Espandi menu
cerca

L'arminuta

play

Regia di Giuseppe Bonito

Con Sofia Fiore, Vanessa Scalera, Fabrizio Ferracane, Elena Lietti, Carlotta De Leonardis, Andrea Fuorto, Stefano Petruzziello... Vedi cast completo

Guardalo su
  • Sky Go
  • NowTV
  • Tim Vision
  • Prime Video
In STREAMING

Trama

Agosto 1975. Una ragazzina di tredici anni viene restituita alla famiglia cui non sapeva di appartenere. All'improvviso perde tutto ciò che aveva con la famiglia adottiva: una casa confortevole e l'affetto esclusivo riservato a chi è figlio unico. Si ritrova così in un mondo estraneo, appena sfiorato dal progresso, dove dovrà condividere gli spazi ristretti di una casa piccola e buia con altri cinque fratelli.

Curiosità

LA PAROLA AL REGISTA

"Ritengo che la regia sia la facoltà straordinaria di accedere alle vite sospese nell’attimo in cui le si racconta, la possibilità di poterle osservare, esplorare, approfondire, senza giudicare mai.

Per quel che mi riguarda nulla è predeterminato ma tutto è incontro, scoperta, ogni cosa accade mentre il film si realizza. Grazie al romanzo di Donatella Di Pietrantonio ho conosciuto questa ragazzina di tredici anni della quale non sapremo mai il nome, ma solo il soprannome, l’Arminuta, che nel dialetto abruzzese significa la “ritornata”.

La sua storia accade a metà degli anni settanta e comincia il giorno in cui viene restituita alla famiglia cui non sapeva di appartenere. All’improvviso perde tutto ciò che aveva contraddistinto la sua vita: una casa confortevole, le amiche più care, l’affetto esclusivo riservato a chi è figlio unico. Si ritrova catapultata in un mondo nuovo, estraneo e rude che sembra appena sfiorato dal progresso e a dover condividere lo spazio di una casa piccola e buia con altri cinque fratelli in una dimensione a tratti ostile e promiscua.

In questa storia tutto è fortemente polarizzato: la città di mare e il paese dell’entroterra, la modernità e l’arcaicità, il benessere borghese e la povertà rurale, l’italiano corretto come viene parlato alla tv e il dialetto stretto che si parla nella nuova casa. E in mezzo c’è lei, l’Arminuta, che è sempre l’una e l’altra cosa insieme, figlia di due madri e di nessuna. Alle domande che la ossessionano nessuno sembra potere o volere dare una risposta. Perché è stata restituita? Perché proprio lei è stata data via quando è nata? Il film, così come il romanzo, racconta un anno di vita di questa ragazzina alle soglie dell’adolescenza, un periodo che segnerà la sua vita per sempre, in cui sperimenterà il dolore e la durezza ma anche l’amore, la dolcezza e la bellezza a tratti feroce che la vita riserva.

Mi piacerebbe che la narrazione restituisca soprattutto due cose: da un lato lo sguardo de l’Arminuta, che è testimone suo malgrado, e dall’altro il magma incandescente dei sentimenti laceranti che questa storia contiene.

L’Arminuta affronta una delle paure più profonde di ogni individuo, quella di perdere le persone dalle quali dipende la propria felicità ed è anche il racconto del contrasto tra il destino e la volontà dell’essere umano".

 

Note

Dall'omonimo romanzo di Donatella Di Pietrantonio.

Commenti (8) vedi tutti

  • Trasposizione abbastanza fedele e riuscita dell'omonimo romanzo, ma mentre quest'ultimo ha un buon ritmo, il film è molto lento, con lunghi silenzi. Brave le giovani protagoniste

    commento di Artemisia1593
  • Una trama che all'inizio può sembrare assurda anche per il radicalismo delle ambientazioni ma poco a poco emergono le motivazioni ed il racconto si fa coinvolgente. Ai soliti problemi di dizione si aggiunge il dialetto abruzzese a rendere certi dialoghi poco comprensibili,comunque il film è ben diretto ed è ottima la prova della 13enne Sofia Fiore.

    commento di bombo1
  • Brave le bambine, brava la Scalera, ma il film è troppo lento. Si potevano esprimere e trasmettere gli stessi sentimenti e le stesse emozioni anche accelerando un pò il ritmo narrativo. Un regista più di mestiere ci sarebbe riuscito. E il fatto che un terzo di film non si capisca, a meno di non essere abruzzese, non aiuta. Ma accontentiamoci..6/10

    commento di xale78x
  • Ennesimo film recitato in dialetto. Inguardabile.

    commento di gruvieraz
  • Asciutto,poche parole,tante sensazioni che vibrano....in positivo e in negativo.

    commento di ezio
  • Asciutto,poche parole,tante sensazioni che vibrano....in positivo e in negativo.

    commento di ezio
  • Asciutto,poche parole,tante sensazioni che vibrano....in positivo e in negativo.

    commento di ezio
  • Una storia forte e intensa, tutta giocata attorno alle emozioni della protagonista, alla sua doppia ferita da rimarginare, alla sua necessità di capire qual è l'orizzonte a cui far riferimento, e di acquisire gli strumenti per operare una sintesi tra realtà antitetiche.

    leggi la recensione completa di pazuzu
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

pazuzu di pazuzu
8 stelle

    Alla fine dell'estate del 1975, una ragazzina viene accompagnata in una casa fatiscente e rumorosa popolata da due adulti silenziosi e una manciata di ragazzi di varie età, i quali le sono stati presentati come la sua famiglia, ma che per lei sono degli estranei. D'istinto torna fuori e cerca invano di intrufolarsi di nuovo nella macchina che l'ha condotta lì,… leggi tutto

4 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

Gangs 87 di Gangs 87
6 stelle

Agosto 1975, una tredicenne viene improvvisamente restituita, dalla famiglia affidataria, alla famiglia biologica, di cui nemmeno conosceva l’esistenza. Scopre così che i genitori “adottivi” sono nient’altro che due zii alla lontana che l’hanno accudita fin quando non si sono (sembra) stufati di lei. Da qui il suo soprannome, Arminuta (che in dialetto… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

2022
2022

Recensione

Gangs 87 di Gangs 87
6 stelle

Agosto 1975, una tredicenne viene improvvisamente restituita, dalla famiglia affidataria, alla famiglia biologica, di cui nemmeno conosceva l’esistenza. Scopre così che i genitori “adottivi” sono nient’altro che due zii alla lontana che l’hanno accudita fin quando non si sono (sembra) stufati di lei. Da qui il suo soprannome, Arminuta (che in dialetto…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

axe di axe
7 stelle

Metà anni '70, una qualche località nell'entroterra pescarese. Una ragazzina tredicenne, cresciuta in città ed educata in un ambiente benestante, è condotta presso un casolare di campagna ed affidata alla famiglia che l'abita, numerosa e povera. Le viene spiegato che ciò accade a causa di una malattia della madre; ma ben presto apprende che i genitori naturali…

leggi tutto
2021
2021

Recensione

diomede917 di diomede917
7 stelle

CIAK MI GIRANO LE CRITICHE DI DIOMEDE917: L’ARMINUTA   Giuseppe Bonito è sempre stato sensibile al tema dei figli fin dal film d’esordio Pulce non c’è che gli fece vincere il premio della Giuria Alice in Città al Festival di Roma e proseguito proprio con Figli tratto dal monologo di Mattia Torre I figli invecchiano. Con L’Arminuta, tratto dal…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Uscito nelle sale italiane il 18 ottobre 2021

Recensione

pazuzu di pazuzu
8 stelle

    Alla fine dell'estate del 1975, una ragazzina viene accompagnata in una casa fatiscente e rumorosa popolata da due adulti silenziosi e una manciata di ragazzi di varie età, i quali le sono stati presentati come la sua famiglia, ma che per lei sono degli estranei. D'istinto torna fuori e cerca invano di intrufolarsi di nuovo nella macchina che l'ha condotta lì,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 10 utenti

Recensione

alan smithee di alan smithee
7 stelle

16° FESTA DEL CINEMA DI ROMA - SELEZIONE UFFICIALE  "-Che stai facendo? -Sto scrivendo un racconto. -Di che parla? -Di un alieno -Di chi? -Di uno come me" La consapevolezza di essere trattati come un pacco, che viene spostato da una casa ad un'altra per venire incontro ad incomprensibili esigenze di adulti egoisti e approfittatori, che ostentano sensibilità solo per…

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
locandina
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito