Honey Boy

play

Regia di Alma Har'el

Con Lucas Hedges, Shia LaBeouf, Noah Jupe, FKA Twigs, Martin Starr, Laura San Giacomo, Clifton Collins jr., Byron Bowers, Maika Monroe... Vedi cast completo

Guardalo su
  • Amazon Prime Video
  • Amazon Prime Video
  • Infinity
  • Infinity
In STREAMING

Trama

A 12 anni, Otis comincia a lavorare nel mondo della televisione sotto la custodia del padre. Quando non è sul set, Otis trascorre le sue giornate in un motel ai confini della città con il genitore e i suoi metodi abusivi.

Approfondimento

HONEY BOY: SHIA LABEOUF RIPERCORRE LA SUA DIFFICILE INFANZIA

Diretto da Alma Har'el e sceneggiato da Shia LaBeouf, Honey Boy ripercorre la burrascosa infanzia e le prime fasi dell'età adulta di Otis, un giovane attore che fatica a riconciliarsi con il padre James, alcolizzato clown da rodeo e criminale.

Con la direzione della fotografia di Natasha Braier, le scenografie di Jc Molina, i costumi di Natalie O'Brien e le musiche di Alex Somers, Honey Boy si basa sull'esperienza autobiografica dell'attore Shia LaBeouf, attore cresciuto sotto gli occhi del pubblico. Recitando da quando aveva 10 anni, LaBeouf è divenuto famoso in mezzo mondo a soli 14 anni grazie al successo della sitcom Even Stevens, targata Disney Channel. Già a vent'anni, è entrato a far parte dell'universo delle grandi star di Hollywood rivelandosi come uno dei giovani attori più ricercati dallo star system. Con un curriculum che vanta blockbuster come Transformers ma anche opere d'autore come Nymphomaniac, LaBeouf ha rischiato di vedere la sua stella oscurarsi a causa di alcuni bizzarri comportamenti che nel 2017 facevano pensare a quella sorta di maledizione che solitamente colpisce chi è stato attore da bambino. Fortunatamente, una condanna del tribunale lo ha riportato in carreggiata, trasformandolo in sceneggiatore. Su consiglio del suo terapeuta, ha cominciato a scrivere della sua travagliata infanzia e, in particolare, del difficile rapporto con il padre, fatto di incomprensioni, competizione, traumi e amore indistruttibile. Ha dichiarato lo stesso: "La sceneggiatura di Honey Boy è nata quasi per caso, in un momento specifico della mia vita. Non si tratta di qualcosa a cui io abbia mai pensato o che ritenevo necessario fare. Ma sono stato costretto a confrontarmi con il mio passato e la scrittura si è rivelata una parte fondamentale della mia terapia: grazie a essa, sono risalito alla fonte dei miei demoni personali e li ho affrontati in maniera costruttiva. Una volta pronta, ho mandato la sceneggiatura alla mia amica e collaboratrice Alma Har'el ed è stata lei a volerne fare un film".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Honey Boy è Alma Har'el, regista e produttrice statunitense ma di origine israeliana. Nata nel 1976 in Israele, la Har'el ha mosso i primi passi nel mondo della pubblicità e dei videoclip musicali prima di affermarsi come documentarista, grazie a Bombay Beach e LoveTrue, due opere in cui rende labili i… Vedi tutto

Commenti (2) vedi tutti

  • Shia LaBeouf ci fa conoscere il bimbo contenuto nel "cattivo ragazzo", una seduta autoterapeutica girata con piglio sincero e schietto, dove egli fa pace coi suoi demoni interiori.

    leggi la recensione completa di GIMON 82
  • Shia Laboeuf si danna l'anima e insieme al bravissimo giovane interprete Noah Jupe tengono in piedi questo film, che però è gravato da una sceneggiatura con dialoghi spesso troppo ostentatamente teatrali. ciò fa perdere pregnanza alla narrazione, sacrificandone soprattutto la genuinità e l'emozione.

    commento di giovenosta
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

supadany di supadany
7 stelle

Festa del Cinema di Roma 2019 - Selezione ufficiale. A stare con lo zoppo, s'impara a zoppicare. Le frequentazioni condizionano l'individuo, arrivando al punto di segnarlo indelebilmente qualora siano assidue e cristallizzate su una posizione dominante. Nello specifico di un rapporto tra padre e figlio, quest'ultimo non può che assorbire come una spugna gli input che provengono… leggi tutto

4 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

alan smithee di alan smithee
6 stelle

FESTA DEL CINEMA DI ROMA 2019 - SELEZIONE UFFICIALE Figli che interpretano i propri padri in film che aiutano l'ex figlio ed ex bambino prodigio dello star system hollywoodiano, a liberarsi della tentazione sempre palpabile di odiare senza rimedio il proprio genitore per l'egoismo e la superficialità con cui egli ha intrapreso il suo mestiere e dovere di padre, affrontando di petto e… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

2020
2020

Recensione

Andreotti_Ciro di Andreotti_Ciro
7 stelle

Otis Lort, stella dodicenne di una sitcom per ragazzi, vive assieme a suo padre James in un motel alla periferia di Los Angeles. James è un ex veterano del Vietnam, disintossicatosi da poco e che impartisce al figlio lezioni di vita basate sul sopruso. Una volta cresciuto Otis diventa una persona problematica al centro di numerose risse e vittima di un incidente stradale causato…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

GIMON 82 di GIMON 82
7 stelle

Tornare a casa...seppur in quella casa sono nati i demoni, quelli sottopelle che anche se sei una giovane star, tornano a bussare alla tua porta. Shia LaBeouf torna coraggiosamente ad aprire quella porta, in questo film autoterapeutico, sincero e lungimirante. LaBeouf intraprende una scrittura personalizzata su misura, dichiarando con schiettezza il suo doloroso percorso umano.Senza filtri ci…

leggi tutto
Recensione
Utile per 9 utenti
locandina
Foto

Recensione

nickoftime di nickoftime
7 stelle

  Il cinema come terapia Il cinema come terapia. Così è quello di Shia LaBeouf in Honey Boy di Alma Har’el, in cui l’attore di Transformer e di Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo mette nero su bianco i trascorsi di un’infanzia segnata dalla precocità del talento artistico e dal drammatico rapporto con la figura paterna. Avendo come…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
2019
2019

Recensione

supadany di supadany
7 stelle

Festa del Cinema di Roma 2019 - Selezione ufficiale. A stare con lo zoppo, s'impara a zoppicare. Le frequentazioni condizionano l'individuo, arrivando al punto di segnarlo indelebilmente qualora siano assidue e cristallizzate su una posizione dominante. Nello specifico di un rapporto tra padre e figlio, quest'ultimo non può che assorbire come una spugna gli input che provengono…

leggi tutto
Recensione
Utile per 10 utenti

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

FESTA DEL CINEMA DI ROMA 2019 - SELEZIONE UFFICIALE Figli che interpretano i propri padri in film che aiutano l'ex figlio ed ex bambino prodigio dello star system hollywoodiano, a liberarsi della tentazione sempre palpabile di odiare senza rimedio il proprio genitore per l'egoismo e la superficialità con cui egli ha intrapreso il suo mestiere e dovere di padre, affrontando di petto e…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
locandina
Foto
Uscito nelle sale italiane il 1 gennaio 1970
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito