Trama

Resoconto della vita di Jiro Horikoshi, il progettista giapponese famoso per aver disegnato gli aerei da combattimento Mitsubishi A6M Zero usati dal suo paese durante l'attacco a Pearl Harbor nella Seconda guerra mondiale.

Approfondimento

SI ALZA IL VENTO: LA STORIA DI JIRO HORIKOSHI

Decimo lungometraggio per il cinema diretto dal genio dell'animazione nipponica Hayao Miyazaki, Si alza il vento racconta la vita di Jiro Horikoshi, l'uomo che ha disegnato gli aerei da combattimento usati dal Giappone durante la Seconda guerra mondiale. A spiegare la genesi delprogetto è direttamente il regista, in occasione della presentazione del film in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia 2013: «Il progettista dell'aereo da combattimento “Zero” Jiro Horikoshi e il suo predecessore italiano Gianni Caproni condividono una stessa aspirazione, uniti da un'amicizia che va oltre il tempo e lo spazio. I due devono affrontare numerosi insuccessi, mentre si dedicano interamente alla realizzazione dei loro sogni di gioventù.
Nel periodo Taisho della storia giapponese (1912-1926), un ragazzo di campagna decide di diventare ingegnere aeronautico. Sogna di costruire un aereo in grado di volteggiare come un vento meraviglioso.
Cresciuto, va a studiare a Tokyo e diventa un ingegnere di primo livello dell’enorme industria bellica giapponese. Il suo talento fiorisce, arrivando a creare un aereo meraviglioso che lascerà un segno nella
storia dell'aviazione: il Mitsubishi A6M1, più conosciuto come aereo da combattimento 'Zero'. Per tre anni, a partire dal 1940, 'Zero' è stato il miglior aereo caccia del mondo. Gli anni durante i quali il nostro protagonista passa dall'infanzia alla giovinezza sono contrassegnati da una sensazione di stasi: il terremoto di Kanto del 1923, la Grande Depressione, la disoccupazione, povertà e tubercolosi, rivoluzioni e fascismo, soppressione della libertà di parola, una guerra dopo l'altra. Intanto, nello stesso periodo, la cultura popolare fiorisce; si affermano modernismo e nichilismo, come pure l'edonismo. I poeti, lungo il loro cammino, restano vittime delle malattie e della morte.
Il nostro protagonista Jiro è impegnato a progettare aeroplani mentre l'Impero giapponese si avvia verso la sua distruzione e la sua fine definitiva.
È la storia di un individuo dedito al suo lavoro, che ha perseguito tenacemente il suo sogno. I sogni contengono un elemento di pazzia, e questo aspetto “velenoso” non può essere nascosto. Desiderare ardentemente qualcosa di troppo bello può distruggere. Accostarsi alla bellezza può richiedere un prezzo da pagare. Jiro sarà distrutto e sconfitto, la sua carriera di progettista interrotta, ma resta un uomo di grande originalità con un talento non comune.
Il titolo Si alza il vento è tratto da un omonimo racconto scritto da Tatsuo Hori. Hori aveva scelto una frase da una poesia di Paul Valéry, “Le vent se lève, il faut tenter de vivre”, e l'aveva tradotta in giapponese: Kaze tachinu, iza ikimeyamo (Si alza il vento. Dobbiamo provare a vivere). Il nostro film mette insieme Jiro Horikoshi e lo scrittore Tatsuo Hori, due persone reali vissute nello stesso periodo, facendone un solo individuo, “Jiro”, il nostro protagonista. È un'opera inusuale di assoluta finzione che descrive la gioventù giapponese degli anni '30. La nascita dell'aereo da combattimento 'Zero', e l'incontro e la separazione del giovane ingegnere Jiro e della bella e sfortunata Nahoko. Questa è la nostra storia. Il buon vecchio Caproni, superando le barriere dello spazio e del tempo, servirà ad aggiungere un po' di colore al racconto».

 

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Il testamento artistico di Miyazaki, che per la sesta e (pare) ultima volta ha annunciato il suo ritiro, è la catarsi irrisolta, autobiografica e trasudante umanità di un pacifista che ammira la bellezza degli aerei da guerra, di un privilegiato che, al contrario di quasi tutti i suoi concittadini, non ha vissuto gli stenti della guerra. Si alza il vento è il modo più doloroso per dire addio a un genio che sceglie la pensione; ma, come insegna il film, «dobbiamo provare a vivere».

Commenti (5) vedi tutti

  • Aspettando il "brucoso" progetto di Hayao Miyazaki, approfondisco di un po' la mia considerazione sul suo ultimo lavoro, uscito al cinema oramai più di quattro anni fa.

    leggi la recensione completa di Genga009
  • Un altro capolavoro di Myazaki, un film meraviglioso che non potete perdervi. E' il film che unisce un po' tutta la poetica di un autore che io reputo più che regista un vero e proprio poeta, perché il cinema di Myazaki per me è poesia pura.

    leggi la recensione completa di ClintZone
  • Fluido scorrere di immagini animate da un pensiero che parla del sogno di un bambino che ama il volo degli aerei e di un uomo che spende la sua vita per quel sogno.

    leggi la recensione completa di yume
  • Miyazaki non si discute. La perfezione del disegno e la cura della storia ne fanno sicuramente il più grande del disegno animato vecchio stampo. La storia cerca la storia, e non una favola, e fa riflettere sulle dinamiche dell'industria bellica, attraverso la vita di un personaggio giapponese realmente esistito.

    commento di slim spaccabecco
  • Un bellissimo film introspettivo che comunica tanto facendolo in un modo astratto:un misto di sogno e dura realtà. Uno dei migliori film di Miyazaki che ci lascia con questo suo ultimo capolavoro. Bellissimo

    commento di Augusto_A
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

EightAndHalf di EightAndHalf
9 stelle

Bisogna tentare di vivere, secondo Valéry, ma è più vero di quel "vivere è una cosa bellissima" che pronuncia la bellissima Nahoko esattamente a metà pellicola? Sono due consapevolezze che si scontrano, pur condividendo la vita e le sue brutture, i suoi movimenti che impennano verso l'alto, verso lo splendore, e quelli che ripiegano nella direzione del disgusto… leggi tutto

31 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

alan smithee di alan smithee
6 stelle

FESTIVAL DI VENEZIA 2013 - VENEZIA 70 L'ultima fatica del famoso maestro giapponese Miyazaki (che parebbe davvero proprio l'ultima, a sentire le dichiarazioni del celebre disegnatore ormai ultrasettantenne - un ragazzino lo definirebbe Manoel de Oliveira) ci porta indietro agli albori della tecnica del volo, e dunque agli albori del secolo più fertile per lo sviluppo tecnologico della nostra… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

KubrickNonèDio di KubrickNonèDio
1 stelle

Il film più prolisso di Miyazaki che pretende pure di trattare una biografia con un film d'animazione  che dovrebbe essere un genere per bimbi e invece sti orrendi film giapponesi vogliono far passare come cinema per adulti. La trama è innestinte e non coinvolge, i disegni saranno belli ma ad ogni inquadatura si capisce che l'uso dell'animazione per questo tipo di racconto… leggi tutto

1 recensioni negative

2019
2019
2018
2018
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

Antisistema di Antisistema
9 stelle

Con "Si Alza il Vento" (2013), concludo il ciclo di recensioni dedicati ai film di Miyazaki, di cui ora i lettori avranno in mente tutte le basi per poterne approfondire la sua figura e la poetica. Seppur difficile, non è raro per un artista realizzare una o due opere di alto livello, ripetersi nel tempo però è tutt'altra cosa, figurarsi poi concludere in bellezza la…

leggi tutto

Recensione

Genga009 di Genga009
8 stelle

Se Isao Takahata ha da sempre descritto la realtà con una fedeltà storico-geografica impressionante, Hayao Miyazaki, invece, l'ha sempre raccontata usando più la fantasia come espediente. Eppure, con Si alza il vento, il Maestro plasma una trama che percorre, quasi come il romanzo da cui è tratta l'opera, la vita di Jiro Horikoshi, un progettista di aerei da…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 9 maggio 2018 su Rsi La1

Recensione

ClintZone di ClintZone
10 stelle

Che Myazaki sia uno dei più grandi registi del cinema d'animazione, se non il più grande autore del cinema d'animazione di tutti i tempi è fuori discussione.  Myazaki è stato autore di capolavori veri e propri che mi hanno fatto letteralmente innamorare del suo cinema.  Ecco, il cinema d'animazione di Myazaki io non lo reputo neanche cinema, io reputo…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
2017
2017
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2016
2016
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito