Trama

"Qualcuno può spiegarmi cosa è successo al mio bellissimo figlio? Cosa ho fatto di sbagliato?": queste sono le strazianti domande che David Sheff si pone quando si sveglia ogni giorno. Suo figlio Nic ha appena 18 anni ed è dipendente dal crystal meth. Con il suo problema, Nic non mette in pericolo solo il suo futuro ma anche quello di tutta la sua famiglia. David dovrà resistere a tutto pur di salvare suo figlio.

Approfondimento

BEAUTIFUL BOY: LA LOTTA DI UN PADRE CONTRO LA DROGA

Diretto da Felix Van Groeningen e sceneggiato dallo stesso con Luke Davies, Beautiful Boy racconta la storia di Nicolas Sheff, che a 18 anni è un bravo studente, scrive da redattore per il giornale del suo liceo, a fine anno reciterà come attore nella rappresentazione scolastica e gioca della squadra di pallanuoto. Lettore vorace, artista talentuoso e all'apparenza bravo ragazzo, Nic è pronto per entrare al college in autunno. Da quando ha 12 anni però, ama sperimentare le droghe; da qualche tempo ha provato la metamfetamina e, come lui stesso dichiara, "Il mondo, da bianco e nero,  improvvisamente è diventato in Technicolor". In breve tempo Nic, da semplice adolescente che fa uso sporadico di stupefacenti, si trasforma in un vero e proprio tossicodipendente. Ciò spingerà la sua famiglia a stargli accanto nella lotta contro l'assuefazione e fare i conti con il baratro in cui sprofonda, le sue assenze, le promesse tradite e la rabbia. Chi più di tutti cerca di salvare il suo "bellissimo figlio" è il padre David, un noto giornalista.

Con la direzione della fotografia di Ruben Impens, le scenografie di Ethan Tobman e i costumi di Emma Potter, Beautiful Boy racconta una storia vera e si basa sia sull'omonimo best seller del giornalista David Sheff sia sul libro di memorie Tweak: Growing Up on Methamphetamines scritto dallo stesso Nic. Ha dichiarato il regista: "Quando nel 2014 ho letto i due libri autobiografici scritti da David e Nic sono rimasto profondamente colpito. Entrambi hanno scritto dell'esperienza della droga raccontando il percorso di riabilitazione e le inevitabili ricadute ma non hanno dimenticato di descrivere i momenti di gioia, di felicità pura e di amore. Inizialmente, pensavano di avere gli strumenti per lottare contro la dipendenza di Nic e farcela da soli. Lungo la strada, imparano che non è così: con il passare del tempo, ci sono momenti in cui non hanno il controllo della situazione e in cui sperimentano come le conseguenze della dipendenza influenzino ogni aspetto delle loro vite.

Già in passato avevo sfiorato l'idea di fare un film in lingua inglese ma nessuna storia mi aveva particolarmente colpito come quella degli Sheff. Le dinamiche familiari in ballo, l'illusione del controllo e il passare del tempo sono temi che spesso hanno accompagnato le mie opere. Già in passato avevo trattato il tema dell'abuso di sostanze stupefacenti ma il modo in cui ne parlano gli Sheff ha sconvolto le mie convinzioni emozionandomi. La loro famiglia crede nell'amore incondizionato ma impara a proprie spese come nell'affrontare la tossicodipendenza non esistano risposte facili e comportamenti razionali. Combattere contro la droga è qualcosa che va al di là di ogni forma di ragione.

Avevo paura di raccontare la storia e di entrare nel dettaglio ma gli Sheff mi hanno invitato a conoscerli personalmente. Sono stati incredibili con me e mi hanno parlato apertamente di tutta l'esperienza vissuta. In maniera onesta, hanno condiviso le loro paure più profonde e i loro sentimenti di vergogna. Seppur io provenga da un altra parte della Terra, ho visto in loro qualcosa che conoscevo bene, ovvero la forza dell'amore familiare. Con la droga, la loro famiglia viene profondamente scossa e messa alla prova ma nonostante tutto resiste, aggrappandosi al sostegno che tutti possono darsi in maniera reciproca".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Beautiful Boy è Felix Van Groening,  regista, sceneggiatore e produttore fiammingo. Nato nel 1977 a Gent in Belgio da una famiglia di hippie, ha studiato alla Royal Academy of Fine Arts e si è laureato nel 2000 presentando come tesi un cortometraggio dal titolo 50CC. Subito dopo gli studi, si dedica… Vedi tutto

Commenti (4) vedi tutti

  • Seppur un pò didascalico e a tratti epigono di Sorrentino nelle musiche o in punti di creatività come quando un bambino in famiglia lancia dei colori su di una tela come faceva in modo più scenografico la bambina simil prodigio de La grande bellezza, il film è potente commovente e abbastanza riuscito.

    leggi la recensione completa di gaiart
  • Felix Van Groeningen, grazie ad una sceneggiatura sensibile e a due straordinari protagonisti, tratteggia con emozione la disperazione ed i danni collaterali, sulle dinamiche familiari, della dipendenza dalle droghe.

    leggi la recensione completa di port cros
  • FESTA DEL CINEMA ROMA 2018

    leggi la recensione completa di LAMPUR
  • Il regista belga Felix Van Groeningen sembra far di tutto per complicarsi la vita, scegliendo per la prima mezzora abbondante una struttura diseguale e confusa che rende ostico relazionarsi con la timeline degli eventi e prender confidenza con i protagonisti, nonostante a prestargli il volto siano due attori in stato di grazia.

    leggi la recensione completa di pazuzu
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

supadany di supadany
8 stelle

Festa del cinema di Roma – Selezione ufficiale. La condizione sociale di appartenenza, è una discriminante cruciale nel tracciamento di quel lungo percorso, proprio di ogni essere umano, chiamato vita. In ogni caso, non esistono dogmi inviolabili e le trappole sopraggiungono senza cartelli di avvertimento. Quando quest’ultime rientrano nelle categorie più insidiose,… leggi tutto

2 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

pazuzu di pazuzu
6 stelle

  Nic è un diciottenne pieno di talento artistico, un bravo studente con progetti di college che fa teatro, scrive, ama la pallanuoto ed il surf. Conduce una vita agiata e vive con il padre David (che da sua madre ha divorziato) in una famiglia felice che lo adora. Eppure, senza una ragione apparente, è caduto nel tunnel della droga. Lo ha fatto progressivamente, iniziando… leggi tutto

4 recensioni sufficienti

2018
2018

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

13° FESTA DEL CINEMA DI ROMA - SELEZIONE UFFICIALE Il diciottenne Nick Sheff si ritrova, da ragazzo coscienzioso e ligio al dovere di studente modello, tutto studio, sport e predisposizione ad emergere alla prossima iscrizione al college, ad essere umano alla deriva, completamente assuefatto dall'uso di stupefacenti, dopo che per gioco si ritrova ad essere completamente succube…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

port cros di port cros
8 stelle

XIII FESTA DEL CINEMA DI ROMA (2018) Tratto dalle memorie parallele di David Sheff e di suo figlio Nic, Felix Van Groening dipinge il ritratto di un complesso rapporto tra padre e figlio nell’arduo percorso di disintossicazione del ragazzo dalle droghe, con frequenti ricadute, crisi di fiducia e disperazione paterna. Il giornalista David (Steve Carrell)…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Recensione

LAMPUR di LAMPUR
5 stelle

      Autentica odissea, tratto da storia vera, di un padre sulle orme del figlio preda della droga. Un padre combattente che cerca di non mollare mai (o quasi). Ed un bravo ragazzo - il beautiful boy mutuato dalla canzone che John Lennon dedicò al figlio - che partendo da, solo in teoria, innocue canne, sviluppa tutta l’escalation delle assunzioni…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

supadany di supadany
8 stelle

Festa del cinema di Roma – Selezione ufficiale. La condizione sociale di appartenenza, è una discriminante cruciale nel tracciamento di quel lungo percorso, proprio di ogni essere umano, chiamato vita. In ogni caso, non esistono dogmi inviolabili e le trappole sopraggiungono senza cartelli di avvertimento. Quando quest’ultime rientrano nelle categorie più insidiose,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 11 utenti

Recensione

pazuzu di pazuzu
6 stelle

  Nic è un diciottenne pieno di talento artistico, un bravo studente con progetti di college che fa teatro, scrive, ama la pallanuoto ed il surf. Conduce una vita agiata e vive con il padre David (che da sua madre ha divorziato) in una famiglia felice che lo adora. Eppure, senza una ragione apparente, è caduto nel tunnel della droga. Lo ha fatto progressivamente, iniziando…

leggi tutto

Recensione

gaiart di gaiart
6 stelle

        Seppur un pò didascalico e, a tratti, epigono di Sorrentino nelle musiche o in punti di creatività come quando un bambino in famiglia lancia i colpi di colore su di una tela modello Jackson Pollock (tra l'altro in questi giorni in mostra a Roma al Vittoriano per gli amanti del genere), come faceva in modo più scenografico la piccola artista…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Steve Carell, Timothée Chalamet
Foto
Steve Carell, Timothée Chalamet, Maura Tierney, Oakley Bull, Christian Convery
Foto
Steve Carell
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito