Espandi menu
cerca
Honey Boy

Regia di Alma Har'el vedi scheda film

Recensioni

L'autore

GIMON 82

GIMON 82

Iscritto dal 7 marzo 2012 Vai al suo profilo
  • Seguaci 107
  • Post -
  • Recensioni 456
  • Playlist 23
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Honey Boy

di GIMON 82
7 stelle

Shia LaBeouf ci fa conoscere il bimbo contenuto nel "cattivo ragazzo", una seduta autoterapeutica girata con piglio sincero e schietto, dove egli fa pace coi suoi demoni interiori.

Tornare a casa...seppur in quella casa sono nati i demoni, quelli sottopelle che anche se sei una giovane star, tornano a bussare alla tua porta.

Shia LaBeouf torna coraggiosamente ad aprire quella porta, in questo film autoterapeutico, sincero e lungimirante.

LaBeouf intraprende una scrittura personalizzata su misura, dichiarando con schiettezza il suo doloroso percorso umano.Senza filtri ci mostra l'infanzia negata di un bambino/attore e di una convivenza dolorosa con un padre tormentato dai demoni.

Se LaBeouf scrive la regista Alma Ha'rel dirige, con sensibilità femminile e senza manicheismi di sorta.In "Honey Boy" tutto risulta "pulito" e senza fronzoli per una storia lineare e pragmatica.

Tutto si sviluppa su due piani temporali, il presente con Lucas Hedge come alter-ego di LaBeouf alla prese con una riabilitazione in rehab dopo eccessi dovuti all'alcolismo.Nel passato troviamo il piccolo Otis , ovvero il bambino Shia ,traumatizzato da un padre reduce del Vietnam, alcolizzato e nevrotico che abusa psicologicamente di lui.

Sono lassi di tempo intersecati dove il medesimo protagonista fa i conti con se stesso, non ripudiandosi, ma cercando di far piazza pulita dei suoi traumi.

In mezzo vi è un abbandono materno e una vita tra cast di periferia e un quotidiano fatto d'infelicità. 

La Beouf presta dunque mente, cuore e corpo per impersonare il suo controverso padre, uomo alla deriva e impulsivo che tuttavia conferma un umanità di fondo.

La regia della Har'el bada dritto al sodo, non analizza e non giudica, ma porta a compimento un opera umana e necessaria per la crescita dell'uomo LaBeouf. 

"Honey boy" è dunque racconto di formazione "atipico" nella forma, nel suo andare a ritroso tra le pieghe di un tempo che si è fatto oggi, nella dolorosa esposizione di traumi che divengono pagine scritte.

Bravissimo il piccolo Noah Jupe a tratteggiare di tenerezza un bambino cresciuto troppo in fretta.

La Har'el da esperta di figure ai margini della società tratta le figure umanamente, gente di periferia che fa i conti con l'abbandono e il degrado.Ma più che lettura sociale ,l'interesse registico converge sulla guarigione dei traumi, attraversando un difficile rapporto padre e figlio, fatto di umiliazioni e vessazioni, ma anche d'infinito amore.

LaBeouf congeda dunque i suoi demoni, riabbracciando dolori e frustrazioni infantili, causati da un genitore anch'egli vittima di se stesso, che però è fondamentalmente una figura umana e dolente.

"Honey boy" si chiude con una luce di speranza, quella della maturazione di un giovane uomo che è stato un bambino ferito per troppo tempo ed ora torna a far pace con la sua vita....

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati