Trama

Nel 1996, un gruppo di giovani ballerini di street dance si riuniscono per tre giorni di prove in un collegio in disuso nel cuore di una foresta, preparano la loro ultima esibizione in comune e si regalano un'ultima serata di festa all'insegna della sangria. Ben presto, l'atmosfera della serata diventa elettrica e una strana follia prende piede: a tutti sembra ovvio che qualcuno li ha drogati ma non sanno chi o perché. Resistere a nevrosi e psicosi diventerà impossibile. Mentre alcuni si sentiranno in paradiso, molti di loro vivranno l'inferno.

Approfondimento

CLIMAX: UN ANTIDOTO AL VUOTO

Diretto e sceneggiato da Gaspar Noé, Climax racconta l'andamento ipnotico, allucinatorio e in un'ultima analisi da capogiro di una festa che nel corso di una singola notte d'inverno si trasforma in un incubo. A metà degli anni Novanta, una troupe di giovani ballerini si riunisce in un edificio scolastico, vuoto e isolato, per provare. Dopo un indimenticabile numero, il gruppo dà il via alla festa ma ben presto i ballerini scoprono che la sangria che hanno bevuto contiene un potente LSD. Caos e anarchia prenderanno il sopravvento, facendo emergere affinità, rivalità e violenza.

 

Con la direzione della fotografia di Benoît Debie, le scenografie di Jean Rabasse e i costumi di Frédèric Cambier, Climax viene così raccontato dal regista: "Ci sono a volte eventi che sono simbolici di un'intera epoca. Tali eventi deflagrano, spontaneamente o in altro modo, fino a raggiungere le forze dell'ordine e, talvolta, anche le agenzie di informazione, diventando notizie su larga scala. Assumono così una nuova dimensione: sono ingranditi, ridimensionati, travisati, metabolizzati o meno da coloro che li diffondono o apprendono. Le vite, gloriose o vergognose di chi vi è coinvolto, finiscono sulla carta dei giornali prima di scomparire rapidamente nell'oblio collettivo. L'esistenza non è altro che un'illusione fugace che ognuno si noi si porta nella tomba. Quando leggiamo una biografia, vi troviamo tutto e il contrario di tutto. Lo stesso accade ogni volta che viene rivelata una tresca o una nuova storia. Le moderne forme di comunicazione, nell'arco degli ultimi vent'anni, hanno reso l'obiettività qualcosa di ancora più illusorio. Gli umani, come gli animali, nascono, vivono e muoiono senza lasciare tracce diverse da quelle che lascia una piccola margherita in mezzo a un campo. Gioie e dolori, risultati ed errori, occupano una percezione virtuale, un presente che non esiste al di là della nostra memoria. Nel 1996, sono state divulgate milioni di storie, storie che già oggi sono state dimenticate e che domani lo saranno ancora di più. Alcuni di quelli nati o in vita in quell'anno sono ancora tra di noi ma della maggioranza di coloro i cui cuori hanno smesso di battere non rimane nulla: un nome in un cimitero o in un vecchio giornale perso nel profondo di qualche cantina. I piaceri del presente ci permettono di colmare il vuoto che hanno lasciato. La gioia e l'estasi, costruttive o dannose che siano, fungono da antidoto al vuoto. Amore, arte, danza, guerra e sport sembrano giustificare il nostro breve passaggio sulla terra. Di queste distrazioni, quella che mi ha sempre reso più felice è la danza. Di conseguenza, nel fare un film sulla danza, mi è sembrato più eccitante basarmi su una notizia vera e propria in cui erano coinvolti ballerini dal talento ipnotizzante. Con Climax posso dire ancora una volta che ho rappresentato i miei sogni e i miei incubi sullo schermo. Il 1996 era l'altro ieri. Non c'erano i telefoni cellulari o internet ma stavano venendo al mondo cose che ancora oggi ricordiamo: in Francia, i Daft Punk pubblicavano il loro primo disco, nei cinema era appena uscito L'odio e il mensile Hara-Kiri non era in grado di riprendersi. Il massacro degli adepti del Tempio solare veniva insabbiato da occulte forze dello stato e si sognava di costruire un'Europa potente e pacifica proprie mentre al suo interno divampava una guerra barbarica. Le guerre creano movimento, le popolazioni cambiano e con loro anche le credenze e i modi di vivere: Dio, però, sarà sempre lì, con la pistola dal lato giusto".

 

"Mi hanno sempre affascinato - ha continuato Noé - le situazioni in cui caos e anarchia prendono improvvisamente il sopravvento, come le risse in strada, le sedute sciamaniche potenziate psicotropicamente o le feste in cui gli invitati perdono il controllo a causa dell'eccessivo uso dell'alcool. Lo stesso può dirsi del mio modo di effettuare le riprese. I miei più grandi piaceri vengono nel non aver scritto o preparato nulla in anticipo, lasciando che le situazioni prendano piede in maniera naturale, come in un documentario. E ogni volta che entra in scena il caos mi sento ancora più felice, sapendo che genererà immagini dalla reale potenza, più vicine alla realtà che alla finzione. Per tale ragione, al posto di una vera sceneggiatura, opto per una storia raccontata a grandi linee. In Climax, un gruppo di ballerini si riunisce in un edificio isolato per preparare un'esibizione. Dopo l'ultima prova, scoppia il caos. A partire da una sola pagina di trama, ho potuto cogliere momenti di verità e trasmettere immagini degli eventi che si generano. Se si vuole che ballerini, attori e non professionisti, si esprimano fisicamente e verbalmente in modo caotico, l'improvvisazione è essenziale. Per quanto riguarda la danza, a eccezione della prima sequenza che è tutta coreografata, i ballerini sono stati lasciati liberi di esprimersi ognuno con il proprio linguaggio e le proprie tecniche, lasciando che venissero fuori il loro inconscio e i loro tumulti interiori. Le sequenze sono state girate in maniera cronologica sia per far sembrare tutto vero sia per far sì che la competizione spingesse i ballerini a dare vita a spettacoli sempre più psicotici. Contrariamente a ciò che accade nelle performance di danza in cui ogni passo è studiato alla perfezione, ho cercato di spingere i miei protagonisti a simulare uno stato di possessione come quelli che si vedono nelle danze rituali. Sebbene le droghe siano presenti nella storia, l'idea era quella di rappresentare gli stati alterati della percezione con un punto di vista esterno ai personaggi. Un'altra delle mie prerogative è stata quella di effettuare riprese rapide e campi lunghi, una scelta resa possibile dal fatto di girare su un solo set. Parlare di danza, inoltre, significa anche parlare di musica. Al fine di rispettare l'epoca in cui il film è ambientato, la musica - elettronica o melodica - risale a non oltre la prima metà degli anni Novanta. E, per creare uno stato emotivo familiare, ho cercato di includere tracce note a un pubblico più vasto possibile".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Climax è Gaspar Noé, sceneggiatore e regista francese. Nato a Buenos Aires nel 1963 da un padre pittore di lontane origini italiane e da una madre assistente sociale, Noé ha trascorso l'infanzia in Argentina prima di trasferirsi a New York per un anno ed emigrare in Francia nel 1976. Studente di… Vedi tutto

Commenti (1) vedi tutti

  • Un film tra alti e bassi, tra tecnica e improvvisazione, con una struttura volutamente illusoria, titoli di coda in apertura e quelli di testa a metà film. Efficace e coinvolgente nella prima parte, caustico e casuale nella seconda. Un lisergico viaggio tra luci e ombre di una storia realmente accaduta.

    leggi la recensione completa di undying
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

undying di undying
7 stelle

    Parigi, 1996. Un gruppo di ballerini, in buona parte composti da androgini ed elementi LGBT, si riunisce per festeggiare in un enorme edificio isolato. Mentre la musica accompagna i passi di danza, gli ospiti bevono sangria in quantità industriale. Mezz'ora più tardi, una ragazza urina nel mezzo della sala: è la prima a risentire degli effetti di un potente… leggi tutto

4 recensioni positive

2019
2019
locandina
Foto

Recensione

undying di undying
7 stelle

    Parigi, 1996. Un gruppo di ballerini, in buona parte composti da androgini ed elementi LGBT, si riunisce per festeggiare in un enorme edificio isolato. Mentre la musica accompagna i passi di danza, gli ospiti bevono sangria in quantità industriale. Mezz'ora più tardi, una ragazza urina nel mezzo della sala: è la prima a risentire degli effetti di un potente…

leggi tutto
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

La danza della realtà

jasonlavey666 di jasonlavey666

La danza della realtà, ovvero l'espressione dell'Io e dell'Es. No, non la biografia di Alejandro Jorodowsky – il mio concetto vorrebbe definire una condizione interiore, e spesso un forte…

leggi tutto
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 11 voti
vedi tutti

Recensione

Badu D Shinya Lynch di Badu D Shinya Lynch
8 stelle

  Da subito, in maniera inconsciamente e sottilmente emblematica, viene messa in scena l'esigenza dei personaggi del cinema di Noè di fuga in un'altra realtà; in un altro sub-strato esistenziale e filmico: Climax comincia con un tentativo, da parte dei corpi, di evasione dal quadro visuale, quindi dalla (ir)realtà narrativa, che ricorda l'allontanamento dei…

leggi tutto
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 8 voti
vedi tutti
2018
2018

Recensione

Barkilphedro di Barkilphedro
10 stelle

Visto questa sera in un cinema francese. Più che una visione di un film è stata una vera e propria esperienza. Sono uscito dal cinema con la stessa sensazione di uscire da un rave, sentivo le persone parlare in francese e credevo di stare ancora dentro la festa rappresentata nel film. le qualità registiche e virtuosistiche del regista in questo film hanno motivo d'essere e…

leggi tutto
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

alan smithee di alan smithee
7 stelle

71 CANNES FESTIVAL 2018 - QUINZAINE DES RÉALISATEURS - prix Art Cinema - CINEMA OLTRECONFINE - TOHORROR FILM FEST 2018 "Mourir est une experience extraordinaire"..... appare ad un certo punto sullo schermo, sotto forma di scritta cubitale capovolta come fosse riflessa su uno specchio. Una scuola di ballo moderno, in pieni anni '90, si traferisce per un week end ad allenarsi presso un…

leggi tutto
locandina
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito