Trama

A Bruxelles, all'inizio degli anni Sessanta, Alice e Céline abitano in due case a schiera borghesi e gidentiche. Sono le migliori amiche del mondo, così come i loro figli di otto anni. L'armonia quasi perfetta vacilla il giorno in cui Alice assiste, impotente, alla morte accidentale di Maxime, il figlio di Céline. Accecata dal dolore, Céline rimprovera ad Alice di non aver fatto tutto il possibile per salvare suo figlio. Le due amiche si dividono…

Approfondimento

DOPPIO SOSPETTO: IL CONFRONTO PSICOLOGICO TRA DUE DONNE

Diretto da Oliver Masset-Depasse e sceneggiato dallo stesso con Giordano Gederlini (con la collaborazione di François Verjans), Doppio sospetto è ambientato nella Bruxelles dei primi anni Sessanta e racconta la storia di Alice e Céline, due donne che, vicine di case, sono ottime amiche come i loro due figli, Theo e Maxime, cresciuti come fratelli. Le due famiglie sono solite stare sempre insieme ma l'armonia perfetta si incrina il giorno in cui Maxime, il figlio di Céline, muore tragicamente cadendo dalla finestra della sua camera da letto. Il tutto avviene talmente in fretta che Alice, testimone della scena, non può far nulla per intervenire e salvarlo. Accecata dal dolore, Céline incolpa l'amica di non averle salvato il figlio e dà inizio a una serie di comportamenti che diventano sempre più sospettosi. Alice teme così che Céline sia alla ricerca di vendetta nei confronti di suo figlio Theo.

Con la direzione della fotografia di Hichame Alaouie, le scenografie di Anna Falguères, i costumi di Thierry Delettre e le musiche originali di Frédéric Vervheval, Doppio sospetto si basa sul romanzo Derrière la haine di Barbara Abel e viene così raccontato dal regista in occasione della partecipazione al Festival di Toronto 2018: "Ho letto il romanzo di Barbara, scrittrice belga mia amica, e in me si è insinuata subito l'idea di farne un film. La storia aveva tutti gli ingredienti che stavo cercando per rimettermi al lavoro: si trattava di un soggetto profondamente toccante e umano che poteva dar luogo a un buon film di genere. Vi ho visto senza esitazione una tragedia umana raccontata con la prospettiva di uno spaventoso thriller psicologico. Sebbene abbia preso spunto dal romanzo, è giusto chiarire che si tratta di un libero adattamento: ho cambiato innanzitutto l'ambientazione spostandola dal presente agli anni Sessanta e ho modificato dopo altri dettagli per rendere la vicenda molto più cinematografica. Dopo aver realizzato un film e un tv movie fortemente radicati nell'attualità, avevo bisogno di qualcosa di diverso ed è stato per tale ragione che ho immaginato la storia, tetra e psicologicamente terrificante, ambientata sullo sfondo dei fiammeggianti anni Sessanta. Mi piaceva l'idea di giocare con il contrappunto estetico. I miei riferimenti sono stati piuttosto alti: prima e durante le riprese, ho visto e rivisto i film di Douglas SirkAlfred HitchcockDavid Lynch, maestri che non ti schiacciano con la loro genialità ma che ti invitano a fare del tuo meglio".

"A differenza di molti miei colleghi europei - ha proseguito il regista - io non mi reputo un innovatore. Ammiro però la capacità di americani e inglesi di coniugare narrazione e immagini e il modo in cui gli europei sono bravi nei ritratti di personaggi e nel realismo. Per tale ragione, la mia ambizione è quella di unire le due cose. Mi sono sempre cimentato in film d'azione psicologici, era arrivato ora il momento di realizzare un thriller psicologico in uno spazio chiuso. Lo spazio ristretto è simbolico e introduce quella che viene definita dimensione meta-psicologica: ogni cosa che vediamo sullo schermo potrebbe benissimo essere solo il frutto della mente dei personaggi".

"Doppio sospetto rimane un film per e sulle donne", ha concluso Masset-Depasse. "Come tutti i miei film, contiene qualcosa di femminista. Almeno spero che sia così. Il mio complimento preferito è quando mi si avvicina una spettatrice e mi dice di aver avuto l'impressione che il film sia stato diretto da una donna. Ho sempre trovato più facile parlare di me attraverso personaggi femminili. Forse fare film mi offre una maniera più semplice per far venir fuori il mio lato femminile. Ciò non significa che non vi sia quello maschile, intento a indagare i misteri affascinanti dell'essere umano. Quando crei un personaggio femminile, devi scivolare sotto la sua pelle e cercare la donna che è in te e ciò che intrinsecamente lega donne e uomini".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Doppio sospetto è Olivier Masset-Depasse, regista e sceneggiatore belga. Nato a Charleroi nel 1971, ha studiato regia all'IAD (Institut des Arts de Diffusion) e si è laureato in Sceneggiatura (e composizione musicale) allUniversité Européenne d'Ecriture. Sin dai suoi primi cortometraggi, Chambre froide… Vedi tutto

Commenti (1) vedi tutti

  • Ancora un volta l'uomo è scemo. E la donna perfida. In questo originale ed elegante thriller che tiene sospesi dalla sedia più o meno di 3 centimetri per ben 93 minuti, la sceneggiatura conferma l'assunto della mia tesi.

    leggi la recensione completa di gaiart
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

gaiart di gaiart
8 stelle

  Ancora un volta l'uomo è scemo. E la donna perfida. In questo originale ed elegante thriller che tiene sospesi dalla sedia più o meno di 3 centimetri per ben 93 minuti, la sceneggiatura conferma l'assunto della mia tesi, trionfando ai Magritte e vincendo 9 premi su 10 nominations.     Noir hitchcockiano al femminile diretto da Olivier Masset-Depasse,… leggi tutto

1 recensioni positive

2020
2020

Recensione

gaiart di gaiart
8 stelle

  Ancora un volta l'uomo è scemo. E la donna perfida. In questo originale ed elegante thriller che tiene sospesi dalla sedia più o meno di 3 centimetri per ben 93 minuti, la sceneggiatura conferma l'assunto della mia tesi, trionfando ai Magritte e vincendo 9 premi su 10 nominations.     Noir hitchcockiano al femminile diretto da Olivier Masset-Depasse,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
locandina
Foto
2019
2019
locandina
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito