Espandi menu
cerca

Trama

Léa, Marc, Karine e Francis sono due coppie di amici di vecchia data. Ognuno di loro riveste un ruolo ben determinato per l'armonia del gruppo ma tutto si incrina quando Léa, la più discreta di loro, rivela di aver scritto un romanzo, che ben presto si trasforma in un bestseller. Lungi dal rallegrarsi, gli altri si lasciano andare a piccole gelosie e grandi vigliaccherie che lasciano emergere come tra amici non sempre la felicità di uno sia condivisa dagli altri.

Approfondimento

LA FELICITÀ DEGLI ALTRI: IL PESO DELL'ALTRUI SUCCESSO

Diretto da Daniel Cohen e sceneggiato dallo stesso con la collaborazione di Olivier Dazat, La felicità degli altri racconta la storia di Léa, Marc, Karine e Francis, amici di vecchia data. Ognuno occupa un posto ben preciso nel gruppo, che va d'amore e d'accordo fino al giorno in cui Léa confessa agli altri che sta scrivendo un romanzo. Il libro ben presto diventerà un best-seller e il successo di Léa scatenerà piccole gelosie e grandi cattiverie.

Con la direzione della fotografia di Stephan Massis, le scenografie di François Emmanuelli, i costumi di Virginie Montel e le musiche di Maxime Desprez e Michaël Tordjman, La felicità degli altri è una commedia corale (crudele) sul significato profondo dell'amicizia. Ha raccontato il regista: "Prima di essere un film, La felicità degli altri nasce come opera teatrale che avrei dovuto mettere in scena. Uno dei coproduttori mi ha suggerito di trarne un film e ho cominciato solo allora a lavorare su una sceneggiatura cinematografica. Avrei voluto realizzare i due progetti in contemporanea ma alla fine il film ha avuto la meglio. Ricordo bene cosa ha fatto nascere la storia. Anni fa, sono andato ad aiutare in teatro la costumista di Il nome del figlio, la commedia di La Patellière e Delaporte che tempo dopo sarebbe divenuta anche un film di successo. Vedere il pubblico scoppiare a ridere per le battute e le situazioni esplosive, mi sono ripromesso di fare prima o poi qualcosa che avesse lo stesso spirito e la stessa spinta. Mi hanno sempre interessato quelle storie in cui un gruppo di persone pensano ognuno di essere al posto giusto quando arriva qualcosa a cambiare lo status quo e a sconvolgere tutti, un po' come accade nei lavori di Yasmina Reza, a loro volta ispirati da Cechov. Ho così scritto quasi di getto La felicità degli altri".

"La situazione messa in scena è qualcosa che prima o poi capita a tutti", ha proseguito Cohen. "Nel momento in cui cominci qualcosa di nuovo, intorno a te si crea uno strano fenomeno: scopri che qualcuno sognava di fare la stessa cosa, alcuni ti ammirano, altri ti invidiano, c'è persino chi ti scoraggia o chi ti dice con aria di sufficienza che avrebbe potuto farlo anche lui... Impegnarsi e avere un certo successo non lascia nessuno indifferente. Accade in tutti gli ambiti ma nel mondo dell'arte è più frequente: tutti volevano scrivere un libro, redigere una sceneggiatura o girare un film. Quando si incontra qualcuno che è diventato famoso, si sente dire dagli amici che il successo lo ha cambiato o gli ha dato alla testa ma a volte è chi lo circonda a essere cambiato. Ci si dovrebbe interrogare sulla purezza dei nostri sentimenti: non sono forse le nostre reazioni dettate dall'egoismo, dall'invidia, dalla gelosia o dall'amarezza? Mi interessava esplorare quest'aspetto nel raccontare di come il successo improvviso cambi un equilibrio apparente di un gruppo di amici".

 

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere La felicità degli altri è Daniel Cohen, regista, sceneggiatore e attore francese, Nato a Djerba nel 1964 in una famiglia di orologiai, ha lavorato come grafico e frequentato la Scuola di Teatro Charles Dullin prima di essere ammesso alla École Supérieure de Réalisation Audiovisuelle. Attore in una… Vedi tutto

Commenti (1) vedi tutti

  • Diretto da Daniel Cohen e sceneggiato dallo stesso con la collaborazione di Olivier Dazat, La felicità degli altri è una tracotante riflessione sull'invidia che pervade, sempre più manifesta, la nostra umanità e il successo degli altri. Partendo anche dalla propria esperienza personale, il regista e autore, ormai al quarto film, si è reso conto che

    leggi la recensione completa di gaiart
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

gaiart di gaiart
7 stelle

"La rivalità del fallito"   Alzi la mano chi non ha mai sperimentato l'odio funesto del fallito che ha a fianco. Che sia a scuola, nel campo da tennis, in tv o il collega in ufficio, spesso hanno per noi, un astio irreprimibile.   Diretto da Daniel Cohen e sceneggiato dallo stesso con la collaborazione di Olivier Dazat, La felicità degli altri tocca proprio… leggi tutto

1 recensioni positive

2021
2021

Recensione

gaiart di gaiart
7 stelle

"La rivalità del fallito"   Alzi la mano chi non ha mai sperimentato l'odio funesto del fallito che ha a fianco. Che sia a scuola, nel campo da tennis, in tv o il collega in ufficio, spesso hanno per noi, un astio irreprimibile.   Diretto da Daniel Cohen e sceneggiato dallo stesso con la collaborazione di Olivier Dazat, La felicità degli altri tocca proprio…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
locandina
Foto
2020
2020
locandina
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito