Espandi menu
cerca

Mai raramente a volte sempre

play

Regia di Eliza Hittman

Con Sidney Flanigan, Talia Ryder, Ryan Eggold, Théodore Pellerin, Sharon van Etten, Drew Seltzer, Lester Greene, Brett Puglisi... Vedi cast completo

Guardalo su
  • Prime Video
  • Prime Video
  • Prime Video
  • Tim Vision
In STREAMING

Trama

Di fronte a una gravidanza non voluta e alla mancanza di supporto locale, Autumn e la cugina Skylar, due adolescenti di campagna della Pennsylvania, si avventurano alla volta della città di New York. Il loro sarà un viaggio che le aiuterà a scoprire il valore dell'amicizia, del coraggio e della compassione.

Approfondimento

MAI RARAMENTE A VOLTE SEMPRE: DUE ADOLESCENTI E L'ABORTO

Diretto e sceneggiato da Eliza Hittman, Mai raramente a volte sempre racconta la storia di due cugine adolescenti alle prese con la risoluzione di un problema che dalle campagne della Pennsylvania le porterà fino alla città di New York. Tutto ha inizio quando la diciassettenne Autumn, guardandosi allo specchio, nota alcuni segni di trasformazione corporea inevitabili. Visitando un consultorio, ogni suo dubbio viene fugato: un test le conferma di essere incinta. Gli opuscoli del centro che incoraggiano il parto e l'eventuale adozione non le suggeriscono però cosa fare e cosa sapere. Le sue ricerche personali non sono incoraggianti e da minorenne non può ricorrere all'aborto senza il consenso dei genitori. Ciò la porta anche a prendere in considerazione alcuni dei metodi secolari a cui le donne era solite ricorrere per affrontare le gravidanze indesiderate. Continuando a celare i suoi dubbi alla madre, Autumn non nasconde la sua angoscia alla cugina e miglior amica Skylar, che vede ogni giorno a scuola e lavorando part time come cassiera. Non appena intuisce la gravità della situazione, Skylar le offre il suo sostegno incondizionato. Con l'indirizzo di una clinica di Brooklyn in mano, le due ragazze salgono su un autobus mattutino diretto a New York. Ma il loro viaggio prende una svolta inaspettata quando Autumn scopre che non è possibile risolvere il tutto con una sola visita. Sarà così che le due cugine vivranno due giorni e due notti piene di vita in una città sconosciuta e travolgente, rafforzando il loro legame di profonda solidarietà, compassione e amicizia.

Con la direzione della fotografia di Hélène Louvart, le scenografie di Meredith Lippincott, i costumi di Olga Mill e le musiche di Julia Holter, Mai raramente a volte sempre è l'intimo ritratto di due adolescenti alla scoperta della vita. Presentato in anteprima mondiale al Sundance Film Festival 2020 (dove ha vinto il Premio speciale della Giuria) prima e in concorso al Festival di Berlino 2020 dopo, è stato così presentato: "Sebbene parli innegabilmente di temi che occupano l'agenda sociale e politica del III millennio e delle questioni inerenti alle scelte delle donne di fronte a una gravidanza e all'accesso alle cure sanitarie, Mai raramente a volte sempre ha origine da una storia accaduta alla fine dell'autunno del 2012 quando tutto il mondo è venuto a conoscenza della morte di Savita Halappanavar, una dentista ventottenne che viveva in Irlanda. La donna era incinta del suo primo figlio ed era già in critiche condizioni quando venne ricoverata in un ospedale di Galway. Le complicazioni spinsero la donna a richiedere un aborto d'urgenza ma le fu respinto... ed è così che, contraendo la sepsi, morì il 28 ottobre, una settimana dopo essere arrivata in ospedale. Leggendo la vicenda, ricordo di essermi sentita devastata. Mi informai subito su internet delle leggi sull'aborto in Irlanda e scoprì come l'aborto fosse considerato un crimine. Alcune donne riuscivano ad abortire andando in altri Paesi, dove la procedura era legale: a proposito, ho anche letto un saggio di Ann Rossiter su un sistema clandestino messo a punto per aiutare le irlandese ad andare in Inghilterra. Ho trovato quasi avvincenti i resoconti dei viaggi delle donne e da lì è nata l'idea di scrivere in un primo momento una vicenda ambientata in Irlanda. Poiché poi ho ritenuto il progetto troppo ambizioso, ho mi son detta: perché non realizzarne una versione tutta americana?".

"Nonostante la sentenza Roe contro Wade del 1973 abbia stabilito il diritto di una donna a interrompere una gravidanza nel primo trimestre, - ha aggiunto la Hittman - le successive decisioni della Corte Suprema hanno permesso ai singoli stati di imporre alcune restrizioni. In molte città, le donne non hanno facile accesso all'aborto e in tante sono costrette a recarsi a New York, dove tutto è più alla portata di mano. Non sempre però possono permettersi molti soldi e alcune di loro finiscono per dormire sulle panchine la sera, dal momento che i costi della città sono proibitive. Ulteriori ricerche mi hanno spinto verso le campagne della Pennsylvania, dove le sempre più rigide restrizioni spingono le donne a recarsi nella vicina New York e nel New Jersey. Mi sono imbattuta nei consultori e nella realtà che vi gravita intorno, tutta incentrata sull'importanza della nascita o della possibilità di dare il bambino in adozione. Ho voluto sottopormi in prima persona a tutto ciò che una donna affronta una volta che vi mette piede, dal test di gravidanza in poi. L'esperienza mi ha spinto a rimettere mano alla mia sceneggiatura e a rimodellare in maniera definitiva il mio Mai raramente a volte sempre".

Il cast

A dirigere Mai raramente a volte sempre è Eliza Hittman, regista e sceneggiatrice statunitense. Nata e cresciuta a Brooklyn, ha realizzato il suo primo corto nel 2008. Con un master conseguito al California Institute of the Arts, è considerata una delle registi emergenti da tenere d'occhio: il suo primo… Vedi tutto

Commenti (7) vedi tutti

  • Assegnandone tre, sottraggo volutamente una, forse due stellette alla mia valutazione sintetica: una bellissima sceneggiatura e un'ottima regia (per non dire della fantastica prova dell'attrice protagonista) mancano colpevolmente di una valutazione complessiva della questione "aborto", in perfetto clima di pensiero main stream.

    leggi la recensione completa di leporello
  • Un on the road di formazione per due ragazzine verso una grande citta' che non dorme mai....bello,da vedere.

    commento di ezio
  • Due etti e poco più, due mignoli intrecciati, e qualche livido (temporaneo e permanente).

    leggi la recensione completa di mck
  • Pro-Choice. My body my choice.

    leggi la recensione completa di VictorAoki
  • La cosa migliore del film è il modo in cui agisce di sottrazione per mostrare la difficile decisione di abortire. L'adolescenza è un'età complicata ed Eliza Hittman la filma facendo della bella amicizia tra Autumn e Skylar il legame adatto per superare anche le sfide esistenziali più complicate. Una complicità trattata con molto garbo registico.

    commento di Peppe Comune
  • Uno spaccato di vita vera che ricorda un po' i capolavori del neorealismo. Non sembra neanche un film statunitense dato che sono completamente assenti i soliti atteggiamenti e dialoghi da smargiassi che li contraddistinguono. Un piccolo gioiello con al centro due attrici tanto giovani quanto brave. Da non perdere.

    commento di bombo1
  • Uno spaccato di vita vera che ricorda un po' i capolavori del neorealismo. Non sembra neanche un film statunitense dato che sono completamente assenti i soliti atteggiamenti e dialoghi da smargiassi che li contraddistinguono. Un piccolo gioiello con al centro due attrici tanto giovani quanto brave. Da non perdere.

    commento di bombo1
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

mck di mck
9 stelle

  Salve, sono Troy McClure*, forse vi ricorderete di me per alcuni filmati di auto-aiuto come “Petardo, il killer silenzioso” e “Abbi fede in te, stupido”. Un grumo di vita, 18 settimane circa (due giorni e una notte invece che un day hospital), ovvero “Never Rarely Sometimes Always” [il lungo piano sequenza a camera fissa sul volto della… leggi tutto

4 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

leporello di leporello
6 stelle

  Indiscutibilmente indovinato praticamente tutto dagli autori di questo film, in particolare la sinergia tra le due splendide attrici protagoniste (naturalmente molto più per Sidney Flanigan/Autumn rispetto al personaggio in secondo piano interpretato da Talia Ryder) e ciò che dei-e-con i loro visi Eliza Hittman riesce a rendere in profondità umana e… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

2022
2022

Recensione

leporello di leporello
6 stelle

  Indiscutibilmente indovinato praticamente tutto dagli autori di questo film, in particolare la sinergia tra le due splendide attrici protagoniste (naturalmente molto più per Sidney Flanigan/Autumn rispetto al personaggio in secondo piano interpretato da Talia Ryder) e ciò che dei-e-con i loro visi Eliza Hittman riesce a rendere in profondità umana e…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
2021
2021

Recensione

VictorAoki di VictorAoki
10 stelle

La regia di questo film è impressionante, il ritmo e mette tutto al lavoro per metterti non solo nei panni di Sidney Flannigan, ma praticamente nella sua mente e nel suo corpo diquanto sia coinvolgente. E per essere un film semplicissimo, se dovessi spiegarlo, c'è ancora abbastanza da fare e il dramma secondario non è nemmeno da parte, ma un aspetto principale della storia…

leggi tutto
Recensione

Recensione

panunzio di panunzio
7 stelle

In un mondo perfetto sarebbero vero quello che dice la psicologa rivolgendosi a Autumn "qualunque scelta prenderai andrà benessimo, l'importante è che sia tua", invece ancora oggi le donne non sono libere di scegliere. Quante di esse possono affermare di aver subito violenza  mai raramente a volte sempre? La gelida grande mela è la meta del viaggio della speranza…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

mck di mck
9 stelle

  Salve, sono Troy McClure*, forse vi ricorderete di me per alcuni filmati di auto-aiuto come “Petardo, il killer silenzioso” e “Abbi fede in te, stupido”. Un grumo di vita, 18 settimane circa (due giorni e una notte invece che un day hospital), ovvero “Never Rarely Sometimes Always” [il lungo piano sequenza a camera fissa sul volto della…

leggi tutto
2020
2020

20(e)venti(+20e+).

mck di mck

- In un decennio d'iscrizione a FilmTV.it ho mai pubblicato una classifica dei migliori film - fra quelli cui ho avuto l'opportunità di assistere - dell'anno passato: lo faccio in quest'occasione perché…

leggi tutto

Recensione

alan smithee di alan smithee
7 stelle

CINEMA OLTRECONFINE Una serie di avverbi che, a due a due, talvolta si contraddicono, talvolta definiscono più precisamente la dinamica di un evento, sono le risposte guidate che regolano la parte burocratica e anche moralmente più insidiosa che conduce una diciassettenne di una cittadina rurale della Pensylvania, a ricorrere alla interruzione della maternità, dopo…

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 10 agosto 2020
locandina
Foto
locandina
Foto
Sidney Flanigan
Foto
Talia Ryder
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito