Espandi menu
cerca

Vulcano

play

Regia di Jayro Bustamante

Con María Mercedes Coroy, María Telón, Manuel Manuel Antún, Justo Lorenzo, Marvin Coroy Vedi cast completo

Guardalo su
  • iTunes
  • iTunes
  • Tim Vision
  • Tim Vision
In STREAMING

Trama

Maria, una diciassettenne maya, vive alle pendici di un vulcano in attività in Guatemala ed è in attesa di un matrimonio combinato. Nonostante sogni di vedere la città, il suo status di indigena non le permette di avventurarsi nel mondo moderno, lo stesso che qualche tempo dopo a causa delle complicazioni di una gravidanza le salverà la vita ma ad alto prezzo.

Approfondimento

VULCANO: I DRAMMI DELLA COMUNITÀ MAYA

Scritto e diretto da Jayro Bustamante, Vulcano racconta la storia di Maria, una diciassettenne di origine Maya che vive e lavora con i genitori in una piantagione di caffè ai piedi dell'attivo vulcano Ixcanul in Guatemala. Ad attendere Maria è un matrimonio combinato dai genitori, che hanno scelto come promesso sposo Ignacio, il sorvegliante della piantagione. Maria però non ha alcuna intenzione di accettare quella sorte e intravede una possibilità di fuga in Pepe, un giovane lavoratore che ha intenzione di emigrare negli Stati Uniti. Sebbene riesca a sedurre Pepe, Maria viene da egli ingannata rimanendo incinta, da sola e in condizioni disperate. Per la madre di Maria, l'aborto è l'unica soluzione ma ancora una volta, nonostante le conoscenze ancestrali della donna, il destino decide che il nascituro debba vivere. Complice il morso di un serpente che la costringe ad andare immediatamente alla ricerca di un ospedale, Maria lascerà l'universo arcaico in cui è abituata a vivere per incontrare il mondo moderno che ha tanto sognato e che, seppur a caro prezzo, le salverà la vita.

Con la direzione della fotografia di Luis Armando Arteaga, le scenografie di Pilar Peredo e i costumi di Sofia LantanVulcano concentra la sua attenzione sulla comunità dei Maya e sui problemi che la affliggono. Girato in gran parte in Guatemala con attori non professionisti, Vulcano viene così raccontato dal regista: «Ho trascorso la mia infanzia tra gli altopiani del Guatemala, la terra dei Maya circondata da vulcani in attività e antiche tradizioni indigene. Da bambino, attraversavo le montagne con mia madre, impegnata in attività mediche tese a convincere le madri maya a vaccinare i loro figli. Il suo era un duro lavoro ma utile a stabilire delle relazioni tra i Maya e la comunità meticcia locale. Nella maggior parte dei casi, i Maya non parlavano spagnolo e le montagne si rivelavano pericolose a causa del conflitto armato che stava devastando il Paese in quel momento. Anni dopo, mia madre ha condiviso con me la sua indignazione quando ha scoperto che alcuni dipendenti della sanità pubblica erano coinvolti nei casi di rapimento dei bambini maya, contribuendo così a rompere quegli equilibri che si erano creati a fatica nel tempo.

Questo è stato il punto di partenza di questa storia ma anche il suo punto di arrivo. Purtroppo, gli altopiani del Guatemala hanno sempre sofferto di un alto tasso di discriminazione e sono stati duramente colpiti dalla piaga della tratta dei minori durante il periodo del conflitto armato dal 1960 al 1996. Il rapimento di bambini nel Paese non è un segreto per nessuno: con soli 14 milioni di abitanti, il Guatemala è diventato il primo "esportatore" di bambini nel mondo. Le Nazioni Unite parlano di circa 400 casi di rapimenti di minori all'anno, svolti nella più totale impunità. La questione, molto più complessa e oscura di quanto si pensi, coinvolge politici, notai, medici, giudici, direttori di orfanotrofi e molte altre figure eminenti.

Nonostante la complessità dell'argomento, ho voluto concentrarmi sul dramma delle madri vittime di tale aberrazione. Nell'affrontare il punto di vista di una madre e del suo ambiente così lontano dalla modernità, ho voluto parlare delle donne indigene in generale, della loro vita, del loro popolo e della loro posizione contro la cultura occidentale dominante che le costringe a subire abusi e ingiustizie. Maria è una giovane donna che appartiene alla comunità indigena e che lotta per crearsi un proprio destino, sebbene non ne abbia la libertà per farlo.

Il mio lavoro è iniziato nel cuore della comunità maya, incontrandone diversi esponenti per discutere dei problemi sociali che li riguardano. Attingendo a storie di vita reale, a resoconti di persone incontrate e a una testimonianza in particolare, ho scritto la sceneggiatura, chiedendo poi ai membri della comunità di trasformarsi in attori per Vulcano.

Ho voluto anche il film si costruisse lentamente, a partire da un'osservazione quasi antropologica del nucleo di una famiglia maya, scoprendo i loro gesti quotidiani, la loro lingua, le loro tradizioni e il loro rapporto con il vulcano Ixcanul. La vita umana dei Maya e la natura circostante sono un tutt'uno ma rappresentano un terreno fertile per quegli avvoltoi che, approfittando dell'abisso che separa due concezioni opposte del mondo, lascia come unica risposta possibile un grande senso di impotenza».

Note

Lo sguardo di Bustamante resta quello di uno straniero in patria, minato dalla tentazione di esotismo, e si fa più ficcante e meno contemplativo quando si sposta dai paesaggi crudi e mistici delle pendici del vulcano verso gli uffici di una burocrazia letteralmente sorda ai bisogni dei contadini, che non conoscono la lingua della legge (lo spagnolo) e perdono nella traduzione i diritti e la dignità.
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

obyone di obyone
8 stelle

    Il vulcano Pacaya è l'artefice delle fortune e dei drammi di quanti abitano le sue pendici; il dio che fertilizza la terra con lapilli e ceneri che escono dal cratere fumante, regalando al caffè sentori paradisiaci uniti ad un aroma persistente; il demiurgo che può mietere all'improvviso i raccolti con un'improvvisa colata magmatica, procurando la miseria… leggi tutto

4 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
6 stelle

Premiato alla Berlinale 2015 con l’Alfred Bauer, destinato a opere che «aprono nuove prospettive», l’esordio nel lungometraggio di Jayro Bustamante si muove idealmente sul crinale tra fiction e cinema del reale: nativo del Guatemala, il regista si è formato artisticamente tra Francia e Italia ed è tornato in patria con la macchina da presa puntata sulla natura e sui volti. Gli interpreti… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

2020
2020

Recensione

obyone di obyone
8 stelle

    Il vulcano Pacaya è l'artefice delle fortune e dei drammi di quanti abitano le sue pendici; il dio che fertilizza la terra con lapilli e ceneri che escono dal cratere fumante, regalando al caffè sentori paradisiaci uniti ad un aroma persistente; il demiurgo che può mietere all'improvviso i raccolti con un'improvvisa colata magmatica, procurando la miseria…

leggi tutto
Recensione
Utile per 14 utenti
2017
2017
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2016
2016
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
2015
2015

Recensione

alan smithee di alan smithee
7 stelle

Ixcanul significa vulcano, ed un vulcano in effetti si staglia al di sopra di una fitta boscaglia del Guatemala, alle pendici della quale vive una popolazione discendente dagli antichi Maya, che non è mai riuscita o non ha mai voluto integrarsi con la civiltà delle città, peraltro remote. In questi villaggi abita Maria, una diciassettenne che sogna di vedere la…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

OGM di OGM
8 stelle

  Un film in lingua Maya. Un idioma di analfabeti, perché la sua scrittura, antica quanto la civiltà, è fatta di geroglifici. Maria la parla, ma non sa nemmeno apporre la propria firma. Non è andata a scuola, e non ha mai imparato lo spagnolo. È l’unica figlia di una coppia di anziani campesinos guatemaltechi. Sa cucinare, badare agli animali,…

leggi tutto
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

Recensione

nickoftime di nickoftime
7 stelle

Mai come in questo periodo le periferie del mondo sono state così vicine all'appassionato di cinema che in un sol colpo si è visto recapitare due cartoline dall'inferno firmate rispettivamente dal nostro Roberto Minervini, di cui abbiamo ampiamente parlato nella recensione dedicata al suo "Louisiana", e poi dal regista guatemalteco Jayro Bustamante, regista che esordisce alla regia…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
6 stelle

Premiato alla Berlinale 2015 con l’Alfred Bauer, destinato a opere che «aprono nuove prospettive», l’esordio nel lungometraggio di Jayro Bustamante si muove idealmente sul crinale tra fiction e cinema del reale: nativo del Guatemala, il regista si è formato artisticamente tra Francia e Italia ed è tornato in patria con la macchina da presa puntata sulla natura e sui volti. Gli interpreti…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Uscito nelle sale italiane l'8 giugno 2015
locandina
Foto
Berlino 2015: Giorno 3

Berlino 2015: Giorno 3

Terzo giorno di proiezioni alla Berlinale, che dopo la delusione Herzog di ieri schiera tre film tra loro molto diversi per tematica e nazionalità:… segue

Post
locandina
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito