Trama

Roma, 1978: Chiara diventa la "vivandaia" di Aldo Moro dopo il suo sequestro da parte delle Brigate Rosse. La ragazza fatica a conciliare la lotta armata con la vita di tutti i giorni, fatta di lavoro, fidanzato e rapporti con familiari, amici e colleghi.

Note

Tutto costruito sul "privato" della protagonista (la giovane brigatista che vive la schizofrenica doppia esistenza di impiegata e carceriera/carcerata), sulle silenziose relazioni che si intrecciano nella casa di via Gradoli (corpi che si appoggiano a dormire di fianco a lei nel letto, la presenza fantasmatica rinchiusa nell'anfratto nel muro, la sua voce, il gatto, i canarini, il terrore degli occhi dei vicini), _Buongiorno, notte_ ci racconta forse molto di più sull'oggi che su quel particolare momento della nostra storia. Con le sue sfilate di politici, ripresi dai servizi televisivi dell'epoca, con i suoi cenni di televisione-spazzatura (che proprio in quegli anni cominciò a rodere i nostri cervelli), e soprattutto con la sua privata ostinazione, con il suo "fuori" angosciante e minaccioso (le due sequenze al Ministero, tra scale e ascensori, che fotografano l'aria e la paura che si respiravano), descrive i germi che si sono insinuati nella nostra realtà e indica con chiarezza chi li ha seminati. Come in _L'ora di religione_, per Bellocchio l'unica via di sopravvivenza è tracciata dal sogno: Moro/Herlitzka, che si ostina ad andarsene libero nell'immaginazione di Chiara, ha la stessa espressione di Castellitto che ritrova la propria libertà nel finale di quel film. Questi fantasmi hanno qualcosa da insegnarci.

Commenti (22) vedi tutti

  • Buongiorno, notte. Il rapporto con gli oggetti: una lettura spietata del terrorismo.

    leggi la recensione completa di H Bakshi
  • Nelle note c'è un errore: il luogo della prigionia di Moro è stato VIA MONTALCINI! In via Gradoli c'era solo una residenza di Mario Moretti (ed armi delle BR) e non c'entra nulla col rapimento.

    commento di ForestOne
  • Una riscrittura, a tratti onirica ma certamente toccante e di grande forza, dei 55 giorni più bui della Repubblica Italiana. Purtroppo quella che da molti viene definita “la notte della Repubblica” non risulterà la figlia unica del terrorismo dell’estrema sinistra.

    leggi la recensione completa di michemar
  • Aver concentrato l'attenzione sui terroristi e sulla casa-prigione non permette una chiara rivisitazione dei fatti; però, è un importante a uno degli avvenimenti più controversi della storia contemporanea italiana.

    commento di Arpo05
  • Il film che fa capire qualcosa degli anni di piombo senza ricorrere alla rigida rappresentazione dei fatti, ma che invece usa la creatività e l'acume dell'artista.

    leggi la recensione completa di Kurtisonic
  • La prigionia di Moro attraverso i suoi rapitori è un operazione tanto rischiosa, quanto interessante. E ci voleva proprio un regista intelligente come Bellocchio per renderla un film denso e solido.

    commento di Utente rimosso (Luke Vacant)
  • Bel film

    commento di antonio de curtis
  • Un’opera politica (imparziale), storica (ben ricostruita, anche grazie ai tg di allora), agghiacciante (voto 8).

    commento di Carrels
  • Capolavoro assoluto, Bellocchio e' un genio, Maya Sansa divina.

    commento di ligeti
  • Più un film-tv che un film di Bellocchio. La protagonista è la dolce-terribile brigatista ma il personaggio non è credibile, sembra preso in prestito da una fiction!

    commento di sonicyouth
  • Buon film, interpretazioni sopra le righe. Voto 7 1/2

    commento di alex77
  • VOTO 7 PENA DI MORTE per gli assassini delle brigate rosse.hanno la testa piena di stronzate.il film è bello,gli attori quasi tutti scadenti

    commento di arcarsenal
  • Splendido racconto sul caso Aldo Moro, ben interpretato ma sopratutto ben sceneggiato. voto 7.5 (ma meriterebbe anche di più)

    commento di Mo_Cuishle
  • 7.5

    commento di nico80
  • 8,5

    commento di incallito
  • capolavoro

    commento di bickle
  • c'è qualcosa che non mi convince, ma il film è bello sopratutto perchè visto da un punto di vista particolare.

    commento di Dr.Lynch
  • Orribile, come L'ora di religione. Scontato, banale, retorico, inutile.

    commento di tikida
  • Un film emozionante, forse non bellissimo come "L'ora di religione", ma altrettanto denso di significati e necessario. Sa colpirti allo stomaco, ma con delicatezza. Da non perdere.

    commento di Moritz
  • Ottimi intenti, ma il film risulta di stampo troppo televisivo e la storia è inverosimile. gradevole, ma non coinvolgente.

    commento di dr.enacoid
  • Un film splendido che mi ha colpito al cuore e che mi ha fatto soffrire e commuvere per l'assurdo omicidio di Aldo Moro. Bravo Bellocchio.

    commento di florentia viola
  • tanti pugni nello stomaco. intenso, forte,vero. c'è poca politica è vero e ci sono solo individui che si confrontano, che fingono, che soffrono. è un film che fa soffrire perchè scava dentro.

    commento di manù
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

Kurtisonic di Kurtisonic
8 stelle

Per un periodo ancora piuttosto oscuro come quello degli anni di piombo che ha contraddistinto la storia del nostro paese dai primi anni settanta alla prima metà degli ottanta, il cinema ha riservato un'attenzione che non può ancora oggi dirsi compiuta. Nonostante una serie di film che con efficacia ha cercato di affrontare il tema e di descrivere il malessere profondo che ha… leggi tutto

66 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

alexio350 di alexio350
6 stelle

Il rapimento e l'uccisione di Aldo Moro da parte delle Brigate Rosse resta uno degli episodi più cruenti degli anni di piombo, su cui a distanza di anni pare ci sia ancora molto da dire e da discutere. Argomento di estrema complessità per le valutazioni positive o no sulla figura politica di Moro; per le lettere giudicate da alcuni esecrabili che egli scrisse durante la prigionia,… leggi tutto

12 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

Huppert di Huppert
4 stelle

La chioma della prima domanda che piomba addosso è: perché prendere "in prestito" il titolo (che poi non è un titolo, perché le poesie di Emily non avevano titolo) di una delle splendenti e acquatiche gemme eterne di una delle massime poetesse di tutti i tempi? Lo stesso Marco Bellocchio ha detto che il film è impregnato di un' "atmosfera alla Emily Dickinson". Sinceramente, l' unica… leggi tutto

11 recensioni negative

2018
2018
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

H Bakshi di H Bakshi
9 stelle

Per la mia generazione, la figura di Aldo Moro ha due volti.  Il primo è quello attuale-ufficiale, di un martire il cui sacrificio ha segnato il punto critico dopo il quale il brigatismo rosso, con i suoi proclami, le sue minacce e soprattutto la sua intolleranza, è finito nella pattumiera della storia. Il secondo volto è una vaga percezione, quasi un deja-vu, di…

leggi tutto
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 8 voti
vedi tutti
Trasmesso il 12 maggio 2018 su Rai Storia
Trasmesso il 9 maggio 2018 su Rai Movie
Trasmesso il 7 maggio 2018 su Rai Storia
Trasmesso il 6 maggio 2018 su Rai Storia
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 28 febbraio 2018 su Rai Movie
2017
2017

Recensione

Kurtisonic di Kurtisonic
8 stelle

Per un periodo ancora piuttosto oscuro come quello degli anni di piombo che ha contraddistinto la storia del nostro paese dai primi anni settanta alla prima metà degli ottanta, il cinema ha riservato un'attenzione che non può ancora oggi dirsi compiuta. Nonostante una serie di film che con efficacia ha cercato di affrontare il tema e di descrivere il malessere profondo che ha…

leggi tutto
Recensione
Utile per 16 utenti

Piango, evviva!

karugnin di karugnin

Qualche giorno fa lessi la bella e accorata recensione di @Badu D Shinya Lynch su "Der Freie Wille": fui talmente colpito dall'intensità del suo coinvolgimento emotivo che procurai di vedere il film il giorno…

leggi tutto
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

alexio350 di alexio350
6 stelle

Il rapimento e l'uccisione di Aldo Moro da parte delle Brigate Rosse resta uno degli episodi più cruenti degli anni di piombo, su cui a distanza di anni pare ci sia ancora molto da dire e da discutere. Argomento di estrema complessità per le valutazioni positive o no sulla figura politica di Moro; per le lettere giudicate da alcuni esecrabili che egli scrisse durante la prigionia,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
2016
2016
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Addii

supadany di supadany

Tutto ciò che è bello è destinato ad avere una fine. Quando rimane fuori dalla nostra visuale non è (sempre) un problema, ma il più delle volte ci ritroviamo a doverci fare i conti,…

leggi tutto
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Aldo Moro e il 1978

MarioC di MarioC

Ci sono anni che sono uno spartiacque, per un uomo ma anche per una nazione. Quando l’evenienza cronologica coincide, risulterà perdonabile qualche concessione al ricordo personale, prima del necessario e…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito