Trama

Maria, Pinuccia, Lia, Katia e Antonella sono sorelle nate, cresciute e invecchiate in un appartamento all'ultimo piano di una palazzina nella periferia di Palermo. La loro è una casa che porta i segni del tempo che passa come chi ci è cresciuto e chi ancora ci abita.

Curiosità

LA PAROLA ALLA REGISTA EMMA DANTE

Il film è diviso in tre capitoli, ognuno dei quali corrisponde a un'età delle protagoniste: l'infanzia, l'età adulta, la vecchiaia.

Le protagoniste di questa storia sono cinque sorelle, di età compresa tra i nove e i diciotto anni. Nel primo capitolo la sorella più piccola, Antonella, muore a nove anni.

Nel capitolo successivo, Antonella continua ad abitare la casa ma mentre le altre sono cresciute lei è rimasta identica all'inizio. Nel secondo capitolo tocca a Maria morire, da adulta e nel terzo capitolo, quando ormai le tre sorelle sopravvissute sono anziane, Antonella e Maria permangono immutate.

Le cinque sorelle sono interpretate da attrici diverse nelle diverse fasi della loro vita.

Ci sono cinque attrici ragazzine nel primo capitolo; quattro attrici adulte più la stessa bambina del primo, nel secondo capitolo; tre attrici anziane, la stessa adulta del secondo e la stessa bambina del primo, nel terzo capitolo.

Nel film, dunque, le cinque sorelle sono interpretate da dodici attrici, come se a ognuna che resiste fino alla vecchiaia dovesse corrispondere una discontinuità e una mutazione nel corpo e nella faccia. L'attrice che interpreta una delle sorelle da giovane è diversa da quella che interpreta la stessa donna adulta. Noi potremmo essere disposti ad accettarlo perché sono due fasi differenti della vita, la giovane e la donna adulta sono persone diverse, sono cambiate.

Nel romanzo L'amica geniale, Elena Ferrante parla delle "smarginature" in cui i confini delle cose si sgretolano e le linee diventano sfumate, irregolari fino a perdere forma. Questa descrizione mi fa pensare a un cancro che riduce gli organi mangiucchiandoli e deformandoli dall'interno lasciando dei vuoti nella pelle, dei solchi che mutano l'aspetto della persona infestata dalla malattia.

Il risultato si vede nel tempo. Non è fulminante. È lento e progressivo come un cancro con cui si impara a convivere.

Questo film non parla di fantasmi, di revenant che tornano dalle viscere della terra, ma di presenze che restano, che non se ne sono mai andate come non se ne va il lampadario del soggiorno a meno che non sia qualcuno a sradicarlo dal soffitto.

Dall'inizio alla fine della storia, la casa è piena di oggetti ottusamente resistenti; oggetti costruiti dai morti e appartenuti ai morti, che probabilmente sopravvivono ai vivi. Come il lampadario, il tavolo, il letto matrimoniale, la finestra, anche le sorelle Macaluso sono ottusamente resistenti.

Nell'appartamento all'ultimo piano di una palazzina in periferia, le cinque sorelle, da anni, fanno sempre gli stessi gesti, come una collaudata partitura. Usano gli stessi oggetti nello stesso modo.

Ci accorgiamo che il tempo è passato dalla loro usura: i cocci di qualche piatto sono stati incollati, sul pavimento graffiato c’è un solco in corrispondenza di un incedere nervoso di Pinuccia sempre identico negli anni, nella vasca una sbeccatura nello stesso punto, la maniglia della porta finestra sistematicamente resta in mano a Katia quando apre o chiude, ma nessuno si è mai occupato di ripararla. Anche il peggioramento persiste come se fosse necessario all'equilibrio domestico della famiglia. Durante le sue crisi di nervi, Lia vorrebbe distruggere tutto: "questa poltrona deve morire prima di me", ma alla fine desiste e lascia in pace la poltrona, posizionata nello stesso punto della stanza, da secoli. Nella casa, gli aloni dei quadri sulle pareti, testimoniano il tempo trascorso. Il buco che Lia fa nel muro lascia una ferita aperta per sempre.

Finché c’è la casa, permane la presenza delle sorelle. In un luogo in cui non si riesce a metabolizzare la morte, non si riesce a trovare il modo di farne qualcosa, non si sa dove "collocarla"; come se a prevalere, in quella casa, fosse appunto una distrazione strategica, un dimenticarsi di, un non avvedersi di che cosa andrebbe fatto.

Le sorelle Macaluso è un film sul tempo. Sulla memoria. Sulle cose che durano. Sulle persone che restano anche dopo la morte. È un film sulla vecchiaia come traguardo incredibile della vita.

NOTE DI VISIONE: Al centro della visione di regia c'è il desiderio di raccontare la mutazione di corpi e oggetti nel tempo. Gli oggetti, come i corpi delle sorelle, sono nel loro mutare nei settant'anni di esistenza di questa famiglia che raccontiamo. Lo sguardo della cinepresa è dinamico nel seguire i movimenti delle protagoniste, ma assume anche delle posizioni fisse all'interno della casa, come per rappresentare gli occhi dell'abitazione stessa. Questo "sguardo della casa", ricorrendo più volte, diventa particolarmente evidente e riconoscibile dallo spettatore. Ancor più evidente è l'esistenza di tale sguardo nelle scene in cui le sorelle sono fuori dalla casa o dall'inquadratura, segno che gli occhi della casa non si chiudono nonostante l’assenza delle inquiline. La macchina da presa quindi scruta in modo ossessivo oggetti, corpi e movimenti restituendo la vita e l'evolversi della vita nella casa in modo del tutto originale. È esemplare in questo senso il finale del film, quando la macchina da presa, posizionata negli stessi punti di osservazione, consegna allo spettatore l’immagine della casa scarnificata e scorticata dal prelevamento degli oggetti che la abitavano e dall'uscita delle sorelle. La morte, quindi, entra davvero nella casa solo quando gli oggetti sono "asportati" dal loro contesto e le sorelle abbandonano definitivamente la loro dimora con la morte della sua custode principale. È possibile in questo modo trasmettere una delle riflessioni che stanno alla base del film: la forza vitale della memoria. È l'amore delle sorelle tra loro e per questa casa che tiene in vita la loro intera esistenza come fosse un unico organismo vivente a prescindere dalla morte fisica di alcune di loro; è lo spezzarsi, lo smembrarsi, lo svuotarsi, il denudarsi di questo organismo vivente che ne determina la morte.

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (4) vedi tutti

  • La casa, i piccioni, i ricordi, i lutti: testimonianze di una famiglia che c'era, prima della tragedia. Bello il soggetto, peccato per l'esecuzione: scene madri al limite della caricatura, scelte musicali enfatiche e discutibili, sequenze che vorrebbero essere avvolgenti, evocative e invece palesano una messa in scena paludata, retorica, ammuffita.

    commento di M Valdemar
  • Insolito e originale film italiano, presentato a Venezia nell'ultima rassegna d'arte cinematografica.

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Protagoniste cinque sorelle e un appartamento che condividono con un stormo di colombi durante tre fasi della vita: un film che prende al cuore più che alla testa, emoziona e commuove, lascia un magone che ti accompagna all'uscita.

    leggi la recensione completa di port cros
  • Purtroppo dissento. Dissento anche se riconosco dei pregi che enuclerò dopo evidenti ed incontrastabili difetti. Ad esempio Dante dice in conferenza che è un film sulla sorellanza e che le donne non sanno mai apprezzarsi una con l'altra, non si amano e non si supportano. Vero. Quindi per sostenere il contrario la domanda è : "ci fai un film? Sull'

    leggi la recensione completa di gaiart
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

laulilla di laulilla
8 stelle

  Emma Dante torna al cinema adattando allo schermo una sua pièce teatrale, molto apprezzata, che porta lo stesso titolo, ovvero Le sorelle Macaluso: lo fa – affiancata nella sceneggiatura da Elena Stancanelli e Giorgio Vasta – non solo modificandone il copione, e riducendo il numero delle sorelle protagoniste (che da sette diventano cinque) ma, soprattutto,… leggi tutto

5 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

gaiart di gaiart
5 stelle

Purtroppo dissento. Dissento anche se riconosco dei pregi che enuclerò dopo evidenti ed incontrastabili difetti.   Ad esempio Dante dice in conferenza che è un film sulla sorellanza e che le donne non sanno mai apprezzarsi una con l'altra, non si amano e non si supportano. Vero. Quindi per sostenere il contrario la domanda è : "ci fai un film? Sull'odio tra… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

2020
2020

Recensione

SteuSchiroiDelon di SteuSchiroiDelon
10 stelle

Imperdibile, “Le sorelle Macaluso”, dove recita una squisita mia “amica” di palestra: la inarrivabile e per bellezza sincera e per verità Donatella Finocchiaro, è uno di quei film che ti ammanetta alla sedia del cinema, uno di quelle pellicole che vuoi non finiscano mai. C’è la gioia, e il dolore, in un pendolo bilanciatissimo, c’è…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

laulilla di laulilla
8 stelle

  Emma Dante torna al cinema adattando allo schermo una sua pièce teatrale, molto apprezzata, che porta lo stesso titolo, ovvero Le sorelle Macaluso: lo fa – affiancata nella sceneggiatura da Elena Stancanelli e Giorgio Vasta – non solo modificandone il copione, e riducendo il numero delle sorelle protagoniste (che da sette diventano cinque) ma, soprattutto,…

leggi tutto

Recensione

obyone di obyone
8 stelle

    Venezia 77. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica. Oltre le finestre riecheggiano la cantilena dei passi, l'eco delle voci, il rumore delle porte sbattute, gli schiamazzi della vita famigliare. Imprigionati tra quelle mura i ricordi del tempo passato affiorano nel levigato bordo dorato di un piatto, che apparteneva al servizio buono, quello ricevuto dagli sposi come…

leggi tutto

Recensione

port cros di port cros
8 stelle

Voto: 7,5 su 10   L’infanzia/adolescenza, l’età adulta e la vecchiaia delle cinque sorelle Macaluso: Maria, Pinuccia, Lia, Katia, Antonella, cresciute senza genitori in un appartamento al piano alto di una palazzina a Palermo, in parte trasformata in voliera per uno stormo di colombe allevate per affittarle per matrimoni ed altri eventi. Un rapporto di sorellanza…

leggi tutto

Venezia 77

obyone di obyone

Ce l'abbiamo fatta!! Abbiamo sopportato stoicamente l'uso delle mascherine per un paio d'ore, giusto il tempo per mettersi in fila e guardare i film che tanto amiamo. Ma è stato questo gran sacrificio? Non…

leggi tutto

Recensione

Leo Maltin di Leo Maltin
5 stelle

Molto liberamente tratto dal suo omonimo lavoro teatrale, il secondo film della regista è un dramma familiare meno sanguigno rispetto al solito tono dell’autrice, che anche stavolta firma la sceneggiatura con Giorgio Vasta. Riducendo il numero originale delle figure femminili da 7 a 5, l’adattamento diventa di fatto un cripto-remake di Piccole donne che vivono in una mansarda…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

gaiart di gaiart
5 stelle

Purtroppo dissento. Dissento anche se riconosco dei pregi che enuclerò dopo evidenti ed incontrastabili difetti.   Ad esempio Dante dice in conferenza che è un film sulla sorellanza e che le donne non sanno mai apprezzarsi una con l'altra, non si amano e non si supportano. Vero. Quindi per sostenere il contrario la domanda è : "ci fai un film? Sull'odio tra…

leggi tutto

Recensione

alan smithee di alan smithee
9 stelle

VENEZIA 77 - CONCORSO In tre atti secchi che trasudano sentimento, energia e voglia di vivere nonostante gli ostacoli spesso insormontabili, si consuma la storia di vita, sopravvivenza e passione talvolta frustrata, ma anche di morte, delle cinque sorelle Macaluso. Ovvero di Maria, Katia, Pinuccia, Antonella e Lia. Cinque donne che già da ragazze, o proprio bambine, si ritrovano ad…

leggi tutto
Venezia 2020: Giorno 8

Venezia 2020: Giorno 8

Alla Mostra del Cinema di Venezia si proietta l'ultimo titolo italiano in corsa per il Leone d'Oro: Le sorelle Macaluso di Emma Dante. La regista e… segue

Post
Uscito nelle sale italiane il 7 settembre 2020
locandina
Foto
Ileana Rigano
Foto
2019
2019
Viola Pusatieri, Simona Malato, Ileana Rigano, Anita Pomario, Serena Barone, Rosalba Bologna, Emma Dante, Alissa Maria Orlando, Eleonora De Luca, Donatella Finocchiaro, Maria Rosaria Alati, Susanna Piraino, Laura Giordani
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito