Espandi menu
cerca

Trama

La vita della mitica Billie Holiday, una delle più grandi cantanti jazz di tutti i tempi, e la sua tormentata relazione con il successo, la dipendenza e l'amore.

Approfondimento

GLI STATI UNITI CONTRO BILLIE HOLIDAY: MORIRE PER UNA CANZONE

Diretto da Lee Daniels e sceneggiato da Suzan-Lori Parks, Gli Stati Uniti contro Billie Holiday racconta una storia impensabile agli occhi di oggi ma realmente accaduta negli Stati Uniti, nazione in grado di tormentare qualcuno solo per aver cantato una canzone. Il testo incriminato era quello di Strange Fruit, grande canzone di protesta di Billie Holiday contro il linciaggio e l'uccisione di persone, in particolare uomini, rei soltanto di avere la pelle nera. Le leggi Jim Crow non trovavano sostegno solo nel Sud: tutta la nazione era razzista e Billie Holiday ne era consapevole per averne provato sulla sua pelle le conseguenze. Per lei, donna nera e povera, la sopravvivenza era di per sé una vittoria e aver agguantato il successo, rendendola una cantante amata sia dai neri sia dai bianchi, non l'aveva né avvantaggiata né protetta: la fama di certo non avrebbe potuto salvarla dal piano ordito contro di lei per essersi rifiutata di smettere di cantare Strange Fruit. Incapace di mettere da parte i propri demoni personali, Holiday faceva ricorso a uso di sostanze stupefacenti, lecite o meno, per intorpidire il dolore legato alla sua difficile infanzia, alle sue sfortunate scelte in amore e alle sfide quotidiane che la vita le offriva. E il Governo, il suo Governo, ne era a conoscenza e usò il suo punto debole per colpirla. In una guerra impari e ingiusta, l'Antidroga diretta da Harry Anslinger assunse il nero Jimmy Fletcher per infiltrarsi nei circoli jazz frequentati dalla cantante e incastrarla. Il piano non ebbe vita facile dal momento che Jimmy finì per innamorarsi di Billie. A nulla però servirono i suoi tentativi di salvare Billie da una morte orribile.

A uccidere Holiday a soli 44 anni nel 1959 fu per davvero il governo? Con la direzione della fotografia di Andrew Dunn, le scenografie di Daniel T. Dorrance, i costumi di Paolo Nieddu e le musiche di Kris BowersGli Stati Uniti contro Billie Holiday prova a dare una risposta a questa domanda partendo dal capitolo dedicato alla cantante (The Black Hand) presente nel best seller Chasing the Stream: The First and Last Days of the War on Drugs scritto da Johann Hari e pubblicato nel 2015. "Quando si descrive Billie Holiday - ha raccontato il regista Lee Daniels - troppo sbrigativamente la si liquida come cantante jazz iconica e tossicodipendente. In molti credono che la sua morte è legata alla droga, all'alcol e agli uomini sbagliati a cui si legava. Eppure, la sua storia rivela aspetti che in pochi prendono in considerazione. Nessuno la ricorda come una paladina dei diritti civili. Si pensa sempre e solo a Martin Luther King o Malcolm X ma mai a lei, che invece era una ribelle a tutti gli effetti e non si è mai piegata alla supremazia dei bianchi che volevano zittirla. Nel 2020 pensare che si può perseguitare qualcuno per una canzone appare ridicolo ma gli anni Trenta erano molto differenti. Le canzoni di protesta erano all'ordine del giorno e, quando nel 1939, Holiday cantò per la prima volta Strange Fruit (il cui testo era stato pubblicato due anni prima come poesia) in un night club di New York, il Café Society, davanti a una platea di bianchi il pubblico rimase in silenzio: la musica di quell'anno era segnata da hit come Over the Rainbow di Judy Garland e When the Saints Come Marching In di Louis Armstrong, molto più rassicuranti. Pe capire meglio il peso del testo, basta ricordare che John Hammond, il produttore della cantante, e la Columbia Records, la sua casa discografica, si rifiutarono di registrare e far uscire la canzone, pubblicata successivamente dalla Commodore, una piccola etichetta indipendente".

Il cast

A dirigere Gli Stati Uniti contro Billie Holiday è Lee Daniels, regista e produttore statunitense. Nato nel 1959 a Philadelphia, ha frequentato la Lindenwood University nel Missouri prima di trasferirsi a Los Angeles e tentare la carriera nel mondo del cinema. Grazie ai soldi guadagnati con la vendita della sua… Vedi tutto

Commenti (1) vedi tutti

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

claudio1959 di claudio1959
8 stelle

Gli Stati Uniti contro Billie Holiday U.S.A. 2021 ? Drammatico/Musicale la trama:Gli Stati Uniti contro Billie Holiday è un film del 2021 diretto da Lee Daniels adattamento cinematografico del libro Chasing the Scream scritto da Johann Hari, racconta la vera storia della leggenda del jazz Billie Holiday, morta a 44 anni, interpretata dalla cantante Andra Day - La recensione:Un… leggi tutto

1 recensioni positive

2022
2022

Recensione

claudio1959 di claudio1959
8 stelle

Gli Stati Uniti contro Billie Holiday U.S.A. 2021 ? Drammatico/Musicale la trama:Gli Stati Uniti contro Billie Holiday è un film del 2021 diretto da Lee Daniels adattamento cinematografico del libro Chasing the Scream scritto da Johann Hari, racconta la vera storia della leggenda del jazz Billie Holiday, morta a 44 anni, interpretata dalla cantante Andra Day - La recensione:Un…

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 2 maggio 2022
locandina
Foto
2021
2021
Andra Day, Lee Daniels
Foto
locandina
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito