Trama

Massimo Alberti (Edoardo Leo) è il proprietario del Miracolo Italiano, un b&b un tempo di lusso ridotto ormai ad una fatiscente palazzina. La crisi che ha messo in ginocchio l'attività sembra non aver scalfito i suoi dirimpettai, un convento gestito da suore sempre pieno di turisti a cui le pie donne offrono rifugio in cambio di una spontanea donazione esentasse. Ecco quindi l'illuminazione di cui Massimo aveva bisogno: se vuole sopravvivere deve trasformare il Miracolo Italiano in luogo di culto. Ma per farlo deve prima fondare una sua religione. Dà origine così allo "Ionismo", la prima fede che non mette Dio al centro dell'universo ma l'Io. Ad accompagnare Massimo nella sua missione verso l'assoluzione da tasse e contributi la sorella Adriana (Margherita Buy), inquadrata commercialista, e Marco (Giuseppe Battiston), scrittore senza lettori e ideologo perfetto del nuovo credo.

Commenti (3) vedi tutti

  • Film che trae spunto dal trattamento di favore ricevuto dalle strutture religiose in italia, per proporre un film con un punto di vista laico e irriverente. A tratti arguto e divertente, a tratti un po' lento e meno fluido. Sciupato soprattutto nel finale dal solito buonismo che sciupa frequentemente i film italiani. Voto: 6.

    commento di elisabetta2018
  • Film godibile originale Aronadio dopo Orecchie si dimostra un buon regista . La storia e godibile gli attori in parte soprattutto Leo apprezzabile anche partecipazione come attore del regista Bruno nei panni del paraplegico . Giulia Michelini infine si conferma attrice di talento e molto migliorata negli anni. Una serata spesa bene. Lo consiglio

    commento di claudio1959
  • Una debole commedia che -furbescamente- tenta di polemizzare sugli aspetti economici che ruotano attorno alle religioni mettendo in risalto alcuni aspetti che sono comuni denominatori di ogni credo...

    leggi la recensione completa di undying
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è negativa

undying di undying
3 stelle

  Massimo Alberti (Edoardo Re), giovane benestante allergico al lavoro, eredita un albergo proprio nel momento di recessione economica che sta toccando l'Italia. Assillato dall'impressionante pressione fiscale, nota che il vicino palazzo, di proprietà della curia, non solo è esente dalle tasse sugli immobili, ma pure dalle rette, pagate esentasse come "donazione" dai… leggi tutto

3 recensioni negative

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

Gangs 87 di Gangs 87
5 stelle

La crisi economica sembra ormai essere d’ispirazione a molti dei film nostrani dove spesso il filo conduttore è delineato da argomenti di attualità, se non messi in primo piano, quantomeno capaci di rimanere in sottofondo ed essere il MacGuffin della situazione.   Lo sa bene Alessandro Aronadio che parte dalla difficoltà che gli imprenditori hanno nel portare… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

barabbovich di barabbovich
7 stelle

Dal "porco Dio" di Anni ruggenti, un film del 1962 diretto da Luigi Zampa, quando - per la prima volta in Italia - si sentì qualcuno smoccolare sul grande schermo, a Io c'è, titolo geniale che assembla le scritte sulle strade che indicano il reperimento della droga con la massima di Marx sulla religione come oppio dei popoli, la religione stessa è stata raramente messa in… leggi tutto

2 recensioni positive

Recensione

Gangs 87 di Gangs 87
5 stelle

La crisi economica sembra ormai essere d’ispirazione a molti dei film nostrani dove spesso il filo conduttore è delineato da argomenti di attualità, se non messi in primo piano, quantomeno capaci di rimanere in sottofondo ed essere il MacGuffin della situazione.   Lo sa bene Alessandro Aronadio che parte dalla difficoltà che gli imprenditori hanno nel portare…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

barabbovich di barabbovich
7 stelle

Dal "porco Dio" di Anni ruggenti, un film del 1962 diretto da Luigi Zampa, quando - per la prima volta in Italia - si sentì qualcuno smoccolare sul grande schermo, a Io c'è, titolo geniale che assembla le scritte sulle strade che indicano il reperimento della droga con la massima di Marx sulla religione come oppio dei popoli, la religione stessa è stata raramente messa in…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

LAMPUR di LAMPUR
4 stelle

    Io c’è, Di Leo un po’ meno. Appannato come la sua ultima religione, che vorrebbe essere un the best of tratto dai più celebrati culti del mondo; creata appositamente per evitare tasse e fisco sul suo B&B vicino San Pietro, a Roma, penalizzato, oltretutto, da un ostello di suore proprio di fronte, che gli ruba tutti i clienti, grazie a prezzi…

leggi tutto

Recensione

travis83 di travis83
5 stelle

Massimo (Edoardo Leo), è il proprietario di un bed and breakfast ormai ridotto a una fatiscente palazzina dopo i fasti della precedente gestione paterna e vanta pochi clienti e troppe tasse. Per sopravvivere e eludere il fisco lo scaltro quarantenne deciderà di trasformare il posto in un luogo di culto e di fondare una sua religione. Nascerà così la prima fede che…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

undying di undying
3 stelle

  Massimo Alberti (Edoardo Re), giovane benestante allergico al lavoro, eredita un albergo proprio nel momento di recessione economica che sta toccando l'Italia. Assillato dall'impressionante pressione fiscale, nota che il vicino palazzo, di proprietà della curia, non solo è esente dalle tasse sugli immobili, ma pure dalle rette, pagate esentasse come "donazione" dai…

leggi tutto
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

sorry di sorry
9 stelle

E’ molto difficile riuscire a fare una analisi così efficace su tutte le religioni (quali strumento di oppressione sui popoli, sfruttando superstizione, paura della morte, castighi di ogni sorta, per fini opportunistici di comando, guerre, economici), usando un tono leggero, pieno di garbo e di umorismo, a volte persino di comicità. Il regista ci riesce perfettamente,…

leggi tutto

Recensione

alan smithee di alan smithee
2 stelle

Rampollo di buona famiglia, titolare di un B&B ai bei tempi lussuoso e posizionato in un gradevole contesto da centro storico, non conquistato con sacrifici lungimiranti, né acquistato col credito di terzi, ma ereditato dal padre, ma ora decaduto a causa della concorrenza sleale di un vicino monastero, Massimo Alberti ha l’intuizione di seguire la tattica commerciale delle…

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
Uscito nelle sale italiane il 26 marzo 2018
Il meglio del 2017
2017
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito