Espandi menu
cerca

Full Time - Al cento per cento

play

Regia di Eric Gravel

Con Laure Calamy, Lucie Gallo, Cyril Masson, Olivier Faliez Vedi cast completo

  • In TV
  • Sky Cinema Drama
  • canale 308
  • Ore 21:00
Altre VISIONI

Trama

Decisa a fare il possibile per crescere i suoi due figli in campagna, Julie lavora nel frattempo in un lussuoso albergo parigino. Quando ottiene finalmente un colloquio per un lavoro nel quale aveva da tempo riposto le proprie speranze, scoppia uno sciopero nazionale che paralizza il sistema dei trasporti pubblici. Il precario equilibrio che la donna ha costruito è messo a repentaglio. Julie ingaggia quindi una corsa frenetica contro il tempo, rischiando di vacillare.

Curiosità

INTERVISTA AL REGISTA

Al cento per cento inizia con un rumore, il respiro della protagonista Julie mentre dorme...

L'idea era di svelare il personaggio gradualmente, da una prospettiva intima, in maniera macroscopica e sensoriale, con questo respiro profondo che ci avvolge, facendoci sapere che saremo al suo fianco per tutto il film. Incredibilmente vicini al suo respiro, alla grana stessa della sua pelle. Inoltre, è un momento di calma prima della tempesta. In effetti, Al cento per cento è come una lunga spinta in avanti e la prima scena precede il costante movimento che ne consegue. Siamo in pratica nell'unico momento in cui Julie è a riposo, quell'attimo unico e transitorio in cui può ricaricare le batterie. Dopo, non ci saranno più tregue per lei. Attraverso la storia di questa donna, sola con i suoi figli, sollevo la questione del ritmo della nostra vita e delle nostre lotte quotidiane. Proprio come Julie, vivo in campagna. Volevo parlare dei miei vicini, delle persone che vedo ogni giorno in treno che tentano di vivere lontano dalla capitale per avere una migliore qualità di vita. Si tratta di un equilibrio difficile da trovare e non tutti ci riescono.

Ha scritto la sceneggiatura avendo in mente Laure Calamy come protagonista?

No. Mentre scrivevo, non avevo in mente nessuna attrice. Ma, quando ho cominciato a pensare a chi avrebbe potuto interpretare la protagonista, Laure mi è sembrata perfetta. È un'attrice eccezionale, che sa spaziare da un genere all'altro eccellendo sia nella commedia sia nel dramma. La scintilla che Laure infonde sempre ai suoi personaggi ha portato un equilibrio a Julie, facendole mantenere una certa compostezza nonostante il difficile incantesimo che sta attraversando. Sappiamo molto poco di Julie se non che è costretta da un giorno all'altro a pensare incessantemente a come far funzionare le cose. Laure è un'attrice e una donna piena di vita e il che ha reso interessante metterla nei panni di una donna che sta attraversando un momento caotico, quello che gli americani riassumerebbero con l'espressione "la tempesta perfetta", a cui trovare soluzione.

L'ambiente lavorativo è importante nel suo film. Com'è che ha scelto il lavoro di governante in un hotel di lusso?

Volevo che la protagonista avesse un lavoro che fosse fisico, un lavoro per cui non ci si ferma mai anche quando c'è uno sciopero nazionale. E poi mi interessava che ripetesse ogni giorno gli stessi gesti, sia al lavoro sia a casa, come in una sorta di moto perpetuo. Il suo lavoro mi permette anche di mostrare fino a che punto Julie sia attaccata alle prestazioni e alla perfezione. La posizione di prima cameriera in un hotel di lusso non è semplice. Ci sono competenze e conoscenze specifiche in ballo, compiti precisi, gesti e codici da rispettare. Il risultato deve essere perfetto e il lavoro svolto impeccabile. Laure e le altre attrici, prima delle riprese, si sono unite a un turno di pulizie in un albergo per farsi spiegare dalle inservienti il loro lavoro passo dopo passo.

Il contesto sociale è altrettanto essenziale.

Sì, il film si svolge durante un massiccio sciopero nazionale che si estende a tutti i settori. Volevo che nella storia fossero presenti sia le lotte individuali sia quelle collettive che, pur seguendo percorsi paralleli, sono collegati e conseguenze le une delle altre. Julie è a un punto cieco della società, appartiene a una categoria di lavoratori vulnerabili per i quali scioperare o avere altre forme di rappresentanza è praticamente impossibile.

Commenti (4) vedi tutti

  • "Full Time" di Eric Gravel è un film che ha la sua forza nel come il fuori campo agisce in maniera decisa sul passo svelto della protagonista. Di fatto, i ritmi forsennati di Julie si fanno specchio di quelle stesse modalità di organizzazione del lavoro contro cui gli addetti al trasporto pubblico stanno facendo lo sciopero che rimane sullo sfondo.

    commento di Peppe Comune
  • La storia di una mamma separata, con due figli. Una vita tutta di corsa fra mille problemi. voto 6

    leggi la recensione completa di filmista
  • Beato il tempo che non ha bisogno di eroi, ma non è il nostro

    leggi la recensione completa di yume
  • Cinepresa attaccata alla protagonista, anche quando dorme. La metropoli disumana e ostile. Anche il meteo fà la sua parte. Poi però qualche spiraglio di sole per questa mamma combattiva che rischia di soccombere di fronte alle difficoltà della sua esistenza. Un bel film. Bravissima la protagonista.

    commento di bobino
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

yume di yume
8 stelle

Il tempo pieno della povera Julie (una dolce e forte  Laure Calamy che nemmeno le bombe farebbero arrendere) non è l’opzione lavorativa per cui uno guadagna anche di più che se scegliesse il part time. Full time è la sua giornata scandita da sveglia, colazione dei due figli (7/8 anni circa) consegna ad una pseudo baby sitter di età indefinibile ma ultra… leggi tutto

4 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

filmista di filmista
6 stelle

Non e' certo un'idea nuova quella di questo film.  Una donna deve crescere due figli da sola.  L'ex compagno deve pagare gli alimenti, ma non si fa mai trovare.  Una colonna sonora frenetica, che tiene il passo della protagonista.  Laure Calamy e' l'unica protagonista del film,  sempre di corsa, per il lavoro fuori mano, per i figli lasciati in custodia ad una… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

2022
2022

Recensione

barabbovich di barabbovich
7 stelle

Julie (Calamy) è una donna separata, con due figli piccoli a carico e un impiego, come governante in un albergo a cinque stelle, lontanissimo dalla sua qualifica e dal suo titolo di studio. Il suo quotidiano è una condizione emergenziale permanente, resa ancora più difficile dalle settimane di scioperi dei trasporti che agitano Parigi, la città che - dall'hinterland a…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

filmista di filmista
6 stelle

Non e' certo un'idea nuova quella di questo film.  Una donna deve crescere due figli da sola.  L'ex compagno deve pagare gli alimenti, ma non si fa mai trovare.  Una colonna sonora frenetica, che tiene il passo della protagonista.  Laure Calamy e' l'unica protagonista del film,  sempre di corsa, per il lavoro fuori mano, per i figli lasciati in custodia ad una…

leggi tutto
Recensione

Recensione

yume di yume
8 stelle

Il tempo pieno della povera Julie (una dolce e forte  Laure Calamy che nemmeno le bombe farebbero arrendere) non è l’opzione lavorativa per cui uno guadagna anche di più che se scegliesse il part time. Full time è la sua giornata scandita da sveglia, colazione dei due figli (7/8 anni circa) consegna ad una pseudo baby sitter di età indefinibile ma ultra…

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 28 marzo 2022
locandina
Foto
2021
2021

I Magnifici del 2021

port cros di port cros

Il 2021 finisce e abbiamo ancora il Covid-19 in mezzo ai coglioni, scusate il francesismo, e al cinema bisogna andare con il Super Green Pass e la mascherina FFP2. Alla fine del 2022 potremo dire di essercelo lasciato…

leggi tutto
Playlist

Venezia 2021: i magnifici 8

port cros di port cros

A qualche giorno dal mio rientro dalla 78ma Mostra, a cui ho partecipato dal 31 agosto al 5 settembre 2021, ecco la lista degli otto migliori film, quelli a cui ho concesso almeno le tre stelle e mezza di valutazione.…

leggi tutto
Playlist

Recensione

port cros di port cros
8 stelle

78ma MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA 2021 – ORIZZONTI   La guerra quotidiana di una madre single per conciliare figli e lavoro, con gli scioperi selvaggi del trasporto pubblico che rendono un'impresa impossibile il pendolarismo tra la banlieu dove abita a ed il centro parigino ove è situato il prestigioso hotel dove svolge le funzioni di coordinatrice della cameriere di…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

alan smithee di alan smithee
7 stelle

FESTIVAL DI VENEZIA 78 - ORIZZONTI Il matrimonio felice, la casa in periferia a beneficio di una vita sana che tuteli la salute dei figli bambini. Poi però qualcosa va storto, al punto da imbatterci nella tenace Julie, donna separata da un ex marito che non si fa trovare né rispetta i doveri di mantenimento dei minori, mentre si affanna a recarsi al lavoro nell'hotel di lusso al…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti
locandina
Foto
Venezia 2021: Giorno 2

Venezia 2021: Giorno 2

Continua il nostro viaggio alla scoperta dei titoli presentati alla 78ma Mostra del Cinema di Venezia. In concorso, scende in campo il primo degli italiani:… segue

Post
Laure Calamy
Foto
2020
2020
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito