Trama

Marina, una ragazza di ventitrè anni, vive con il padre, un architetto, in una città industriale sperimentale sul mare. Trovando la specie umana strana e repellente, se ne tiene lontana. Invece la osserva testardamente attraverso le canzoni dei Suicide, la serie di documentari sui mammiferi di Sir David Attenborough e le lezioni di educazione sessuale impartite dalla sua unica amica, Bella. Uno sconosciuto arriva in città e la sfida a una gara di subbuteo. Suo padre intanto si prepara ritualisticamente a lasciare il XX secolo, che considera “sopravvalutato”. Invischiata tra i due uomini e Bella, la sua aiutante, Marina indaga i meravigliosi misteri della fauna umana.

Commenti (2) vedi tutti

  • Con qualche simbolismo di troppo rimane un gran bel film con un rapporto padre-figlia intimo e profondo....assolutamente da non perdere.

    commento di ezio
  • Non bastano i Suicide per sollevare questa noiosissima autopsia di una coppia padre/figlia in una Grecia "che ha saltato l'età industriale tutta insieme: dalle pecore ai bulldozer". Lui si appresta a farsi cremare e lei prende spunto dai doc di Attenborough per mettere in scena dei ridicoli passi di danza con l'unica amica e scoprire il sesso.

    commento di tricker
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

OGM di OGM
8 stelle

Una rivoluzione ha saltato a piè pari gli stadi intermedi dell’evoluzione. È accaduto in Grecia, un Paese che è passato direttamente dai pastori ai bulldozer, da una cultura rurale ad un’economia basata in buona parte sull’edilizia, senza transitare per l’era industriale. È come se la nostra specie venisse catapultata dalla primitività degli istinti all’intellettualismo più… leggi tutto

4 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

Kurtisonic di Kurtisonic
6 stelle

La vitalità del cinema greco contemporaneo è sorretta da un gruppo di autori che dimostrano di saper lavorare su di un asse linguistico comune, come quello di trattare storie dalle caratteristiche piuttosto estreme. La regista Athina Rachel Tsangari con Attenberg si allinea alla tendenza di un cinema marginalizzato (ma affatto marginale) che si propone un’operazione… leggi tutto

3 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

bradipo68 di bradipo68
4 stelle

Attenberg è un film che per essere compreso (almeno in parte!) per prima cosa deve essere contestualizzato. E' l'opera seconda di Athina Rachel Tsangari, già produttrice di titoli come Kynodontas e Kinetta, pellicole dirette da Giorgios Lanthimos, nome di punta del nuovo cinema greco da esportazione, che qui recita nella parte dell'ingegnere che cerca di iniziare alle gioie del sesso la… leggi tutto

1 recensioni negative

2019
2019

Recensione

mm40 di mm40
6 stelle

Nei suoi ultimi giorni di vita, in ospedale un uomo detta le sue volontà alla figlia Marina, poco più che ventenne; il rapporto fra i due, persone molto schiette, è stretto tanto quello che la ragazza ha con la sua migliore amica, la ninfomane Bella. Marina, vergine e solitaria, decide intanto di volersi liberare del peso della prima volta. Athina Rachel Tsangari…

leggi tutto
2018
2018
2015
2015

Recensione

maurizio73 di maurizio73
6 stelle

Figlia di un architetto affetto da un mare incurabile con cui convive nell'assenza di una figura materna, la giovane Marina è una ragazza introversa che non ha mai avvicinato gli uomini e che vive una relazione morbosa ed infantile con la più disinvolta e spregiudicata amica Bella. Allorquando si avvicina la fine per il genitore, la ragazza manifesta i sintomi di un disagio e di…

leggi tutto

Recensione

Kurtisonic di Kurtisonic
6 stelle

La vitalità del cinema greco contemporaneo è sorretta da un gruppo di autori che dimostrano di saper lavorare su di un asse linguistico comune, come quello di trattare storie dalle caratteristiche piuttosto estreme. La regista Athina Rachel Tsangari con Attenberg si allinea alla tendenza di un cinema marginalizzato (ma affatto marginale) che si propone un’operazione…

leggi tutto

Recensione

Mulligan71 di Mulligan71
7 stelle

Marina è un animale, un mammifero asociale, che vive fuori dal branco, con un padre malato di cancro e un'amica del cuore, con cui si annusa e attraverso cui annusa la vita. Come il titolo del film, "Attenberg", nome storpiato di Sir Richard Attenborough, famoso documentarista britannico, così il "documentario" della Tsangari cresce storto attorno alla figura della protagonista,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
2014
2014

Recensione

ohdaesoo di ohdaesoo
8 stelle

Mi prendo la responsabilità di quello che dico. Non è una trilogia ma per me lo è. Chiamatela La Trilogia del Padre, chiamatela la Trilogia dell'Educazione, chiamatela la Trilogia del Misantropo o chiamatela semplicemente la Trilogia Greca, fatto sta che da oggi per me questa una trilogia sarà. Dogtooth di Lanthimos Miss Violence di Avranas Attenberg della Tsangari …

leggi tutto
2013
2013

Recensione

alan smithee di alan smithee
8 stelle

Si respira l'aria severa e allo stesso tempo bizzarra ma irresistibilmente attraente, sessualmente languida e mortifera che abbiamo incontrato nei film fino ad ora visti di Giorgios Lanthimos. Che guarda un po' figura pure tra gli interpreti di questo strano ma riuscitissimo film della Tsangari, nel ruolo del padre ingegnere malato terminale della protagonista ventitreenne Marina. Una ragazza…

leggi tutto
2012
2012

Recensione

OGM di OGM
8 stelle

Una rivoluzione ha saltato a piè pari gli stadi intermedi dell’evoluzione. È accaduto in Grecia, un Paese che è passato direttamente dai pastori ai bulldozer, da una cultura rurale ad un’economia basata in buona parte sull’edilizia, senza transitare per l’era industriale. È come se la nostra specie venisse catapultata dalla primitività degli istinti all’intellettualismo più…

leggi tutto

Recensione

bradipo68 di bradipo68
4 stelle

Attenberg è un film che per essere compreso (almeno in parte!) per prima cosa deve essere contestualizzato. E' l'opera seconda di Athina Rachel Tsangari, già produttrice di titoli come Kynodontas e Kinetta, pellicole dirette da Giorgios Lanthimos, nome di punta del nuovo cinema greco da esportazione, che qui recita nella parte dell'ingegnere che cerca di iniziare alle gioie del sesso la…

leggi tutto
2011
2011
2010
2010
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

VENEZIA 2010

joe cavana di joe cavana

Premesso che non sono preparato, perchè non ho seguito molto il festival (a parte seguire un pò il bravissimo Magrelli e la bella Rocca su RaiMovie, che ha seguito la mostra in maniera più che…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito