Trama

La storia della poetessa americana Emily Dickinson, dai i giorni un cui era una giovane studentessa fino agli ultimi anni di vita, vissuti da reclusa e senza vedere riconosciuto il suo talento.

Approfondimento

A QUIET PASSION: OMAGGIO A EMILY DICKINSON

Diretto e sceneggiato da Terence Davies, A Quiet Passion racconta la storia della poetessa Emily Dickinson. Tutto inizia nel New England del XIX secolo quando la giovane Emily frequenta un collegio per ragazze di buona famiglia ma continua a ribellarsi ai discorsi evangelici che vengono loro professati. Suo padre è costretto allora a riportarla a casa per la gioia della sorella Vinnie e del fratello Austin. Appassionata di poesia, Emily scrive giorno e notte con la speranza di vedere i suoi componimenti pubblicati. Passano però gli anni ed Emily è sempre alle prese con la sua ricerca di quintessenza poetica quando l'incontro con una giovane dall'indole indipendente e refrattaria alle convenzioni sociali riaccende il suo animo ribelle. Emily non esiterà pertanto ad opporsi a chiunque voglia dettarle come vivere o quali regole seguire.

Con la direzione della fotografia di Florian Hoffmeister, le scenografie di Merijn Sep, i costumi di Catherine Marchand e le musiche di Ian Neil, A Quiet Passion nasce dal desiderio del regista di restituire giustizia a un'autrice poco celebrata in vita, come egli stesso ha dichiarato: "Il talento di Emily Dickinson è stato riconosciuto solo postumo e trovo ciò profondamente ingiusto. Mi domando spesso come possano i grandi artisti sopportare di essere ignorati. In ogni caso, Emily Dickinson merita di essere celebrata come si deve: la sua poesia è sublime, la reputo come una dei più grandi poeti d'America e, nonostante la sua vita quasi da reclusa, la sua storia è piena di forza di volontà e pathos. Nata ad Amherst, Emily Dickinson fu la figlia di Edward, avvocato e politico, ed Emily Norcross, ed ebbe due fratelli: Lavinia, soprannominata Vinnie, e Austin. Non sopportò mai l'idea di stare lontano da casa o dalla sua famiglia e trascorse la maggior parte della sua esistenza da adulta con i genitori ad Amherst. Per Emily, la famiglia rivestì un ruolo fondamentale: era tutto il suo universo e, viceversa, l'universo per lei era la famiglia. I genitori le furono sempre vicini e il che portò a una qualche forma di claustrofobia. Vinnie e Austin condivisero il suo stesso attaccamento morboso alla casa dei genitori.

Quando un nuovo pastore fece visita alla famiglia Dickinson per implorarli di redimersi dai loro peccati, Emily si rifiutò di inginocchiarsi provocando l'indignazione di suo padre. Quel gesto fu simbolico della sua indole da ribelle e inflessibile (caratteristica questa che ereditò dal genitore). Per tutta la vita, scrisse una poesia al giorno, componimenti di immenso rigore e dignità che spesso altro non sono che meditazioni profonde sulla morta, sulla fugacità della vita e sulla bellezza. Fu la più grande poetessa dei suoi tempi ma morì a soli 56 anni nel 1886 di insufficienza renale senza che nessuno ne riconoscesse la grandezza".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere A Quiet Passion è Terence Davies, sceneggiatore e regista inglese nato a Liverpool nel 1945. Da sempre sceneggiatore unico di tutti i suoi film (in parte autobiografici), Davies ha raggiunto la notorietà con i suoi primi cortometraggi che nel 1983 confluiscono una sorta di raccolta antologica denominata… Vedi tutto

Commenti (3) vedi tutti

  • Interessante la versione dell'ultimo brano della colonna sonora: una chicca: dice molto della raffinatezza del regista.

    commento di Marsil_Claritz
  • Emily Dickinson scriveva tante lettere, con le sue poesie furono il suo modo di comunicare col mondo, e con una poesia in forma di lettera ha chiesto al mondo dopo di lei di giudicarla “teneramente”.

    leggi la recensione completa di yume
  • Ritratto di donna potente e toccante. Da rivedere.

    commento di valeriemanifesta
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

yume di yume
8 stelle

  “ Questa è la mia lettera al mondo che non scrisse mai a me – semplici notizie che la natura raccontò – con tenera maestà il suo messaggio è affidato a mani che non posso vedere – per amor suo – dolci compatrioti – giudicate teneramente – me”   Quelle che non potè vedere sono le nostre… leggi tutto

6 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

bardolfo di bardolfo
2 stelle

Lo ammetto, non conosco l'opera della Dickinson, ma ora, dopo aver visto questo film, so  per certo che non prenderò mai in mano una sua poesia. Ancora una cosa: per quanto possa essere sopravvalutata o inetta questa poetessa (e magari si tratta di un vero genio), di sicuro non meritava una biografia cinematografica così terrificante. Ho passato gli ultimi 30 minuti della… leggi tutto

1 recensioni negative

Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 15 voti
vedi tutti

Recensione

steno79 di steno79
8 stelle

Terence Davies è un regista inglese che ho seguito attentamente anni fa, ma che negli ultimi tempi avevo un po' perso di vista, a partire dal suo documentario "Of time and the city" e i film successivi. Davies è diventato più prolifico e ha realizzato questa pregevole biografia di Emily Dickinson, poetessa americana che già da tempo è considerata come una delle…

leggi tutto
Recensione
Utile per 15 utenti

Recensione

laulilla di laulilla
8 stelle

Il film ricostruisce la vita di Emily Dickinson (1830-1886), ovvero di una delle più grandi voci della poesia americana dell’Ottocento, che il regista Terence Davies evoca con cura meticolosa, attento a rendere storicamente credibile e cinematograficamente interessante una storia molto difficile, nella quale contano anche i più  più minuti particolari,…

leggi tutto

Recensione

bardolfo di bardolfo
2 stelle

Lo ammetto, non conosco l'opera della Dickinson, ma ora, dopo aver visto questo film, so  per certo che non prenderò mai in mano una sua poesia. Ancora una cosa: per quanto possa essere sopravvalutata o inetta questa poetessa (e magari si tratta di un vero genio), di sicuro non meritava una biografia cinematografica così terrificante. Ho passato gli ultimi 30 minuti della…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

Zagarosh di Zagarosh
8 stelle

“Conformarsi sempre, ma in gran segreto disobbedire”. È uno dei consigli che Emily Dickinson riceve nel corso di A Quiet Passion, il biobic a lei dedicato diretto da Terence Davies, ma è anche la filosofia a cui da sempre aderisce il cinema del veterano regista inglese, che sembra rispettare i canoni più classici mentre rovescia in maniera quasi invisibile ogni…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

yume di yume
8 stelle

  “ Questa è la mia lettera al mondo che non scrisse mai a me – semplici notizie che la natura raccontò – con tenera maestà il suo messaggio è affidato a mani che non posso vedere – per amor suo – dolci compatrioti – giudicate teneramente – me”   Quelle che non potè vedere sono le nostre…

leggi tutto
Recensione
Utile per 16 utenti
Uscito nelle sale italiane l'11 giugno 2018
locandina
Foto
Il meglio del 2017
2017
Il meglio del 2016
2016

Recensione

supadany di supadany
8 stelle

Tff 34 – Festa Mobile. Terence Davies non è quello che si usa definire un regista prolifico, ma A quiet passion è una piacevole eccezione dato che vede la luce solo un anno dopo Sunset song, presentato anch’esso al Festival di Torino. I tempi stretti però non hanno inficiato sulla qualità dell’opera, che anzi si candida ad essere ricordata tra le…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito