Espandi menu
cerca

Trama

Malato e in cura, Kang si ritrova a vivere una vita alla deriva. In una terra straniera, incontra Non ed entrambi trovano consolazione l'uno nell'altro prima di prendere ognuno strade diverse e continuare con la loro quotidianità.

Approfondimento

DAYS: UN INCONTRO DI SOLITUDINI

Diretto e sceneggiato da Tsai Ming-liang, Days racconta la storia di Kang e Non, due anime disperate che trovano consolazione l'uno nell'altro. In preda alla malattie e alle cure a cui si sta sottoponendo, Kai si ritrova a vivere la vita di un vagabondo fino a quando incontra Non in una terra straniera. Sostenendosi a vicenda, vivranno un periodo insieme prima di separarsi e continuare ognuno i propri giorni.

Con la direzione della fotografia di Jhong Yuan Chang, Days trae spunto dalla strana malattia che ha colpito l'attore Lee Kang-Sheng con danni al collo ed è stato così presentato dal regista in occasione della partecipazione in concorso al Festival di Berlino 2020: "Dopo Stray Dogs, presentato in concorso al Festival di Venezia, ho smesso di scrivere sceneggiature. Tuttavia, non ho mai smesso di fare film. Nel giro di pochi anni ho realizzato otto film basati sul concetto della camminata lenta di Kang. Nel frattempo, nella vita reale, Kang soffriva di una strana malattia fisica. Mi doleva vedere la sua fragilità fisica. Dal momento che la sua malattia è durata a lungo, a volte l'ho filmato, anche se non sapevo come avrei usato le immagini. Tre anni fa, poi, ho conosciuto un lavoratore laotiano a Bangkok. Tramite le nostre video chat, l'ho visto cucinare i cibi della sua città natale nella stanza piuttosto squallida in cui viveva. Ho sentito allora l'esigenza di raggiungerlo e di filmarlo. E, così facendo, ho iniziato a fare un altro film".

Il cast

A dirigere Days è Tsai Ming-liang, regista e sceneggiatore di origine malese. Nato a Kuching nel 1957, ha esordito nel 1992 con Rebels of the Neon God, presentato alla Berlinale. Nel 1994, con il suo secondo film, Vive l'amour, ha ricevuto il Leone d'Oro al Festival di Venezia mentre nel 1996 Il fiume ha vinto il… Vedi tutto

Commenti (1) vedi tutti

  • Stiano a casa coloro che non amano la routine, coloro che non amano il fare ripetitivo dei giorni uno sull’altro come promette il titolo appunto, o coloro che non amano la gestualità rituale e soffrano invece di ipercineticità. Se pur io mi annoveri tra codesti in tutto, mi autoelimino dallo stare a casa perchè Days l'ho già visto. 

    leggi la recensione completa di gaiart
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

alan smithee di alan smithee
8 stelle

  Le solitudini, quasi sempre fieramente gestisce e nella più lucida consapevolezza da parte di chi le vive, sono da sempre al centro della poetica cinematografica che sta alla base dell'opera del gran regista malese naturalizzato taiwanese Tsai Ming-liang. In questa sua più recente opera ritroviamo nuovamente Kang (il suo attore feticcio Lee Kang-sheng, imprescindibile… leggi tutto

1 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

gaiart di gaiart
6 stelle

Stiano a casa coloro che non amano la routine, coloro che non amano il fare ripetitivo dei giorni uno sull’altro come promette il titolo appunto, o coloro che non amano la gestualità rituale e soffrano invece di ipercineticità. Se pur io mi annoveri tra codesti in tutto, mi autoelimino dallo stare a casa perchè Days l'ho già visto.     … leggi tutto

1 recensioni sufficienti

2021
2021

Recensione

gaiart di gaiart
6 stelle

Stiano a casa coloro che non amano la routine, coloro che non amano il fare ripetitivo dei giorni uno sull’altro come promette il titolo appunto, o coloro che non amano la gestualità rituale e soffrano invece di ipercineticità. Se pur io mi annoveri tra codesti in tutto, mi autoelimino dallo stare a casa perchè Days l'ho già visto.     …

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Uscito nelle sale italiane l'11 ottobre 2021
locandina
Foto
2020
2020

Recensione

alan smithee di alan smithee
8 stelle

  Le solitudini, quasi sempre fieramente gestisce e nella più lucida consapevolezza da parte di chi le vive, sono da sempre al centro della poetica cinematografica che sta alla base dell'opera del gran regista malese naturalizzato taiwanese Tsai Ming-liang. In questa sua più recente opera ritroviamo nuovamente Kang (il suo attore feticcio Lee Kang-sheng, imprescindibile…

leggi tutto

20(e)venti(+20e+).

mck di mck

- In un decennio d'iscrizione a FilmTV.it ho mai pubblicato una classifica dei migliori film - fra quelli cui ho avuto l'opportunità di assistere - dell'anno passato: lo faccio in quest'occasione perché…

leggi tutto
locandina
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito