Espandi menu
cerca
Beautiful Boy

Regia di Felix Van Groeningen vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 266
  • Post 172
  • Recensioni 3960
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Beautiful Boy

di alan smithee
6 stelle

13° FESTA DEL CINEMA DI ROMA - SELEZIONE UFFICIALE

Il diciottenne Nick Sheff si ritrova, da ragazzo coscienzioso e ligio al dovere di studente modello, tutto studio, sport e predisposizione ad emergere alla prossima iscrizione al college, ad essere umano alla deriva, completamente assuefatto dall'uso di stupefacenti, dopo che per gioco si ritrova ad essere completamente succube dell'effetto da dipendenza di metanfetamine ed altre sostanze chimiche micidiali, che poco per volta gli bruciano letteralmente, cervello e futuro.

 

 

Nella pellicola americana che porta la firma dell'ormai noto regista belga Felix Van Groening (Alabama Monroe, nominato come miglior film straniero agli Oscar 2014, Belgica), seguiamo il calvario della famiglia Sheff - un padre ed una matrigna amorevole come una vera madre - nel tentare prima di dissuadere il ragazzo da questa sua inarrestabile dipendenza, e poi nel cercare aiuto presso organizzazioni ed enti esterni, protesi al recupero di persone devastate da questa cancrena che consuma inesorabilmente sino alle più estreme conseguenze.

Un film che poggia su momenti drammatici e tesi organizzati dal regista e dagli sceneggiatori soprattutto nel rapporto conflittuale, ma anche molto intenso e vitale, tra un padre ed un figlio increduli di essere giunti ad un bivio così pericoloso ed inevitabile.

 

 

Da questo punto di vista la pellicola può contare, e di fatto poggia tutti i suoi attributi positivi, sul carisma e l'appeal dei due attori protagonisti, impegnati in un confronto che li rende davvero intensi ed unici. Loro sono l'astro nascente Timothée Chalamet, fantastico con quella espressività da cerbiatto dispiaciuto ed insieme indolente, e l'eccellente Steve Carell, ormai sempre più proiettato verso una maturità d'attore fino a qualche anno addietro apparentemente impensabile.  

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati