Il grido

Regia di Michelangelo Antonioni

Con Steve Cochran, Alida Valli, Betsy Blair, Dorian Gray, Gabriella Pallotta Vedi cast completo

Guardalo su
  • RakutenTv
  • Amazon Prime Video
  • Chili
  • Chili
In STREAMING

Trama

Aldo che lavora come operaio in uno zuccherificio convive da sette anni con Irma. Dalla loro unione è nata una bambina. Il marito di Irma è emigrato da molti anni e l'arrivo della notizia della sua morte apre per Aldo la prospettiva del matrimonio. Irma però non ne vuole più sapere dell'uomo e gli confessa di non amarlo più. Per Aldo e per la bambina comincia un viaggio in Val Padana, alla disperata ricerca di una donna che possa occuparsi di lui e della sua bambina.

Note

La chiave individualistica di cui è permeato tutto il cinema di Antonioni viene affrontata partendo dalla travagliata vicenda di Aldo.

Commenti (9) vedi tutti

  • Vent’anni prima, anche trenta, Antonioni ha visto giusto. C’è il suo sguardo da lontano, una prospettiva rinascimentale si direbbe, dove tutto si dispone secondo precisi calcoli matematici.

    leggi la recensione completa di yume
  • Un uomo precipita nel suo baratro personale, ma nessuno è lì a tendergli la mano.

    leggi la recensione completa di giansnow89
  • Melodramma padano degli anni cinquanta.

    leggi la recensione completa di ezio
  • VOTO 8+ DESOLATO Disperato grido d'angoscia verso un'esistenza segnata dalla sofferenza e dal dolore. Bellissime le location, sempre invernali che rispecchiano un malessere interiore, un vuoto incolmabile, un dolore universale. Senza via di scampo.

    commento di luca826
  • ottimo

    commento di danandre67
  • E' il viaggio di un Ulisse dell'Italia anni '50, forse un po' troppo lungo ma sicuramente interessante. Ottime le ambientazioni ed i personaggi che ci danno un'immagine molto realistica di quei tempi. Da vedere e rivedere.

    commento di sonicyouth
  • 7-

    commento di nico80
  • il miglior film di Antonioni…poi ha cominciato a fare l'extraterrestre con cose orride e incomprensibili, e soprattutto noiosissime

    commento di bocchan
  • immerso nella melanconia delle nebbie padane e corroso da un inguaribile malessere esistenziale, e' uno dei migliori film di Antonioni

    commento di ed wood
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

ezio di ezio
9 stelle

Dopo che Aldo ( Cochran) operaio in uno zuccherificio del Po,viene lasciato dalla donna con cui ha vissuto per sette anni (Valli) tenta disperatamente di riconquistarla ,ma,capito che ormai e' tutto finito per lei,lascia la casa e il lavoro e vaga assieme alla figlia piccola Rosina per la pianura padana alla ricerca di un lavoro.Antonioni filma,tra nebbie padane,squallore proletario e malessere… leggi tutto

21 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

jonas di jonas
6 stelle

L’assunto del film è che certe inquietudini esistenziali non sono una prerogativa delle classi elevate ma possono riguardare anche i proletari (speravano di scamparla, e invece no). La dimostrazione viene affidata alla vicenda di un operaio che, inopinatamente abbandonato dall’amante proprio ora che potrebbero sposarsi (il marito di lei, emigrato da anni, è morto),… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

2020
2020

Recensione

antonio de curtis di antonio de curtis
8 stelle

Buon film di Antonioni. Ritenuto dai critici come opera di passaggio dall'epoca neorealista al periodo dell'incomunicabilità tipica del regista. Vede come protagonista del film il bravo Steve Cochran mentre le donne sono Alida Valli, Dorian Gray( doppiata da Monica Vitti futura compagna e musa del regista ferrarese) e l'inglese Blair. Sceneggiato da Antonioni con De Concini e…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

La morte che rimane

Peppe Comune di Peppe Comune

Quando dimenticare già significa morire, e curarsi della morte vuol dire sottrarre la vita dalle pene dell'oblio. I corpi dei defunti stanno lì, immobili, e si fanno specchio della triste solitudine…

leggi tutto

Aprile 2020

LorismaL di LorismaL

E' arrivato Maggio ed è tempo della mia playlist mensile dei titoli visti ad Aprile, mese in cui i Film italiani la fanno da padrone. Come noterete ho approfondito il genere della commedia all'italiana, retta…

leggi tutto
2019
2019
2018
2018

Recensione

yume di yume
9 stelle

“ Dalla torre in cui lavoravo vedevo la mia casa, il cortile dove giocava Rosina…”   Quella torre è il perno intorno al quale gira tutto il film, da lì si comincia e lì finisce la vita di Aldo ma anche quella di tante comparse che, più o meno silenziose, ruotano intorno alla sua vita fino a sparire. Sullo sfondo moti di piazza, contadini…

leggi tutto
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

noodless94 di noodless94
8 stelle

La nebbia padana avvolge tutto. Rende irriconoscibile persone e strade che conosciamo benissimo. Annebbia la mente, il cuore e l'anima, al punto che l'unica cosa da fare è cercare (o almeno, provare a cercare) un'altra via, che ci liberi dal vuoto in cui siamo finiti. Il grido è la storia di Aldo, capace di perdersi e non essere più in grado di ritrovare la giusta via della…

leggi tutto

Recensione

stefanocapasso di stefanocapasso
9 stelle

Nelle valli del Po Aldo comincia il suo percorso straziante alla ricerca di una pace interiore che non trova. Irma, con la quale ha una figlia, l’ha lasciato per un altro uomo e lui gira per l’Italia fermandosi in diversi posti, dove conosce donne che invano tenta di far diventare sostitute di Irma. Michelangelo Antonioni riprende l’ambientazione di uno dei suoi primi lavori,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
2017
2017

Recensione

giansnow89 di giansnow89
7 stelle

Aldo (Cochran) ha un ottimo lavoro in uno zuccherificio, una buona posizione in paese, una compagna, Irma (Valli) e la figlia Rosina. Nulla sembrerebbe poter turbare la sua routine quotidiana. Ma un giorno Irma, dopo aver ricevuto notizia della morte del marito che lavorava in Australia, confessa ad Aldo di non amarlo più. L'uomo abbandona il paese e cerca disperato rifugio prima…

leggi tutto

Piango, evviva!

karugnin di karugnin

Qualche giorno fa lessi la bella e accorata recensione di @Badu D Shinya Lynch su "Der Freie Wille": fui talmente colpito dall'intensità del suo coinvolgimento emotivo che procurai di vedere il film il giorno…

leggi tutto
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2016
2016
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 11 voti
vedi tutti

1 Maggio: Film sul lavoro

boychick di boychick

Oggi, inutile ricordarlo, è la Festa del Lavoro. Mai come in questo periodo il lavoro è tra i temi più discussi e sentiti. "L'Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro....."…

leggi tutto

Recensione

ezio di ezio
9 stelle

Dopo che Aldo ( Cochran) operaio in uno zuccherificio del Po,viene lasciato dalla donna con cui ha vissuto per sette anni (Valli) tenta disperatamente di riconquistarla ,ma,capito che ormai e' tutto finito per lei,lascia la casa e il lavoro e vaga assieme alla figlia piccola Rosina per la pianura padana alla ricerca di un lavoro.Antonioni filma,tra nebbie padane,squallore proletario e malessere…

leggi tutto
2015
2015

Recensione

Carlo Ceruti di Carlo Ceruti
10 stelle

Un uomo viene lasciato dalla sua donna dopo sette anni; se ne va di casa con la figlia per un viaggio apparentemente senza meta. Il viaggio si svolge in una nebbiosa e desertica Emilia Romagna, che altro non è che l'animo vuoto ed arido del protagonista rimasto solo. Il viaggio è una ricerca; una ricerca di qualcuno o qualcosa che lo aiuti ad esprimere o a liberarsi del suo dolore.…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito