Espandi menu
cerca
Una donna senza amore

Regia di Luis Buñuel vedi scheda film

Recensioni

L'autore

jonas

jonas

Iscritto dal 14 gennaio 2008 Vai al suo profilo
  • Seguaci 161
  • Post -
  • Recensioni 2635
  • Playlist 14
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Una donna senza amore

di jonas
8 stelle

La giovane moglie di un antiquario, che la tratta come un oggetto, ha una relazione con un ingegnere: progetta di fuggire con lui in Brasile, ma all’ultimo momento rinuncia per non abbandonare il marito malato e il figlio piccolo. Anni dopo i figli sono diventati due, entrambi laureati in medicina; dal Brasile arriva la notizia che l’ingegnere è morto lasciando una fortuna in eredità al minore, che così potrà aprire una clinica privata, suscitando la gelosia del maggiore (alimentata anche da un’infermiera maligna). Ispirato a Pierre e Jean di Maupassant, o meglio al film che Cayatte ne aveva tratto nel 1943, è un potente melodramma con un intreccio di passioni forti. Protagonista è la donna, che (come da titolo) ha sacrificato l’unico amore della sua vita, ha sempre sofferto in silenzio e solo alla fine, rimasta vedova, può tirare fuori dalla cassapanca la foto dell’ingegnere ed esporla in bella vista sul camino nell’attesa della fine. Ma è notevole anche il figlio maggiore, che a un certo punto comincia a comportarsi come Amleto, buttando là allusioni cattive; e c’è una simil Ofelia che gli preferisce il fratello minore, accentuando così il suo disprezzo per le donne. Buñuel ha dichiarato ripetutamente di considerarlo il suo film peggiore, e come al solito non si sa mai quanto prendere sul serio le sue parole: se era sincero, si può dire tranquillamente che sbagliava.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati