Sils Maria

play

Regia di Olivier Assayas

Con Juliette Binoche, Kristen Stewart, Chloë Grace Moretz, Lars Eidinger, Johnny Flynn, Angela Winkler, Hanns Zischler, Brady Corbet... Vedi cast completo

In streaming
  • Google Play
  • Chili
  • iTunes
  • iTunes
In STREAMING

Trama

Maria Enders (Juliette Binoche), attrice all'apice della sua carriera internazionale, viene invitata a partecipare al revival del dramma che l'ha resa famosa vent'anni prima. Allora Maria aveva interpretato il personaggio di Sigrid, una giovane e seducente ragazza che finisce per spingere la vecchia Helena al suicidio, mentre adesso le viene chiesto di impersonare Helena. Maria, che trascorre la maggior parte del suo tempo con l'assistente personale nonché unica amica Valentine (Kristen Stewart), è presto costretta a confrontarsi con Jo-Ann (Chloë Grace Moretz), una giovane divetta di Hollywood con un debole per gli scandali scelta per la parte di Sigrid e simbolo di una inquietante gioventù.

Approfondimento

SILS MARIA: IL DIVARIO TRA PASSATO E PRESENTE

Scritto e diretto da Oliver Assayas, Sils Maria racconta la storia di Maria Anders, attrice chiamata a distanza di vent'anni a interpretare uno stesso testo teatrale ma con ruoli differenti. Mentre a diciotto anni Maria ha interpretato la parte dell'ambiziosa Sigrid, una giovane che conduce al suicidio Helena, una donna più matura, vent'anni dopo le viene chiesto di portare in scena Helena. Esplorando i legami e il rapporto che ognuno di noi, portatore di una lunga storia, ha con il passato, Sils Maria è stato presentato in concorso al Festival di Cannes 2014 e a raccontarne genesi ed intenzioni di fondo sono le parole dello stesso Assayas: «Ognuno di noi ha dietro una lunga storia, frutto del passato vissuto. Sils Maria nasce in primo luogo dal legame che ho con Juliette Binoche, conosciuta all'inizio della mia carriera - quando ho scritto Rendez-vous per André Techine, di cui lei era la protagonista principale - e incrociata nuovamente nel 2008 grazie a L'heure d'été, girato insieme. Juliette per prima ha pensato che nella nostra storia in comune ci fosse un'occasione mancata, o meglio un film, che sarebbe potuto essere essenziale sia a lei sia a me. Dal suo presupposto, ho cominciato a buttar giù degli appunti che hanno finito per far da base per i personaggi di una storia, che entrambi attendevamo fa tanto tempo.
Scrivere è come un cammino pieno di vertigini che ti tiene in sospeso tra l'origine e il divenire. Nessuno si meravigli quindi se per Sils Maria mi sia ispirato ai paesaggi di montagna o ai loro sentieri scoscesi. La luce della primavera, la trasparenza dell'aria, le nebbie del passato e i fenomeni nuvolosi del passo del Maloja sono un modo per riportare me e Juliette ad interrogarci sul presente e soprattutto sul futuro.
Maria Enders, la mia protagonista, è un'attrice che con la sua assistente Valentine esplora la ricchezza e la complessità dei personaggi creati dal drammaturgo tedesco Wilhelm Melchior, personaggi che dopo vent'anni non hanno ancora svelato tutti i loro segreti. Non si tratta tanto dei segreti del teatro, delle sue illusioni e dei meandri della finzione, si tratta semmai di segreti legati alla natura umana e, più semplicemente, di segreti molto intimi. Nelle parole di cui si appropriano autori, attori e spettatori, non riecheggiano altro che le domande che tutti noi ci poniamo quotidianamente nei nostri monologhi interiori.
Si, certo, il teatro è la vita. E, meglio di essa stessa, rivela la grandezza - nel bene o nel male - sia delle banalità sia dei sogni. In questo senso, Maria Enders non è Juliette Binoche né sono io: è tutti noi che abbiamo bisogno di rivedere il passato e, chiarendolo, di trovare la chiave per la nostra identità, quella che ci siamo costruiti e che ci permette di andare avanti. Maria si vede sullo schermo e pensa a ciò che ha fatto a vent'anni: fondamentalmente Maria è la stessa, è il mondo intorno a lei ad essere cambiato e la giovinezza ad essere fuggita. La giovinezza, come la verginità o come la scoperta del mondo, non si ripete mai due volte. Per contro, quello che la giovinezza ci ha insegnato non va mai dimenticato, permettendo una continua reinvenzione del mondo e la decifrazione della realtà contemporanea ma offrendo anche un prezzo da pagare. 
È il confronto tra il passato e il presente di un paesaggio che mi ha spinto verso il registro della commedia - o della tragedia, a seconda della prospettiva che si sceglie - per raccontare di un'attrice che si immerge tra le pieghe del tempo più per dovere professionale o morale piuttosto che per desiderio. Quando ci guardiamo su un video, non vediamo altro che la nostra immagine congelata in un presente assoluto. Al centro di Sils Maria vi è l'istantaneità, che permette a Maria Enders di scoprirsi "spezzata" in mille immagini che risuonano nel mondo virtuale della notorietà e dei media moderni».

Girato tra le montagne della valle dell'Engadina, un paesaggio tanto spettacolare quanto intimidatorio e immutabile agli occhi degli uomini, Sils Maria è nel suo piccolo un omaggio ad Arnold Fanck, uno dei pionieri delle fotografie alpine. Nel 1924, agli albori del cinema, Fanck ha avuto modo di filmare lo strano fenomeno nuvoloso del Maloja, in cui si mescolano vette, nuvole e vento, generando un'astrazione che evoca la pittura classica cinese.

 

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Un film complesso e traslucido. Sils Maria s’inoltra nel mistero della presenza dell’attore innervando un discorso sulla creazione del cinema nel mito del film di montagna di Arnold Fanck. Nel corpo di Juliette Binoche, Assayas osserva come in un specchio l’epifania di una mutazione; si pensa ovviamente a "Sans titre". Nell’opporre due corpi femminili (il regista avrebbe voluto Mia Wasikowska al posto di Kristen Stewart) Assayas, pur omaggiando il maestro Bergman, sembra addirittura attingere al magistero di Mankiewicz.

Commenti (3) vedi tutti

  • Un film di grande spessore con due interpreti veramente sopra le righe. E oltre la storia, c'è anche la bellezza dei paesaggi a completare l'opera. 

    commento di slim spaccabecco
  • Ulteriore conferma dell’eclettico talento del regista, è il racconto del percorso di crescita di una donna che rifiuta la maturità per rimanere aggrappata a quelli che potremmo definire come gli irrinunciabili privilegi di una giovinezza che inesorabilmente comincia a declinare, ambientato negli straordinari scenari delle montagne dell’Engadina.

    leggi la recensione completa di spopola
  • Ci sono dieci minuti di belle riprese in montagna…

    commento di Tex Murphy
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

spopola di spopola
8 stelle

“Non mi piace Hélèna; io sono Sigrid e voglio restare “Sigrid”   Sils Maria è un vertiginoso, raffinato gioco di rifrazioni e di rimandi fra vita reale e finzione, essenza interiore e immagine esteriore, che pone al centro la figura di Maria Enders senza dimenticare però quelle delle altre donne che le girano intorno (Valentine, Jo-Ann, Rose e… leggi tutto

15 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

bufera di bufera
6 stelle

  In CLOUDS OF SILS MARIA, Olivier Assayas è oltre che regista autore dello script, su un'idea suggeritagli da Juliette Binoche, che   è la protagonista del film. La storia si divide in due capitoli e un epilogo. Nel capitolo 1, l'attrice Maria Enders (Binoche) si reca a Zurigo con l'assistente Valentine (Kristen Stewart), sempre impegnata al telefonino nel corridoi del… leggi tutto

3 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

barabbovich di barabbovich
3 stelle

Lei, lei e l'altra. Inusuale triangolo professionale con cascami di potere e invidie mascherate in quest'opera di uno dei registi più discontinui del cinema transalpino: Olivier Assayas, già autore di un'opera pregevolissima come Il bambino d'inverno. Marie (Binoche) è un'attrice di grande fama, chiamata a interpretare, a vent'anni di distanza, il ruolo dell'antagonista del… leggi tutto

2 recensioni negative

2019
2019
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2017
2017
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2016
2016
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

perikle di perikle
10 stelle

non vi è niente di abominevole a essere lesbica, però ce ne sono tante... e dobbiamo dire che l'eccezione seppur con qualche provvedimento in meglio, riporta che gay... e lesbica vuol dire conformarsi alla normalità per quanto possibile, il film narrando tali vicende è di informazione e promulgazione di cose del genere oltre che dello spettacolo, del quale…

leggi tutto
Recensione
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

EightAndHalf di EightAndHalf
9 stelle

Il Maloja’s Snake è quello strano fenomeno atmosferico che si verifica quando a Sils Maria si preannuncia il cattivo tempo, e da alcuni punti di vista è possibile osservare il serpeggiare nella valle di un gruppo di nubi, che sopravanzano sinuosamente, fino a invadere tanto più è possibile, gettando tutto nella nebbia. È da questo spunto suggestivo che…

leggi tutto

Il Meglio del 2015

Isin89 di Isin89

Lista o elenco in ordine sparso dei migliori film che, a mio avviso, sono usciti in sala durante il 2015. La lista non segue un ordine gerachico di preferenza.

leggi tutto
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti
2015
2015
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 8 voti
vedi tutti

Recensione

steno79 di steno79
8 stelle

Un bel risultato per Olivier Assayas, talentuoso regista francese di cui non sono riuscito a vedere molto  (ricordo l'altrettanto pregevole "L'eau froide" a cui però dovrei necessariamente dare una ripassata). Qui Assayas ci propone un sottile scavo psicologico in un rapporto fra un'attrice sulla cinquantina che avverte un fallimento esistenziale da cui teme di non risollevarsi…

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti

Recensione

ed wood di ed wood
7 stelle

“Sils Maria” è un film sconclusionato. Non poteva essere altrimenti. L’ultima opera di Assayas va ad inserirsi in un filone che sta caratterizzando questa prima parte di anni 10, a cui appartengono i vari “Maps of the Stars”, “The Canyons”, “Holy Motors”, “Road to Nowhere”, “Birdman” ed altri. Una nuova…

leggi tutto
Recensione
Utile per 13 utenti
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito