Trama

Roy Courtnay, artista della truffa, non riesce a credere al colpo di fortuna che ha quando online conosce Betty Mcleish, una vedova benestante. Quando Betty gli apre le porte del suo cuore e della sua casa, Roy si sorprende dal veder nascere in lui il desiderio di prendersi cura della donna, trasformando quella che era nata come una truffa scontata in qualcosa di molto diverso...

Approfondimento

L'INGANNO PERFETTO: UNA RETE DI SEGRETI E BUGIE

Diretto da Bill Condon e sceneggiato da Jeffrey Hatcher, L'inganno perfetto racconta la storia di Roy Courtnay, un navigato lestofante e genio della truffa che on line fa la fortuita conoscenza di Betty McLeish. Non credendo al colpo di fortuna che ha avuto nell'imbattersi della benestante vedova, Roy entra nella sua vita per mettere a segno un altro colpo. Sin dall'inizio, Roy usa la sua consumata esperienza per manipolare Betty, che sembra avere i piedi ben saldi per terra. Con sorpresa, però, si affeziona alla donna e quella che sarebbe dovuta essere una truffa veloce e rapida si trasforma in un percorso da funambolo, il più infido della sua vita, dando vita a un gioco del gatto con il topo in un campo minato fatto di pericoli, intrighi e tradimenti.

Con la direzione della fotografia di Tobias Schliessler, le scenografie di John Stevenson, i costumi di Keith Madden e le musiche di Carter Burwell, L'inganno perfetto è tratto dall'omonimo romanzo di Nicholas Searle. A raccontare le ragioni dell'adattamento è lo stesso regista: "L'inganno perfetto offre uno sguardo intrigante al lato oscuro della natura umana ma lo fa ricorrendo spesso a un sprazzi di macabro umorismo. Si tratta di un thriller dall'atmosfera hitchcokiana che intreccia elementi di mistero, criminalità e passioni umane. Al centro vi sono due personaggi complessi tra cui è difficile scegliere chi è la vittima e chi il carnefice. Il pubblico si ritrova di fronte a continui colpi di scena che spiazzano e rendono particolarmente complicato il puzzle non tanto per gli eventi in sé ma per i motivi che li generano e per le conseguenze che provocano".

"Roy e Betty sono entrambi alla ricerca di qualcosa di speciale e hanno deciso di rischiare", ha continuato Condon. Ecco perché L'inganno perfetto esplora non solo l'arte dell'inganno ma anche il mondo delle relazioni interpersonali mostrando, in maniera cinica, come il successo in entrambi i campi si agguanti allo stesso identico modo. Una cosa è certa: quando la incontra, Roy sottovaluta Betty e le sue capacità: vorrebbe sfruttare la sua apparente vulnerabilità per truffarla e scappare portandole via anche l'ultimo centesimo. Si convince di essere anche sul punto di farcela: del resto, da quando è rimasta vedova, Betty è per tutti una donna compassionevole, sola, più accogliente che saggia. Tuttavia, le cose potrebbero essere molto diverse e la donna potrebbe avere più di un segreto".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere L'inganno perfetto è Bill Condon, regista e sceneggiatore statunitense, premio Oscar alla migliore sceneggiatura non originale per Demoni e dei (biopic dedicato alla figura del regista James Whale). Con alle spalle titoli come Kinsey e Dreamgirls, Condon ha nel 2011 l'opportunità di farsi conoscere nel… Vedi tutto

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

supadany di supadany
5 stelle

Torino Film Festival 37 – Festa Mobile.   Chi la fa, l’aspetti. Il diavolo fa le pentole ma non i coperchi. La vendetta è un piatto che va servito freddo. Chi rompe paga e i cocci sono suoi. Il lupo perde il pelo ma non il vizio. Chi semina vento raccoglie tempesta. Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino. Potremmo andare avanti ancora a lungo… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

alan smithee di alan smithee
3 stelle

TFF 37 - FESTA MOBILE Una vecchia volpe inglese da decenni operante nel fruttuoso settore degli imbrogli ai danni del ceto abbiente ma un po' ingenuo, è ora all'opera cercando di ammaliare una vedova conosciuta in una chat, alla quale il vecchiaccio tenta di spillare tutto il patrimonio, cointestandosi gli investimenti della donna, dirigendoli verso un promotore finanziario connivente… leggi tutto

1 recensioni negative

2019
2019

Recensione

alan smithee di alan smithee
3 stelle

TFF 37 - FESTA MOBILE Una vecchia volpe inglese da decenni operante nel fruttuoso settore degli imbrogli ai danni del ceto abbiente ma un po' ingenuo, è ora all'opera cercando di ammaliare una vedova conosciuta in una chat, alla quale il vecchiaccio tenta di spillare tutto il patrimonio, cointestandosi gli investimenti della donna, dirigendoli verso un promotore finanziario connivente…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Recensione

supadany di supadany
5 stelle

Torino Film Festival 37 – Festa Mobile.   Chi la fa, l’aspetti. Il diavolo fa le pentole ma non i coperchi. La vendetta è un piatto che va servito freddo. Chi rompe paga e i cocci sono suoi. Il lupo perde il pelo ma non il vizio. Chi semina vento raccoglie tempesta. Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino. Potremmo andare avanti ancora a lungo…

leggi tutto
Recensione
Utile per 12 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito