Trama

Nella Francia occupata del 1942, Gilles viene arrestato dalle SS insieme ad altri ebrei e mandato in un campo di concentramento in Germania. Riesce per poco a evitare la morte giurando di essere persiano ma non ebreo. Viene quindi scelto per insegnare il farsi al direttore del campo, un uomo che sogna di aprire un ristorante in Iran una volta finita la guerra. Il particolare rapporto tra i due uomini finisce però con la scatenare la gelosia di altri prigionieri e ufficiali...

Approfondimento

LEZIONI DI PERSIANO: IL VALORE DELLA MEMORIA E DELL'INVENTIVA UMANA

Diretto da Vadim Perelman e sceneggiato da Ilya Zofin, Lezioni di persiano racconta come nella Francia occupata del 1942 Gilles venga arrestato dai soldati delle SS insieme ad altri ebrei e trasferito in un campo di concentramento in Germania. Qui, evita la morte giurando alle guardie di non essere ebreo ma persiano. La bugia lo salva temporaneamente ma lo porta a un compito imprevisto: insegnare il farsi a Koch, il direttore del campo che sogna di aprire un ristorante in Iran una volta finita la guerra. Ricorrendo al suo ingegno, Gilles riesce ad andare avanti inventando parole ogni giorno e insegnandole all'ufficiale nazista. La particolare relazione che si crea tra i due scatena però la gelosia degli altri prigionieri e delle SS. E, mentre i sospetti di Koch crescono giorno dopo giorno, Gilles intuisce che non potrà portare avanti a lungo il suo gioco.

Con la direzione della fotografia di Vladislav Opelyamts, le scenografie di Dmitriy Tatarnikov e Vlad Ogai, i costumi di Alexey Kamyshov e le musiche di Evgueni e Sacha GalperineLezioni di persiano è tratto dal racconto Erfindung einer sprache di Wolfgang Kohlhaase. A spiegare le ragioni dell'adattamento è lo stesso regista in occasione della presentazione del film al Festival di Berlino 2020: "A parlarmi del racconto di Kohlhaase è stato per la prima volta il produttore Timur Bekmambetov: mi ha ispirato immediatamente e ho capito quanto potenziale avesse la storia. Esistono centinaia di storie simili in cui si sottolinea come grazie ad arguzia e intelligenza qualche ebreo sia riuscito a sopravvivere all'orrore dell'Olocausto. A me piace pensare che quella di Kohlhaase sia una storia realmente accaduta e a lieto fine: del resto, traeva a sua volta ispirazione da un racconto che un amico fece allo scrittore alcuni anni dopo il secondo conflitto mondiale. Al di là delle somiglianze. Kohlhasse è ricorso al suo genio per raccontare la vicenda della sana follia di un uomo che grazie al coraggio, alla fortuna, alla rapidità di pensiero e alla solidarietà, riesce a sfuggire al pericolo nazista".

"Ho voluto che il film fosse il più realistico possibile", ha aggiunto Perelman. "Per tale ragione, abbiamo condotto approfondite ricerche sui campi di concentramento, sul loro funzionamento, sul tempo che le persone trascorsero al suo interno. In particolar modo, ci siamo concentrati sul campo di Natweiler Struthof, che si trovava tra la Francia e la Germania, nel nord est della Francia. Ma questo non ci ha però impedito di fare riferimento ad altre strutture, come ad esempio quella di Buchenwald. Usando foto o video di campi differenti, abbiamo sempre cercato di risultare veritieri e autentici".

Ha infine sottolineato: "La memoria è uno dei temi principali del film: prima che la guerra finisse, i nazisti hanno provato a distruggere ogni prova del loro operato ma spetta a noi mantenerne viva la memoria per evitare che alcune cose si ripetano. Lezioni di persiano è un film sulla memoria ma anche sull'inventiva umana, sulla capacità che ha il nostro spirito di trovare soluzioni sorprendenti per sopravvivere: Gilles, per esempio, usa i nomi dei prigionieri per creare le sue parole. In questo modo, non solo salva se stesso ma rende eterni i nomi di coloro che altrimenti sarebbero caduti nell'oblio per sempre".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Lezioni di persiano è Vadim Perelman, regista e sceneggiatore ucraino. Nato a Kiev nel 1963 da una famiglia di origine ebrea, ha perso il padre in tenera età e, poco più che bambino, è emigrato con la madre a Vienna prima e a Roma dopo, dove ha vissuto un periodo di estrema povertà. Una volta avuto i… Vedi tutto

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
2020
2020
locandina
Foto
locandina
Foto
Lars Eidinger, Nahuel Pérez Biscayart
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito