Espandi menu
cerca

Monuments Men

play

Regia di George Clooney

Con George Clooney, Matt Damon, Bill Murray, Cate Blanchett, Jean Dujardin, Bob Balaban, Hugh Bonneville, John Goodman, Dimitri Leonidas Vedi cast completo

Guardalo su
  • Disney+
  • Tim Vision
  • Infinity
  • Prime Video
In STREAMING

Trama

Durante la seconda guerra mondiale, un insolito plotone composto da sette direttori di musei, curatori e storici dell'arte, riceve da Roosevelt il compito di recarsi in Germania per salvare i capolavori d'arte rubati dai nazisti e restituirli ai legittimi proprietari. Esperti più di quadri che di armi, intrappolati dietro le linee nemiche e alle prese con l'esercito tedesco che ha ricevuto l'ordine di distruggere ogni cosa prima della caduta del Terzo Reich, i Monuments Men - così venivano chiamati gli uomini del plotone - si ritroveranno impegnati in una corsa contro il tempo per evitare la distruzione di oltre 1000 anni di cultura e di conquiste dell'umanità, a rischio della loro stessa vita.

Approfondimento

MONUMENTS MEN: ISPIRATO A UNA STORIA VERA

Diretto da George Clooney e sceneggiato dall'attore/regista con Grant Heslov, Monuments Men si basa sull'omonimo libro di Robert M. Edsel e Bret Witter e si ispira alla storia vera di sette personaggi - direttori di musei, artisti, architetti, curatori e storici dell'arte - che presero parte durante la Seconda guerra mondiale ad una pericolosa missione per salvare i capolavori artistici mondiali, sottraendoli ai nazisti e restituendoli ai legittimi proprietari. A rischio della loro stessa vita e impegnandosi in prima persona al fronte, i sette si ritrovarono impegnati in una corsa contro il tempo per evitare che un immenso patrimonio artistico andasse distrutto per sempre.Spronati da un ideale superiore, spinti dalla consapevolezza che la cultura e l'arte non debbano mai essere minacciate e mossi da puro amore per il mondo dell'arte, i Monuments Men non si fermarono di fronte a nulla non solo per salvare opere d'arte,  - sculture, affreschi o quadri - dai furti dei nazisti ma anche dai bombardamenti degli alleati, che rischiavano di radere al suolo tutto ciò che incontravano. A muovere le loro azioni fu infatti la quasi distruzione dell'Ultima Cena di Leonardo da Vinci durante un bombardamento alleato nell'agosto del 1943.

I PERSONAGGI PRINCIPALI

Seppur basandosi su personaggi realmente esistiti, Clooney e Heslov hanno preferito prendersi qualche libertà nel tratteggiare i sette protagonisti di Monuments Men. Oltre a dirigere il film, Clooney ha riservato per sé il ruolo di Frank Stokes, storico dell'arte e restauratore presso il Fogg Museum. All'inizio della storia, Stokes è impegnato in un restauro quando, memore di quanto testimoniato da vicino durante la prima guerra mondiale, inizia a preoccuparsi delle conseguenze nel mondo dell'arte del secondo conflitto mondiale. Leader per natura, il personaggio di Stokes è ispirato allo storico dell'arte George Stout, in prima linea durante la guerra per salvare molti dei tesori culturali di Caen, Maastricht, Aquisgrana, e recuperare i capolavori custoditi nei depositi nazisti di Siegen, Heilbronn, Colonia, Merkers e Altaussee.Matt Damon, per la sesta volta al fianco di George Clooney, impersona il ruolo di James Granger, ispirato alla vera vita di James Rorimer, colui che in seguito divenne il direttore del Metropolitan Museum of Art di New York. Granger ha un particolare rapporto con Claire Simone, a cui presta il volto Cate Blanchett. Claire è la chiave per raggiungere molte migliaia di pezzi d'arte depredati dai nazisti e si ispira alla figura di Rose Valland, una dipendente della galleria Jeu de Paume di Parigi, trasformata in deposito per opere saccheggiate.
Bill Murray dà corpo all'architetto Richard Campbell, ispirato al vero architetto Rober Posey, che unendosi ai Monuments Men scoprì il magazzino allestito nella miniera di Altausee, dove i nazisti avevano nascosto, tra le altre, opere come il Polittico di Gand, la Madonna di Bruges e l'Astronomo di Vermeer.
John Goodman interpreta il ruolo di Walter Garfield, che ricorda il rinomato scultore Walker Hancock. Walter fa quasi sempre coppia con il personaggio di Jean Claude Clermont, con cui forma un rapporto di complicità da buddy movie. Impersonato da Jean Dujardin, Jean Claude è un mercante d'arte ebreo francese di Marsiglia, rifugiatosi a Londra con la sua famiglia e reclutato dai Monuments Men per le sue conoscenze artistiche.
Hugh Bonneville porta in scena Donald Jeffries, un uomo tutt'altro che perfetto ma in cerca di una seconda possibilità offertagli dall'arte, ovvero il suo primo amore. Il sesto componente del gruppo è dato dal dandy Preston Savitz, impersonato da Bob Balaban e ispirato al vero Lincoln Kirstein, un impresario americano di New York, esperto conoscitore d'arte e co-fondatore del New York City Ballet. All'interno dei Monuments Men i rapporti tra Savitz e Campbell non sono del tutto idilliaci ma rispettano ciò che realmente accadeva tra Kirstein e il capitano Posey.
Ultimo ma non meno importante "uomo dei monumenti" è infine Sam Epstein, ruolo che è appannaggio dell'attore Dimitri Leonidas. Non ancora diciannovenne, Epstein è l'unico vero soldto del gruppo ed è stato reclutato per le suecapacità di guidare e di parlare tedesco. Modello di ispirazione per il personaggio di Epstein è stato Harry Ettlinger, nato in Germania ma di fede ebraica ed emigrato in America con la famiglia.

146 SET DIVERSI E NUMEROSI FINTI D'AUTORE

Girato principalmente in Germania (ad eccezione di un paio di settimane in Inghilterrra), Monuments Men conta sul lavoro del direttore della fotografia Phedon Papamichael, dello scenografo Jim Bissell, del montatore Stephen Mirrione, della costumista Louise Frogley e del compositore Alexandre Desplat. Gli oltre 146 set realizzati rappresentano nel dettaglio location che si trovano in Germania, Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna, Belgio, Austria ed Italia, e includono specifiche chiese, cattedrali, musei, castelli, miniere, ospedali, aeroporti, basi militari, uffici e abitazioni.Diverse sono poi le opere d'arte riprodotte appositamente per il film. Tra i 6.577 dipinti, i 230 acquerelli e tratteggi, le 137 sculture, i 122 arazzi e i circa 1700 libri rari salvati dai Monuments Men, incommensurabile valore artistico e particolare significato hanno la Madonna di Bruges di Michelangelo e il Polittico di Gand realizzato dai Van Eyck.

Note

Come attore è evidente quanto George Clooney abbia amato il ruolo di carismatico soldato del sapere, dal fascinoso look anni 40. Peccato che, date le premesse e il cast, invece di avvolgere questa appassionante caccia al tesoro in un crescendo di suspense e tensione, il film metta in fila una serie di scene in rapida successione, intervallate da bozzetti inutili ai fini della storia e non c’è il tempo di affezionarsi a personaggi così abbozzati. Con tutti i suoi difetti, "Monuments Men" ha però il merito di puntare i riflettori su un aspetto ancora attuale del conflitto mondiale ed è un bene che sia un film popolare a raccontare che tra i molti crimini contro l’umanità di cui il nazismo è responsabile, la sottrazione della Bellezza è stato uno dei più odiosi. Adattamento dell'omonimo romanzo di Robert M. Edsel, ispirato a una storia vera.

Commenti (14) vedi tutti

  • Un'altra faccia della guerra...poco conosciuta ma eroica. Film interessante, piacevole, da vedere! 7.5

    commento di Bibi0075
  • Film documentario sulle opere d‘arte rubate dai Nazisti.. molto interessante.. non annoia mai.. regia e interpretazione ben riuscite.. voto 8

    commento di nicelady55
  • Tratto molto liberamente dal romanzo di Robert M. Edsel, il tema della storia (il recupero da parte degli alleati delle opere d'arte trafugate dai nazisti durante la II Guerra Mondiale) era decisamente interessante e anche con ottime potenzialità, grazie all'ottimo cast, ma George Clooney non riesce purtroppo a trovarne la giusta chiave di lettura.

    leggi la recensione completa di YellowBastard
  • Un George Clooney tuttofare eccede coi toni scanzonati nel raccontare una storia poco conosciuta ambientata durante il sanguinoso secondo conflitto mondiale.

    leggi la recensione completa di Fanny Sally
  • Penoso. Avevo aspettative alte soprattutto visto il cast. Che occasione sprecata... il film è davvero imbarazzante oltre che oltremodo noioso

    commento di Federichini
  • Dopo molti commenti negativi, ero scoraggiato dal comprare il dvd. Poi lo ho trovato ad un ottimo prezzo e ho seguito il mio istinto. Ma che noioso ed autocelebrativo ?!? È avvincente, intrigante, ed i personaggi sono ben descritti. Due ore piacevoli. Complimenti a Clooney regista !!!

    commento di buobao
  • Noioso, lungo, autocelebrativo. Cast stellare sprecato, inoltre non sa bene se essere d'azione, commedia o drammatico. Voto 5.

    commento di ezzo24
  • Ne abbiamo avuti anche in Italia sconosciuti eroi che pensavano che l’arte valesse più della vita di un uomo, ma nessun Clooney li ha ancora scoperti per farci un kolossal vecchia maniera.

    leggi la recensione completa di yume
  • Seconda guerra mondiale in pantofole.

    commento di movieman
  • Passo falso di George Clooney che mette troppa carne al fuoco in un'opera che voleva essere a un tempo film di guerra, storico, commedi e d'azione, ma che in ultima analisi manca malamente il bersaglio.

    leggi la recensione completa di marcopolo30
  • troppi passaggi in lingua originale, noioso non succede quasi mai nulla film piatto

    commento di raimea
  • Piatto piatto questo film,  a cominciare dai dialoghi

    commento di mau375
  • Un sacco di bravi attori sprecati in una storia inconsistente e così mal raccontata da renderla piatta e noiosa. Si salva qualche buon momento, sprattutto estetico, ma è troppo poco per renderlo un buon film.

    commento di NCC1701
  • A me personalmente è piaciuto molto, tratto da una storia vera, bravi gli attori e la storia è leggera e avvincente.

    commento di Lady1
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è negativa

EightAndHalf di EightAndHalf
4 stelle

Apprezzare l'arte sembra essere diventata un'azione di un qualunquismo e di una banalità che sfiorano l'abiezione. E' così dato per scontato questo "raggiungimento" culturale (parole di Clooney all'interno del film) che neanche c'è bisogno di dire il vero autore della celeberrima Pala di Gand, ovvero Jan van Eyck (che si intravede solo sotto l'immagine di un libro), forse perché avrebbe… leggi tutto

11 recensioni negative

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

supadany di supadany
5 stelle

Spesso e volentiersi, quando George Clooney si è cimentato alla regia, sono giunte piacevoli sorprese (soprattutto quando agli esordi in tanti non gli davano credito alcuno), questa volta invece accade l’opposto. Un progetto carico di elementi invitanti (obiettivi dei protagonisti, ambientazione, composizione del cast, mescolanza di generi) mediamente non sfruttati secondo il… leggi tutto

14 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

Lord Holy di Lord Holy
8 stelle

Pronto al peggio, istruito dalle critiche che lo stanno a dir poco stroncando, mi sono accostato al film con aspettative pressoché nulle. Rimasta era solo una flebile scintilla di curiosità per un soggetto che sulla carta vantava almeno uno spunto di potenziale originalità. In effetti posso ora testimoniare che è insolito, benché magari non tanto interessante quanto il progetto in teoria… leggi tutto

3 recensioni positive

2021
2021

Recensione

berkaal di berkaal
4 stelle

Hanno sparato in moltissimi su questo film. Pensavo che avrei finito per difenderlo, invece l'istinto è di procurarsi subito un'arma da fuoco, fosse anche a pietra focaia, per unirmi al plotone d'esecuzione. C'è un enorme difetto di fondo, che inficia ogni fotogramma: sono assolutamente sbagliati l'approccio, il registro, l'intenzione, il piglio. Il soggetto è splendido, e…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
2019
2019

Recensione

YellowBastard di YellowBastard
5 stelle

  Ho letto in molti commenti all'epoca che si lamentavano soprattutto del fatto che George Clooney, regista, sceneggiatore e quantunque produttore dello stesso, non fosse riuscito suo malgrado a dara un suo "tono" alla pellicola ma in realtà, almeno secondo il mio punto di vista, un suo tono il film invece ce l'ha eccome: purtroppo/forse è però quello…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 3 marzo 2019 su Nove
Trasmesso il 28 febbraio 2019 su Nove
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

Fanny Sally di Fanny Sally
5 stelle

Oltre all’abominevole distruzione di migliaia di vite umane la seconda guerra mondiale ha rappresentato un momento tragico anche per la sopravvivenza di monumenti e opere d’arte di tutta Europa. Tra bombardamenti a tappeto (condotti da entrambi gli schieramenti), isolamenti strategici di intere città e scontri a fuoco, i nazisti portarono avanti una meticolosa e inarrestabile…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Trasmesso il 5 gennaio 2019 su Focus
Trasmesso il 3 gennaio 2019 su Focus
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
2018
2018
Trasmesso il 22 dicembre 2018 su Iris
Trasmesso il 9 dicembre 2018 su Iris
Trasmesso il 7 dicembre 2018 su Iris
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Trasmesso il 7 ottobre 2018 su Rete 4

Recensione

Enrique di Enrique
6 stelle

https://www.youtube.com/watch?v=xuzHbvbEIxo&list=PL2lEMhX9H6tmO4OU8HA3vS0wuo1RN7JnS&index=1   Monuments Men è un film di astratta dignità (popolare più che artistica o, volendo, artistica solamente in quanto ad oggetto l’Arte e le sue opere), ma di fattuale discreta inconsistenza.   Nell’impegno di una corsa contro il tempo (che, salvo per…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
Trasmesso il 24 febbraio 2018 su Rsi La1
2017
2017
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 10 voti
vedi tutti

Recensione

luca826 di luca826
5 stelle

All'inizio sembra di vedere un 'diversamente' Ocean's Eleven, poi il film si sviluppa più 'seriamente' verso un intrattenimento impegnato e progressista. Non ho messo le virgolette a caso sulla parola seriamente perché il problema è lì (come afferma anche FILMTV), nell'indecisione dei registri espressivi, disorientando lo spettatore in fase empatica con il saltare da…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Trasmesso il 22 febbraio 2017 su Rete 4
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito