Espandi menu
cerca
Si alza il vento

Regia di Hayao Miyazaki vedi scheda film

Recensioni

L'autore

ethan

ethan

Iscritto dal 21 luglio 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 150
  • Post -
  • Recensioni 1544
  • Playlist 7
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Si alza il vento

di ethan
8 stelle

Jiro, nel Giappone del 1918, è un ragazzo che sogna di diventare pilota di aerei ma a causa della miopia di cui soffre sarà costretto subito ad abbandonare questa che per lui rimarrà un'utopia, rifacendosi però diventando un progettista di velivoli che, tanti anni dopo, verranno usati, con suo grande rammarico dall'esercito nipponico nella Seconda Guerra Mondiale. La sua storia personale si intreccia a quella di Nahoko, conosciuta per caso quando era ancora solo uno studente, durante un viaggio in treno e subito soccorsa per le conseguenze di un terremoto, e ritrovata, ancora piuttosto casualmente, dopo molto tempo, quando era ormai immerso nel lavoro, finendo per innamorarsene, corrisposto dalla ragazza, ma la cui storia è minacciata dalla grave malattia di cui è affetta.

'Si alza il vento', titolo tratto da un verso di una poesia di Paul Valery, che continua con ''Bisogna tentare di vivere'', è il testamento cinematografico di Hayao Miyazaki, che dirige quello che, a mio modesto parere, è tra i suoi film più belli e compiuti in assoluto: curatissimo come al solito negli eleganti disegni, sia degli sfondi sia dei personaggi, tratteggiati con lineamenti occidentali, immerso in atmosfere che alternano parti per così dire più realistiche – tutte quelle relative alla professione di Jiro, coltivata con fervente passione, impegno assiduo e notevoli capacità creative – a parentesi di pura poesia, incentrate sulla toccante e contrastata (dal destino) storia d'amore tra i due protagonisti, per passare a splendidi siparietti onirici, intrisi di ironia, dove Jiro incontra colui che è la sua fonte d'ispirazione fin dall'infanzia, ossia il progettista italiano Caproni, ricorrente più volte nell'arco narrativo, in veste di coscienza critica e per fare ogni volta il punto della situazione, avendo con lui illuminanti colloqui sulla loro comune passione, 'Kaze Tachinu' è un'ulteriore dimostrazione dello smisurato talento del maestro giapponese, dove i temi portanti del suo cinema – il volo, la guerra, vista come uno spettro che ha segnato il destino del suo paese, la natura, rappresentata in maniera ambivalente, tanto nel suo splendore quanto nella cupezza del suo manifestarsi in maniera improvvisa e violenta (la stupenda scena dell'anzidetto terremoto, sottolineato dal sonoro e dai colori rossastri) – arrivano a fondersi ed amalgamarsi in un racconto solcato da pagine di cinema di struggente bellezza e magia, dove ogni elemento – personaggi secondari compresi e la musica del fidato Joe Hisaishi - si incastra alla perfezione.

Voto: 8,5 (v.o.s.).

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati