la propria identità è più importante di quella della famiglia reale e della sua stessa nazione. Ma non c’è inadeguatezza in questo: lo fa solo per necessità. Vive in un ambiente che la schiaccia, che la sminuisce, quindi si sente chiamata a difendere se stessa e i suoi figli. Può sembrare che l’esperienza di Diana a Sandrigham, offra solo uno scorcio della sua esistenza. In realtà non è così: lì c’è tutta la sua vita, riflessa in una manciata di giorni.

Su Diana è stato detto di tutto, nei giornali, nei libri, nelle riviste. Un’infinità di storie, alcune vere, altre no.

Abbiamo svolto una ricerca molto approfondita sulla sua vita, sulle tradizioni natalizie della famiglia reale e sulle storie dei fantasmi di Sandringham House. Eppure i membri della Famiglia Reale sono estremamente discreti. Non appena concludono le apparizioni pubbliche, le porte del palazzo si richiudono e non si sa più nulla di loro. Questo ha alimentato la nostra fantasia e ci siamo messi al lavoro. Non aspiravamo a realizzare un docudrama, bensì a creare una storia basata sia su elementi reali che sull’immaginazione, per raccontare la vita di una donna con gli strumenti che abbiamo a disposizione. Il fascino del cinema è proprio questo: c’è sempre spazio per la fantasia.

Ovviamente, in un film incentrato sui personaggi come questo, gli attori sono di fondamentale importanza.

Un buon rapporto fra la protagonista, la macchina da presa e il regista, è la chiave per costruire un personaggio che tutti pensano di conoscere già.

Kristen Stewart è una delle attrici migliori del panorama odierno. Ha ottenuto tanto successo perché possiede una qualità fondamentale per il cinema, e cioè il mistero. Kristen può essere misteriosa, fragile e allo stesso tempo forte, ed è proprio questo di cui abbiamo bisogno. L’insieme di questi elementi mi ha ispirato. Il modo in cui si è relazionata al copione e al personaggio è molto bello. Ha dato vita a una performance stupenda e intrigante. Quando un filmmaker trova un’attrice in grado di trasmettere la drammaticità della storia solo attraverso il suo sguardo, allora senza dubbio ha trovato la protagonista della vicenda che intende raccontare. Kristen è una vera forza della natura.

Per il personaggio di Diana, non volevamo semplicemente trovare qualcuno che le somigliasse; il nostro lavoro è stato utilizzare gli strumenti del cinema, quali il tempo, lo spazio e il silenzio, per creare il mondo interiore di una persona connotata da mistero e fragilità. Entrambi questi suoi lati emergono chiaramente nelle scene caratterizzate dagli elementi soprannaturali. Non volevo scivolare nel paranormale o nell’assurdo, bensì esplorare la sua vita interiore. Ciò che Diana vede è il riflesso dei suoi ricordi, delle sue paure, delle sue illusioni. Questi elementi raccontano ciò che accade dentro di sé e mostrano la sua grande e splendida vulnerabilità".

Commenti (2) vedi tutti

  • Si può definire "La passione di Diana". La Stewart regna l'opera, gigioneggiando nei panni di una Giovanna D'Arco di Dreyer, intrappolata in una sorta di Overlook Hotel. Un biopic vero come la finzione. Anche se non è esente da alcune falle tecniche.

    leggi la recensione completa di Dalton
  • Non mi è piaciuta questa ricostruzione di Diana raccontata come una donna estremamente fragile mentalmente... penso che Diana fosse molto di più di una psicolabile, film veramente angosciante!

    commento di Spadamik
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

obyone di obyone
7 stelle

    Venezia 78. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica. Non guardate "Spencer" come il bio-pic di una celebrità. Anzi spogliate il personaggio del diadema della regalità. Di più, se vi riesce, abbruttite Kristen Stewart, toglietele i vestiti da cerimonia, preparati per lei con ampio anticipo dalla cameriera personale, ciascuno per la giusta occorrenza,… leggi tutto

7 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

alan smithee di alan smithee
5 stelle

FESTIVAL DI VENEZIA 78 - CONCORSO "Vita e morte di una martire." Pablo Larrain continua (accidenti a lui!! ma è un parere strettamente personale quest'ultimo) la sua "collana" biopic dedicandosi a quelle donne famose che ritiene eroine del proprio tempo. Ed ecco che dopo Jackie, è il turno di Lady D. Incurante di quanto sia già stato detto e ricavato al cinema e per la… leggi tutto

4 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

EightAndHalf di EightAndHalf
4 stelle

Come fare un film asfissiante su un personaggio asfissiato dal suo mondo, perennemente fuori posto, e mettere quello stesso personaggio sempre al centro, nello schema di un’immagine, nella composizione arty di una camera fissa, adesa a un volto o lanciata su un dolly asettico. Ogni inquadratura in Spencer sottolinea, nella consueta tendenza di Larraín di non fidarsi dello… leggi tutto

1 recensioni negative

2022
2022

Recensione

Antisistema di Antisistema
7 stelle

E' vissero per sempre felice e contenti... per lo meno è questa l'idea propagata dal cinema anglo-americano dopo l'unione tra due persone; il matrimonio tra Diana e Carlo, prometteva molto, ma alla fine s'è concluso in un gran disastro, dove la morte dell'ex principessa di Galles, ne ha fatto di lei un mito quanto lui un mostro, quando semplicemente egli non gradiva tale…

leggi tutto

Recensione

Dalton di Dalton
7 stelle

Un biopic vero come la finzione. Si può definire La passione di Diana. La Stewart regna l'opera, gigioneggiando nei panni di una Giovanna D'Arco di Dreyer, intrappolata in una sorta di Overlook Hotel. Il plot di Steven Knight accumula velate controversie, Larraín accumula suggestioni oniriche, anche se la loro ricercata caccia al faggiano non è esente da alcune falle…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

diomede917 di diomede917
7 stelle

CIAK MI GIRANO LE CRITICHE DI DIOMEDE917: SPENCER   Pablo Larrain avvisa subito lo spettatore che entra in sala pensando di vedere un biopic su Lady D o una stagione di The Crown. Spencer è una favola tratta da una tragedia vera. Spencer è la favola di quella principessa chiamata da tutti la Principessa Triste che vive confinata in un castello in attesa che gli eventi si…

leggi tutto

Recensione

steno79 di steno79
7 stelle

Il cinema di Pablo Larrain da un po’ di tempo si confronta con alcune biografie apparentemente “ufficiali”, ma in realtà dal taglio assai personale e volutamente spiazzante per lo spettatore, fra cui l’ultimo arrivato è questo “Spencer” che ci racconta tre giorni nella vita di Lady Diana nel periodo di Natale del 1991, in cui il matrimonio con il…

leggi tutto

Recensione

Peppe Comune di Peppe Comune
8 stelle

Nella dimora di campagna di Sandringham nella contea di Norfolk la famiglia reale inglese si riunisce per trascorrere le vacanze di Natale. La principessa Diana (Kristen Steward) è in ritardo essendosi persa con la sua auto nel bel mezzo della campagna inglese. Le casse del cibo arrivano prima di lei, pronte ad essere disposte in cucina sotto il controllo attento del capo cuoco Derren…

leggi tutto

Recensione

Gangs 87 di Gangs 87
6 stelle

Su Lady D. è stato detto tutto e di tutto. Sono stati scritti libri, girati documentari, serie tv, sono state imbastite le teorie più assurde eppure Pablo Larrain è riuscito a scovare un momento particolare che, almeno secondo lui, meritava un risalto maggiore a tal punto da decidere di farne un film. Dopotutto quel weekend di Natale del ’91 quando Diana prende atto…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

SamP21 di SamP21
8 stelle

Si conclude così questa ideale trilogia (?) femminile di Larrain , con Spencer.   La trama in breve: La principessa Diana trascorre le festività natalizie insieme alla famiglia reale nella tenuta di Sandringham nella contea di Norfolk. Durante il corso di un intenso fine settimana, maturerà la decisione di porre fine al suo matrimonio con il principe Carlo.  …

leggi tutto

Recensione

obyone di obyone
7 stelle

    Venezia 78. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica. Non guardate "Spencer" come il bio-pic di una celebrità. Anzi spogliate il personaggio del diadema della regalità. Di più, se vi riesce, abbruttite Kristen Stewart, toglietele i vestiti da cerimonia, preparati per lei con ampio anticipo dalla cameriera personale, ciascuno per la giusta occorrenza,…

leggi tutto

Recensione

Leo Maltin di Leo Maltin
5 stelle

Visto in lingua originale con sottotitoli Al nono film, Larraín si traveste da Papá Noel per donare allo spettatore un Christmas Carol thriller in tre tempi, ovvero l’inquietante presepe da museo delle cere che si celebra ogni Natale in casa Windsor, noioso e fasullo. L’unica figura veramente umana della famiglia reale è proprio la principessa “Diana…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Uscito nelle sale italiane il 21 marzo 2022
2021
2021
locandina
Foto
Pablo Larrain
Foto
Kristen Stewart
Foto
Kristen Stewart
Foto

Venezia 78

obyone di obyone

Posata una lapide marmorea sulla prima tribolata settimana al Lido dal lunedì della seconda sembra che la Mostra si sia svuotata. Riescono a prenotare persino i bradipi di colore blu e probabilmente quelli verdi…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito