Trama

Nel 2000 il sottomarino russo K-141 Kursk va incontro a un disastro senza precedenti che la negligenza del governo non è in grado di gestire. Mentre i marinai lottano per la loro sopravvivenza, i familiari sono costretti a fronteggiare disperatamente gli ostacoli politici e burocratici, tentando l'impossibile per salvare i propri cari.

Approfondimento

KURSK: UNA TRAGEDIA INTERNAZIONALE, MILITARE E FAMIGLIARE

Diretto da Thomas Vinterberg e sceneggiato da Robert Rodat, Kursk è inspirato alla tragica vera storia del K-141 Kursk, un sottomarino a propulsione nucleare della flotta russa che affondò nel Mare di Barents nell'agosto del 2000. In particolar modo, il film fa il punto su come, mentre i 23 marinai combattevano per la sopravvivenza a bordo del mezzo, le loro famiglie a terra lottavano disperatamente contro gli ostacoli della burocrazia e le scarse probabilità di salvare le vite dei loro cari.

 

Con la direzione della fotografia di Anthony Dod Mantle, le scenografie di Thierry Flamand, i costumi di Catherine Marchand, le musiche di Alexandre Desplat e la produzione esecutiva tra gli altri di Luc Besson, Kursk trae spunto da A Time to Die: The untold Story of the Kursk Tragedy, libro scritto dal giornalista Robert Moore che, in maniera scrupolosa, prende in esame le ultime ore dei marinai a bordo del Kursk e tutte le prove sul caso. Era il 10 agosto del 2000 quando il Kursk, un sottomarino grande quanto due jumbo jet e più di due campi da calcio considerato l'orgoglio inaffondabile della Flotta russa del Nord, cominciò un'esercitazione navale (la prima in un decennio) con il coinvolgimento di 30 navi e altri due sottomarini. Due giorni dopo, due esplosioni interne, così forti da essere registrate dai sismografi dell'Alaska, spinsero il mezzo in fondo alle acque artiche del mare di Barents. Secondo le ricostruzioni ufficiali, almeno 23 dei 118 marinai a bordo sopravvissero alle esplosioni rimanendo nei successivi nove giorni al centro dell'attenzione mediatica di tutto il mondo. I tentativi di salvataggio furono però controversi, si sollevarono molte polemiche soprattutto internazionali e ogni aiuto che provenisse dall'estero venne rifiutato dalla Russia, condannando per sempre il destino di chi era ancora in vita e dei loro famigliari.

 

"Nello scrivere la sceneggiatura di Kursk, Robert Rodat ha fatto affidamento al meticoloso lavoro del giornalista Robert Moore e ha ottenuto anche il supporto del commodoro David Russell, che guidava la flotta navale inglese che mise in atto il tentativo di salvataggio dei componenti dell'equipaggio del Kursk", ha raccontato il regista. "Gli eventi descritti, seppur con qualche libertà narrativa, sono realmente accaduti e forniscono un punto di vista sulla vicenda che tenta di rimanere obiettivo. Conoscevo a grandi linee la tragedia del sottomarino ma ricordo benissimo il clamore mediatico della vicenda.

Ho letto la sceneggiatura di Rodat grazie al suggerimento dell'attore Matthias Schoenarts, con cui ho lavorato in passato. Colpito dai temi politici in gioco e dalla bella storia d'amore che fa da filo conduttore, ho accettato di dirigere il film e di soffermarmi sul coraggio di chi è chiamato a confrontarsi con il dire per sempre addio ai propri cari, vedendoli morire minuto dopo minuto. Nessuno sa con certezza cosa sia accaduto negli ultimi istanti dentro al sottomarino. Sappiamo però che sono tutti morti e che 71 bambini sono rimasti senza un padre".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Kursk è Thomas Vinterberg, regista e sceneggiatore danese. Nato a Copenaghen nel 1969 e famoso per essere uno dei fondatori del movimento cinematografico Dogma 95, Vinterberg si è laureato alla National Film School di Danimarca con un cortometraggio che ha poi fatto il giro del mondo, ricevendo diversi… Vedi tutto

Commenti (4) vedi tutti

  • La tragedia emblematica del sottomarino russo è il pretesto per cavalcare l'onda lunga dello sfacelo di un ex impero ormai agli sgoccioli ed evocare l'efficientismo solidale della sponda europea dell'alleanza atlantica. Catastrofismo convenzionale e melodramma ricattatorio non rendono giustizia al gusto amaro delle ingiustizie della Storia.

    commento di maurizio73
  • E' proprio vero che il mondo si divide in due categorie. Quelli che creano problemi e quelli che li risolvono. Purtroppo a volte i due mondi non dialogano. Il film analizza questa incapacità di comprensione e visione duale tra la burocrazia stupida e bieca della politica, in questo caso russa, ma diremmo globale in quanto a guerre e militarizzazion

    leggi la recensione completa di gaiart
  • Un regista che viene dalla sperimentazioni di Dogma racconta, grazie ad un cast internazionale, il noto dramma del sottomarino russo nello stile più convenzionale, classico e spettacolare possibile, ma tuttavia riesce a coinvolgere ed emozionare il pubblico.

    leggi la recensione completa di port cros
  • La tensione claustrofobica ben costruita nella scena delle esplosioni e nelle successive ambientate in fondo al mare (bellissima quella con in due uomini in apnea) tende a smorzarsi ogni volta che la telecamera riemerge.

    leggi la recensione completa di pazuzu
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

supadany di supadany
6 stelle

Festa del cinema di Roma - Selezione ufficiale. L'impegno civile va preservato, come fosse una razza in via di estinzione, per aiutare la memoria a non dimenticare quelle pagine che hanno segnato le coscienze e che negli anni rimangono addosso quasi esclusivamente ai diretti interessati. Conseguentemente, può servire come suggerimento a non ricadere nelle stesse manchevolezze, un… leggi tutto

3 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

gaiart di gaiart
8 stelle

      Qualche dato. K141 KURSK, nome 150, i metri di lunghezza, equiparabili a due jumbo jets, più di due campi da calcio 1990, anno di costruzione, considerato orgoglio della marina russa 59, i km orari di velocità subacquea e 30 i km orari in superficie 300-500, i metri di immersione testati 12 agosto 2000, giorno di affondamento 118, il numero dei morti… leggi tutto

2 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

pazuzu di pazuzu
4 stelle

  Nell'agosto del 2000, a meno di nove anni dallo scioglimento dell'Unione Sovietica, la Russia era un colosso dai piedi d'argilla, che a causa delle difficoltà economiche aveva svenduto, o manutenuto pessimamente, i pezzi migliori della sua flotta navale. L'elemento di punta della stessa era il sommergibile K-141, detto Kursk, che a dieci anni dall'ultima esercitazione fu mandato… leggi tutto

2 recensioni negative

2019
2019
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

Mulligan71 di Mulligan71
7 stelle

Fa un po' specie, sinceramente, trovare il bravo Vinterberg, uno dei co-autori del manifesto "Dogma" con Von Trier, alle prese con la tragica storia del Kursk, sottomarino nucleare russo che nel 2000 affondò nel mare di Barents, portando con sé tutti i suoi marinai, in una sciagura che fece storia. Vinterberg, per me, resterà sempre quello di "Festen" e di "Dear Wendy", e,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
2018
2018
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

alan smithee di alan smithee
4 stelle

13° FESTA DEL CINEMA DI ROMA - SELEZIONE UFFICIALE Nell'agosto del 2000, un gigantesco sottomarino nucleare, orgoglio dell'armata militare russa, viene impegnato in una complessa esercitazione volta a testarne le potenzialità. Qualcosa tuttavia va storto ed una esplosione inabissa il gigantesco veicolo marino, uccidendo gran parte dell'equipaggio, e lasciando in balia degli eventi…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

LAMPUR di LAMPUR
5 stelle

  Che i russi si siano storti alla notizia di un film europeo che li fa passare per tordi quasi completi, non può stupire. E che la storia del Kursk, sottomarino nucleare, affondato nel mar di Barens nel 2000, con motivazioni ancora oggi non tutto acclarate, possa suscitare clamore e interesse, appare giustificato, Ciò che trovo eccessivo è che la pellicola scelga…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

port cros di port cros
6 stelle

  XIII FESTA DEL CINEMA DI ROMA (2018)   Una produzione internazionale per raccontare la tragedia del sommergibile nucleare russo Kursk, che nell’estate del 2000 si inabissò per sempre nelle acque gelide del Mare di Barents, diventando una tomba per i 118 uomini del suo equipaggio, di cui quasi cento morti sul colpo per le esplosioni, altri ventitré sopravvissuti…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

supadany di supadany
6 stelle

Festa del cinema di Roma - Selezione ufficiale. L'impegno civile va preservato, come fosse una razza in via di estinzione, per aiutare la memoria a non dimenticare quelle pagine che hanno segnato le coscienze e che negli anni rimangono addosso quasi esclusivamente ai diretti interessati. Conseguentemente, può servire come suggerimento a non ricadere nelle stesse manchevolezze, un…

leggi tutto
Recensione
Utile per 13 utenti

Recensione

pazuzu di pazuzu
4 stelle

  Nell'agosto del 2000, a meno di nove anni dallo scioglimento dell'Unione Sovietica, la Russia era un colosso dai piedi d'argilla, che a causa delle difficoltà economiche aveva svenduto, o manutenuto pessimamente, i pezzi migliori della sua flotta navale. L'elemento di punta della stessa era il sommergibile K-141, detto Kursk, che a dieci anni dall'ultima esercitazione fu mandato…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti

Recensione

gaiart di gaiart
8 stelle

      Qualche dato. K141 KURSK, nome 150, i metri di lunghezza, equiparabili a due jumbo jets, più di due campi da calcio 1990, anno di costruzione, considerato orgoglio della marina russa 59, i km orari di velocità subacquea e 30 i km orari in superficie 300-500, i metri di immersione testati 12 agosto 2000, giorno di affondamento 118, il numero dei morti…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
locandina
Foto
locandina
Foto
locandina
Foto
Uscito nelle sale italiane il 1 gennaio 1970
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito